Cronaca » Dalla città

Giovedì 12 Ottobre 2017 - ore 15:48

Sicurezza / Cpr a Modena? Il Sindaco ribadisce le richieste

Muzzarelli in Consiglio: se apre Centro permanenza rimpatri, garanzie su diritti umani, controlli e personale. Ha risposto a un’interrogazione di Carpentieri (Pd)

La proposta di aprire a Modena un Centro di permanenza per i rimpatri (Cpr) non è ancora stata ufficializzata, ma l’ipotesi di utilizzare la struttura di via Lamarmora, già sede del Cie, è sicuramente al vaglio del ministero degli Interni e della Regione. Lo ha affermato il sindaco Gian Carlo Muzzarelli in Consiglio comunale specificando che, proprio nell’eventualità che ciò avvenga, al ministro Minniti e al presidente della Regione Bonaccini, dopo aver ricordato il giudizio negativo espresso sul Cie di Modena, ha ribadito la richiesta di garanzie sia sul rispetto dei diritti umani e della dignità delle persone (con possibilità di controllo da parte delle istituzioni del territorio) sia sull’impiego di “personale qualificato e adeguatamente formato”, in alcun modo “sottratto ai corpi dello Stato impegnati nella protezione dell’ordine pubblico sul territorio”. Anzi, per il sindaco questi devono essere rafforzati in termini di uomini e di mezzi, “anche alla luce del riconoscimento da parte dello stesso Governo della mancata copertura degli organici”.

Muzzarelli è intervenuto rispondendo a un’interrogazione di Antonio Carpentieri (Pd) che chiedeva appunto conferme sull’ipotesi di apertura a Modena di un Cpr, su quali forze dell’ordine sarebbero state destinate alla struttura e sul ruolo che avrebbe avuto il Comune sul suo funzionamento e sul controllo.

L’interrogazione di Carpentieri partiva, però, dalla richiesta di un giudizio sull’esperienza del Cie a Modena a cui Muzzarelli ha risposto nettamente: “Negativo”. Dopo aver ripercorso la vicenda dell’apertura nel 2002 del Cpt (Centro permanenza temporanea) sulla base della legge Turco–Napolitano del 1998 e della sua trasformazione in Cie (Centro identificazione ed espulsione) con la Bossi-Fini e con le misure di sicurezza del ministro Maroni nel 2009, infatti, il sindaco Muzzarelli ha concluso che la struttura “divenne di fatto un centro di reclusione, con condizioni di vita e di violazione dei diritti umani inaccettabili; la pessima gestione del Centro portò a rivolte ed episodi di violenza, che culminarono con 90 fermi e 70 mila euro di danni e che spinsero il Prefetto a chiuderlo definitivamente nel 2013”.

Con la nuova normativa in materia di protezione internazionale e con l’obiettivo di garantire la effettiva esecuzione dei provvedimenti di espulsione e allontanamento degli stranieri in posizione di soggiorno irregolare (“una presenza costante anche a Modena e spesso, nelle cronache, in relazione alla perpetrazione di reati”, ha osservato il sindaco) i Centri sono stati modificati e si è deciso di ampliarne la rete sul territorio nazionale con “strutture di capienza limitata idonee a garantire condizioni che assicurino l’assoluto rispetto della dignità umana”, il cui controllo è affidato al Garante dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale. Il periodo massimo in cui le persone possono essere trattenute è stato fissato in 90 giorni, prorogabili di 15, con convalida da parte del giudice di pace, nei casi di particolare complessità delle procedure di identificazione e di organizzazione del rimpatrio.

Muzzarelli ha confermato l’impegno della città per l’accoglienza e l’integrazione di profughi, rifugiati e richiedenti asilo sottolineando che il Comune è “particolarmente interessato ad ampliare le possibilità del loro impiego temporaneo in attività socialmente utili a servizio delle comunità locali” e ha spiegato di comprendere la “necessità di rendere effettivi le espulsioni e i rimpatri e di tutelare maggiormente sia i cittadini italiani che gli immigrati nei confronti della illegalità e della diffusione della microcriminalità, che possono proliferare in mancanza di un governo rigoroso e responsabile dei fenomeni migratori, generando inoltre pesanti e pericolose reazioni xenofobe”. Quindi ha ribadito la richiesta di garanzie nell’eventualità di un’apertura a Modena del Cpr e che il miglioramento delle misure di prevenzione e repressione dei fenomeni illegali riconducibili all’immigrazione straniera “sia accompagnato da un ulteriore impegno, anche finanziario, dal lato dell’accoglienza e dell’integrazione”.

