Cronaca » Cultura

Domenica 16 Dicembre 2012 - ore 00:23

Torna alla luce il mosaico tardoromano di Savignano. Oggi l'inaugurazione

Domenica 16 dicembre si inaugura al Lapidario Romano il prezioso ritrovamento, ora restaurato. Scoperto a fine Ottocento da Crespellani, se ne erano perse le tracce. La scoperta dell'archeologo modenese fu illustrata dai disegni di Giuseppe Graziosi

Era stato scoperto per la prima volta nel 1897 da Arsenio Crespellani, lungo l'antica via Claudia nei pressi di Savignano sul Panaro. È tornato alla luce oltre un secolo dopo, tra il 2010 e il 2011, durante la realizzazione di una rotatoria. Il grande mosaico proveniente da una villa di epoca tardoromana sarà presentato domenica 16 dicembre alle 11 al Lapidario romano dei Musei civici, al piano terra di Palazzo dei Musei in largo Porta Sant'Agostino 337, alla presenza del sindaco di Modena Giorgio Pighi e dell'assessore alla Cultura Roberto Alperoli, del presidente della Provincia di Modena Emilio Sabattini, del soprintendente per i Beni archeologici dell'Emilia-Romagna Filippo Maria Gambari e della direttrice del Museo civico archeologico etnologico Ilaria Pulini.

Il mosaico, originariamente di 7 per 4,50 metri, è decorato con elementi stilizzati alternati al nodo di Salomone, con un tondo centrale incorniciato da una corona di lauro, tecnica che testimonia la ricchezza del committente. Resterà visibile al Lapidario Romano fino al 12 maggio, all’interno di una mostra curata dal Museo civico archeologico etnologico in collaborazione con la Soprintendenza ai Beni archeologici dell'Emilia Romagna (che ha diretto gli scavi) e la Provincia di Modena (che ha finanziato il distacco e il restauro del mosaico).
Al momento della prima scoperta, a fine Ottocento, l'elegante pavimentazione venne lasciata sul posto e coperta di terra. Come unica testimonianza rimase un acquerello dipinto da Giuseppe Graziosi che ne metteva in evidenza la raffinata fattura. Alla sua scoperta è dedicato anche il calendario 2013 realizzato dal Museo. Il calendario sarà dato in omaggio al pubblico in occasione dell'inaugurazione, assieme al “giornale di mostra”, che nei giorni seguenti resterà a disposizione ma sarà in vendita a 1 euro. L'ingresso all'esposizione è sempre gratuito negli orari di apertura del Lapidario: da lunedì a venerdì dalle 8 alle 19, sabato e domenica dalle 9.30 alle 19.

A FINE OTTOCENTO I PRIMI SCAVI DI CRESPELLANI

Il grande mosaico policromo di età tardoantica che verrà esposto dal 16 dicembre nel Lapidario romano dei Musei civici di Modena fu messo in luce per la prima volta nel 1897, dall'archeologo modenese Arsenio Crespellani, durante gli scavi di una villa romana nel podere Melda di Sotto presso Savignano sul Panaro lungo l’asse stradale dell’antica via Claudia. La presenza di numerosi resti archeologici lungo la valle del Panaro nei dintorni di Savignano era già ampiamente nota a Crespellani dalle informazioni raccolte dal nonno Arcangelo e dal prozio Domenico che nella prima metà dell’Ottocento avevano messo insieme una vasta collezione di reperti raccolti nella zona, conservata nella villa di famiglia di Doccia, situata a breve distanza dal Podere Melda. Nel corso dello scavo fu individuata anche una seconda pavimentazione musiva figurata che decorava un altro ambiente della villa.

La necessità di conservare una testimonianza il più possibile fedele della policromia dei mosaici prima di ricoprirli nuovamente di terra spinse Crespellani a chiedere l’intervento dell'artista Giuseppe Graziosi, che in quegli anni lo affiancava realizzando disegni di reperti e schizzi topografici. Oltre ai due mosaici della villa romana Graziosi illustrò altri ritrovamenti archeologici effettuati negli ultimi anni del XIX secolo da Crespellani, probabilmente come segno di riconoscenza per il sostegno economico che lo studioso gli aveva accordato per completare la sua formazione artistica. I disegni acquerellati dei due mosaici, conservati nel fondo Graziosi dei Musei saranno esposti al pubblico in occasione della mostra nel Lapidario romano.
Nel 2010-2011 la villa romana di Melda di Sotto è stata nuovamente oggetto di indagini archeologiche durante i lavori per la costruzione di una rotatoria in località Magazzino, nell’ambito della realizzazione del tratto di Pedemontana tra Ergastolo e Bazzano. Le indagini hanno riportato alla luce quattro ambienti appartenenti alla villa, tre dei quali con decorazioni musive.
I nuovi scavi, diretti dalla Soprintendenza per i Beni archeologici dell’Emilia-Romagna e finanziati dalla Provincia di Modena, hanno consentito il distacco e il restauro del grande mosaico del primo ambiente della villa, mentre un altro mosaico è stato lasciato sul posto perché troppo degradato per essere asportato.
Oltre ai due mosaici di età tardoantica già scoperti da Crespellani, nel nuovo scavo è stato individuato, e successivamente distaccato e restaurato, anche un frammento di mosaico del IV secolo con motivo ad arcate su colonne che formava la cornice della pavimentazione del secondo ambiente della villa. Le nuove indagini hanno permesso di confermare la datazione del complesso tardoantico proposta da Crespellani e hanno inoltre messo in luce elementi riferibili al primo impianto della villa, che si fa risalire alla fine del I secolo a.C. - I secolo d.C.

LA VILLA ROMANA DI MELDA DI SOTTO

Storia dell'edificio nel quale è stato rinvenuto il mosaico in mostra a Modena

La villa di Melda di Sotto dalla quale proviene il mosaico che sarà in mostra a Modena da domenica 16 dicembre (Lapidario romano dei Musei civici), probabilmente faceva parte di un centro rurale che costituiva anche il fulcro della vita civile e religiosa, nelle vicinanze dell’antica “strada Claudia” (vicino all'abitato dell'odierna Savignano sul Panaro).

La fiorente economia del territorio era basata principalmente sulla lavorazione dell’argilla, sulla coltivazione della vite e dell’olivo e sull’allevamento di ovini per la produzione della celebre “lana modenese”. Strabone alla fine del I secolo a.C. ricorda la qualità delle lane ricavate dagli allevamenti della zona prossima al Panaro, superiori alle altre per morbidezza e bellezza. Già al momento della sua costruzione, che risale alla fine del I secolo a.C. - I secolo d.C., la villa aveva una zona destinata a residenza con pavimenti a mosaico o in “opus signinum”, pavimentazione tipica dell’epoca. Sotto ad uno dei pavimenti della villa tardoantica sono stati trovati i resti di una vasca in cocciopesto, forse utilizzata per la decantazione del vino o dell’olio o per la lavorazione della argilla.
In età tardoantica la villa è oggetto di importanti opere di rifacimento. Anche se i dati forniti dallo scavo non consentono di definirne la tipologia architettonica e neppure di ipotizzarne l’estensione complessiva, è indubbio tuttavia che tra IV e V secolo la zona residenziale venne ampliata e arricchita con splendidi mosaici policromi. Lo scavo ha messo in luce un nucleo di cinque ambienti comunicanti. Quattro sono a pianta quadrata, ampi circa una ventina di metri quadrati ciascuno. Il quinto ambiente, aggiunto ex novo nel V secolo, aveva una dimensione di circa 35 metri quadrati ed era pavimentato con il grande mosaico esposto in mostra.. Si tratta probabilmente del vano principale della villa, in cui si dovevano celebrare la ricchezza e il potere del proprietario, probabilmente un personaggio di alto rango.
La ristrutturazione del V secolo potrebbe forse coincidere con la politica di rinnovamento edilizio messa in atto da Onorio soprattutto nei confronti di quei territori, quale quello lungo il Panaro, situati in zone strategicamente importanti per il collegamento con Ravenna, dal 402 nuova capitale dell’Impero. Gli eleganti pavimenti testimoniano una committenza ricca e raffinata, che attraverso il lusso degli ambienti intendeva sottolineare il proprio status sociale. In un momento di crisi generalizzata dell’impero, scosso da ripetute incursioni barbariche, a cui faceva riscontro un calo della popolazione del centro urbano di Mutina, il territorio di Savignano godeva evidentemente ancora di un certo benessere economico, forse garantito, come già in passato, dalla produzione e dallo smercio della lana.