Il sindaco ha concluso sollecitando Governo e Parlamento all’approvazione della legge sullo “ius soli”, come “scelta di cultura e civiltà e come mezzo di integrazione effettiva degli stranieri legalmente residenti in Italia”, per poi chiedere anche una profonda revisione della legge Bossi-Fini” e una svolta delle politiche dell’Unione Europea “in materia di lotta al traffico degli esseri umani, di accoglienza, di difesa comune e di cooperazione allo sviluppo, nonché per nuove politiche economiche, che devono essere rivolte alla piena occupazione e alla giustizia sociale”.


CPR/ 2 – IL DIBATTITO IN CONSIGLIO COMUNALE

Trasformata in interpellanza l’interrogazione di Carpentieri (Pd). Gli interventi di Morandi (FI), Cugusi e Campana di Art.1-Mdp-Per me Modena

L’interrogazione di Antonio Carpentieri (Pd) sull’ipotesi di apertura a Modena di un Centro permanente per il rimpatrio (Cpr), alla quale ha risposto il sindaco Gian Carlo Muzzarelli nella seduta consiliare di oggi, giovedì 12 ottobre, è stata trasformata in interpellanza su richiesta di Adolfo Morandi.

Il consigliere di Forza Italia ha affermato che la risposta del sindaco “non scioglie i dubbi sollevati da un’eventuale collocazione di un Cpr a Modena perché le condizioni che pone al ministro Minniti in realtà sono auspici, non ci sono certezze”. Secondo Morandi i Cpr, “che sembrano riguardare solo chi è già stato oggetto di identificazione e magari anche in galera”, non risolveranno il problema dei clandestini, “centinaia di migliaia di persone in attesa di identificazione che sono clandestini finché non viene loro riconosciuto il diritto di asilo”.

Per Marco Cugusi, Art.1-Mdp-Per me Modena, “la maggior parte delle persone irregolari in Italia lo è a causa della Bossi-Fini, una legge voluta dal centro-destra. È improprio e discriminatorio definire clandestini persone che vivono sotto controllo in strutture pubbliche come i centri di accoglienza”. Il consigliere si è detto convinto che “i Cpr non sono una soluzione per il problema delle persone irregolari, “se non ci sono accordi bilaterali con i paesi di provenienza la questione non si risolve e non si risolverà neanche facendoli massacrare nei lager libici: le persone vanno accolte e noi non barattiamo il consenso elettorale con i diritti umani”. Domenico Campana ha ribadito che “mischiare ius soli e centri di rimpatrio è improprio in sé: definire clandestino chi si conosce anche se per qualche motivo deve essere rimpatriato tradisce un atteggiamento di ostilità e di mancanza di serietà”. La questione della detenzione amministrativa è pericolosa, ha proseguito, “e quando Minniti dice che i Cpr non saranno come i Cie fa un’affermazione non basata sui fatti”.

Nella replica Antonio Carpentieri si è detto “rassicurato dalla conferma delle richieste presentate al Ministro e alla Regione, soprattutto per quanto riguarda l’organico di polizia e la possibilità per i Comune, e per i consiglieri comunali che devono avere il diritto di accesso, di controllare i Cpr. Possiamo non essere d’accordo con la legge che stabilisce chi può rimanere in Italia e chi no – ha proseguito – ma la legge esiste e non possiamo far rimanere le persone in condizione di illegalità, uno strumento per risolvere il problema è il rimpatrio”.


lascia il tuo commento ...
Loading ...
total quality srl - organizzazione direzionale e sistemi integrati qualità/ambiente/sicurezza
rassegna stampa
ritrovaci su facebook

Informativa sulla privacy - modenanoi.it

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito www.modenanoi.it in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un'informativa che è resa anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi del sito web www.modenanoi.it per la protezione dei dati personali, accessibili per via telematica a partire dall'indirizzo: www.modenanoi.it.
L'informativa è resa solo per il sito web www.modenanoi.it e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall'utente tramite link.
L'informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall'art. 29 della direttiva n. 95/46/CE , hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento.
L'accesso al sito www.modenanoi.it presuppone il consenso alla raccolta e al trattamento dei dati personali, secondo le modalità descritte nella presente informativa sulla privacy.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Il "titolare" del loro trattamento è il legale rappresentante responsabile per la protezione dei dati personali: Rughetti Andrea - Castelfranco Emilia (MO) - Italia.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede e sono curati solo da personale tecnico oppure da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso. I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo (bollettini, cd-rom, newsletter, relazioni annuali, risposte a quesiti, atti e provvedimenti, ecc.) sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e sono comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia a tal fine necessario.