INTRECCIO GEOMETRICO E PIETRE DEL PANARO

Le pietre e la tecnica esecutiva dei mosaici rinvenuti negli scavi di Savignano

Il grande mosaico, staccato e rimontato nell’esposizione che prenderà il via a Modena domenica 16 dicembre (Lapidario romano dei Musei civici), si sviluppa su un intreccio geometrico di ottagoni e cerchi, con al centro una decorazione figurativa racchiusa entro una corona di foglie d’alloro realizzata impiegando anche tessere in vetro rosso e verde, che dovevano risaltare alla luce accrescendo la sontuosità dell’ambiente. La decorazione centrale è molto frammentata, ma i pochi elementi rimasti lasciano intravedere il disegno di un vaso panciuto, un kantharos, elemento simbolico molto comune nei mosaici tardoantichi. Gli ottagoni laterali, conservati solo in parte, comprendono motivi circolari interni, e sono decorati da figure diverse: disegni vegetali che fuoriescono da un piccolo vaso stilizzato, un nodo di Salomone, circondato da una ghirlanda gemmata, una ghirlanda che racchiude un fiore di giglio rosato. Le decorazioni utilizzate negli spazi riempitivi sono estremamente variate: un tralcio di foglie d’edera cuoriformi, una treccia a quattro capi, una scacchiera di triangoli, linee parallele di squame allungate bianche e nere.
Del mosaico di un secondo ambiente, appartenente ad una fase costruttiva precedente, si conserva solo la cornice perimetrale, composta da un particolare motivo ad arcate rette da colonne comune nel IV secolo nella zona di Grado e Aquileia, eseguito impiegando tessere più piccole ed irregolari rispetto al mosaico dell’ambiente principale, evidentemente riutilizzate da un pavimento più antico.
Un terzo mosaico, scoperto anche da Crespellani, mostra una serie di cerchi concatenati che contengono motivi figurati; nella parte del pavimento ritrovata si trovano un kantharos, fiori, pesci disposti uno sull’altro in posizione opposta, e un grande delfino.
Le pietre. La tecnica di esecuzione del mosaico evidenzia l’impiego di tessere grandi, dal taglio spesso irregolare, rappresentanti varie tonalità cromatiche che comprendono il bianco, il grigio chiaro, il rosso, il nero, il verde e il giallo scuro. Queste sfumature di colore sono state ottenute utilizzando pasta vitrea e rocce differenti. L’analisi delle pietre ha permesso di ottenere informazioni riguardo alla natura e alla provenienza delle materie prime utilizzate. La maggior parte delle tessere scure sono ricavate da pietre di provenienza locale, forse recuperati nelle ghiaie del fiume Panaro. Si trovano però anche rocce importate dal Nord Italia, in particolare dal Veneto e dal Friuli Venezia Giulia. Alcune tessere, probabilmente reimpiegate da mosaici di età precedente, erano realizzate con una varietà di marmo proveniente dalla Turchia.
La tecnica. La tecnica di costruzione dei mosaici è descritta da Plinio e Vitruvio. Lo strato di base era fatto con uno strato di sabbia o di argilla compatta; sopra questo era steso uno strato di grossi frammenti di ciottoli o di laterizi compattati, detto “statumen”; sopra questo si poggiava il “rudus”, formato da ghiaia, pietrisco e frammenti laterizi tenuti assieme da una malta grossolana. Infine si realizzava il “nucleus”, formato sempre dagli stessi materiali ma a granulometria molto più fine, battuto e lisciato in modo che non presentasse vuoti. Le tessere erano fissate su un sottile strato di calce detto “sovranucleus”. Il mosaico vero e proprio era fatto da mosaicisti specializzati che per la posa delle tessere seguivano la sinopia, delle linee guida generalmente incise sulla base di calce, oppure un modello (“cartone”).
Se le tessere venivano posate senza sinopia il disegno presentava spesso imprecisioni dovute alla mancanza di un progetto preliminare. Nel grande mosaico esposto in mostra la necessità di adattare lo schema decorativo ad uno spazio non progettato esattamente ha portato ad uno schiacciamento nell’allineamento di alcuni motivi e al taglio di un cerchio nella composizione della soglia.

multimedia

Ilaria Pulini parla del Lapidario romano che verrà inaugurato al palazzo dei Musei

lascia il tuo commento ...
Guarda ModenaNOI TV con i Player esterni per smartphone e tablet
*****************************************************
State ascoltando:

Loading ...

total quality srl - organizzazione direzionale e sistemi integrati qualità/ambiente/sicurezza
rassegna stampa
ritrovaci su facebook

Informativa sulla privacy - modenanoi.it

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito www.modenanoi.it in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un'informativa che è resa anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi del sito web www.modenanoi.it per la protezione dei dati personali, accessibili per via telematica a partire dall'indirizzo: www.modenanoi.it.
L'informativa è resa solo per il sito web www.modenanoi.it e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall'utente tramite link.
L'informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall'art. 29 della direttiva n. 95/46/CE , hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento.
L'accesso al sito www.modenanoi.it presuppone il consenso alla raccolta e al trattamento dei dati personali, secondo le modalità descritte nella presente informativa sulla privacy.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Il "titolare" del loro trattamento è il legale rappresentante responsabile per la protezione dei dati personali: Rughetti Andrea - Castelfranco Emilia (MO) - Italia.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede e sono curati solo da personale tecnico oppure da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso. I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo (bollettini, cd-rom, newsletter, relazioni annuali, risposte a quesiti, atti e provvedimenti, ecc.) sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e sono comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia a tal fine necessario.

TIPI DI DATI TRATTATI

Dati di navigazione. I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l'elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni.

Informativa sui cookie (Cookie Policy)

Al fine di rendere più comoda possibile la Sua visita al nostro sito web, per la presentazione del nostro assortimento di prodotti utilizziamo dei cookies. Si tratta di piccoli aggregati di testo registrati localmente nella memoria temporanea del Suo browser, e quindi nel Suo computer, per periodi di tempo variabili in funzione dell'esigenza e generalmente compresi tra poche ore e alcuni anni, con l'eccezione dei cookie di profilazione la cui durata massima è di 365 giorni solari.
Mediante i cookie è possibile registrare in modo semi-permanente informazioni relative alle Sue preferenze e altri dati tecnici che permettono una navigazione più agevole e una maggiore facilità d'uso e efficacia del sito stesso. Ad esempio, i cookies possono essere usati per determinare se è già stata effettuata una connessione fra il Suo computer e i nostri siti per evidenziare le novità o mantenere le informazioni di "login". A Sua garanzia, viene identificato solo il cookie memorizzato sul suo computer.

TIPOLOGIE DI COOKIE

Questo sito fa uso di tre diverse tipologie di cookie:

1. Cookie tecnici essenziali
Questi cookie sono necessari al corretto funzionamento del sito. Consentono la navigazione delle pagine, la condivisione dei nostri contenuti, la memorizzazione delle Sue credenziali di accesso per rendere più rapido l'ingresso nel sito e per mantenere attive le Sue preferenze e credenziali durante la navigazione. Senza questi cookie non potremmo fornire i servizi per i quali gli utenti accedono al sito.

2. Cookie statistici e prestazionali
Questi cookie ci permettono di sapere in che modo i visitatori utilizzano il sito, per poterne così valutare e migliorare il funzionamento e privilegiare la produzione di contenuti che meglio incontrano i bisogni informativi dei nostri utenti. Ad esempio, consentono di sapere quali sono le pagine più e meno frequentate. Tengono conto, tra le altre cose, del numero di visitatori, del tempo trascorso sul sito dalla media degli utenti e delle modalità di arrivo di questi. In questo modo, possiamo sapere che cosa funziona bene e che cosa migliorare, oltre ad assicurarci che le pagine si carichino velocemente e siano visualizzate correttamente. Tutte le informazioni raccolte da questi cookie sono anonime e non collegate ai dati personali dell'utente. Per eseguire queste funzioni nei nostri siti utilizziamo i servizi di terze parti che anonimizzano i dati rendendoli non riconducibili a singoli individui (cosiddetto "single-in"). Laddove siano presenti servizi non completamente anonimizzati, Lei li troverà elencati tra i cookie di terze parti per i quali è possibile negare il consenso, a garanzia della Sua privacy.

3. Cookie funzionali e di profilazione di terze parti
In questa categoria ricadono sia cookie erogati da soggetti partner di Modenannoi.it e ad essa noti, sia cookie erogati da soggetti terzi non direttamente controllati o controllabili da Modenanoi.it.
I cookie provenienti dai nostri partner consentono di offrire funzionalità avanzate, nonchè maggiori informazioni e funzioni personali. Ciò include la possibilità di condividere contenuti attraverso i social network e di accedere ai servizi di videostreaming. Tali servizi sono principalmente forniti da operatori esterni ingaggiati o consapevolmente integrati da Modenanoi.it. Se si dispone di un account o se si utilizzano i servizi di tali soggetti su altri siti Web, questi potrebbero essere in grado di sapere che l'utente ha visitato i nostri siti. L'utilizzo dei dati raccolti da questi operatori esterni tramite cookie è sottoposto alle rispettive politiche sulla privacy e pertanto si identificano tali cookie con i nomi dei rispettivi soggetti. Tra questi si annoverano i cookie registrati dai principali social network che Le consentono di condividere gli articoli dei nostri siti e di manifestare pubblicamente il gradimento per il nostro lavoro.
I cookie non provenienti da partner di Modenanoi.it, sono cookie veicolati senza il controllo di Modenanoi.it, da soggetti terzi che hanno modo di intercettare l'utente durante la sua navigazione anche al di fuori del sito Modenanoi.it. Questi cookie, tipicamente di profilazione, non sono direttamente controllabili da Modenanoi.it che non può quindi garantire in merito all'uso che i terzi titolari fanno delle informazioni raccolte.

GESTIONE DEI COOKIE

Nel caso in cui Lei abbia dubbi o preoccupazioni in merito all'utilizzo dei cookie Le è sempre possibile intervenire per impedirne l'impostazione e la lettura, ad esempio modificando le impostazioni sulla privacy all'interno del Suo browser al fine di bloccarne determinati tipi.

Poichè ciascun browser - e spesso diverse versioni dello stesso browser - differiscono anche sensibilmente le une dalle altre se preferisce agire autonomamente mediante le preferenze del Suo browser può trovare informazioni dettagliate sulla procedura necessaria nella guida del Suo browser. Per una panoramica delle modalità di azione per i browser più comuni, può visitare l'indirizzo www.cookiepedia.co.uk

Le società pubblicitarie consentono inoltre di rinunciare alla ricezione di annunci mirati, se lo si desidera. Ciò non impedisce l'impostazione dei cookie, ma interrompe l'utilizzo e la raccolta di alcuni dati da parte di tali società.

Per maggiori informazioni e possibilità di rinuncia, visitare l'indirizzo www.youronlinechoices.eu

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy di Modenanoi.it e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti nè utilizzati da Modenanoi.it fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità di cui ai siti citati nel paragrafo "Gestione dei cookie".