TIPI DI DATI TRATTATI

Dati di navigazione. I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l'elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni.

Informativa sui cookie (Cookie Policy)

Al fine di rendere più comoda possibile la Sua visita al nostro sito web, per la presentazione del nostro assortimento di prodotti utilizziamo dei cookies. Si tratta di piccoli aggregati di testo registrati localmente nella memoria temporanea del Suo browser, e quindi nel Suo computer, per periodi di tempo variabili in funzione dell'esigenza e generalmente compresi tra poche ore e alcuni anni, con l'eccezione dei cookie di profilazione la cui durata massima è di 365 giorni solari.
Mediante i cookie è possibile registrare in modo semi-permanente informazioni relative alle Sue preferenze e altri dati tecnici che permettono una navigazione più agevole e una maggiore facilità d'uso e efficacia del sito stesso. Ad esempio, i cookies possono essere usati per determinare se è già stata effettuata una connessione fra il Suo computer e i nostri siti per evidenziare le novità o mantenere le informazioni di "login". A Sua garanzia, viene identificato solo il cookie memorizzato sul suo computer.

TIPOLOGIE DI COOKIE

Questo sito fa uso di tre diverse tipologie di cookie:

1. Cookie tecnici essenziali
Questi cookie sono necessari al corretto funzionamento del sito. Consentono la navigazione delle pagine, la condivisione dei nostri contenuti, la memorizzazione delle Sue credenziali di accesso per rendere più rapido l'ingresso nel sito e per mantenere attive le Sue preferenze e credenziali durante la navigazione. Senza questi cookie non potremmo fornire i servizi per i quali gli utenti accedono al sito.

2. Cookie statistici e prestazionali
Questi cookie ci permettono di sapere in che modo i visitatori utilizzano il sito, per poterne così valutare e migliorare il funzionamento e privilegiare la produzione di contenuti che meglio incontrano i bisogni informativi dei nostri utenti. Ad esempio, consentono di sapere quali sono le pagine più e meno frequentate. Tengono conto, tra le altre cose, del numero di visitatori, del tempo trascorso sul sito dalla media degli utenti e delle modalità di arrivo di questi. In questo modo, possiamo sapere che cosa funziona bene e che cosa migliorare, oltre ad assicurarci che le pagine si carichino velocemente e siano visualizzate correttamente. Tutte le informazioni raccolte da questi cookie sono anonime e non collegate ai dati personali dell'utente. Per eseguire queste funzioni nei nostri siti utilizziamo i servizi di terze parti che anonimizzano i dati rendendoli non riconducibili a singoli individui (cosiddetto "single-in"). Laddove siano presenti servizi non completamente anonimizzati, Lei li troverà elencati tra i cookie di terze parti per i quali è possibile negare il consenso, a garanzia della Sua privacy.

3. Cookie funzionali e di profilazione di terze parti
In questa categoria ricadono sia cookie erogati da soggetti partner di Modenannoi.it e ad essa noti, sia cookie erogati da soggetti terzi non direttamente controllati o controllabili da Modenanoi.it.
I cookie provenienti dai nostri partner consentono di offrire funzionalità avanzate, nonchè maggiori informazioni e funzioni personali. Ciò include la possibilità di condividere contenuti attraverso i social network e di accedere ai servizi di videostreaming. Tali servizi sono principalmente forniti da operatori esterni ingaggiati o consapevolmente integrati da Modenanoi.it. Se si dispone di un account o se si utilizzano i servizi di tali soggetti su altri siti Web, questi potrebbero essere in grado di sapere che l'utente ha visitato i nostri siti. L'utilizzo dei dati raccolti da questi operatori esterni tramite cookie è sottoposto alle rispettive politiche sulla privacy e pertanto si identificano tali cookie con i nomi dei rispettivi soggetti. Tra questi si annoverano i cookie registrati dai principali social network che Le consentono di condividere gli articoli dei nostri siti e di manifestare pubblicamente il gradimento per il nostro lavoro.
I cookie non provenienti da partner di Modenanoi.it, sono cookie veicolati senza il controllo di Modenanoi.it, da soggetti terzi che hanno modo di intercettare l'utente durante la sua navigazione anche al di fuori del sito Modenanoi.it. Questi cookie, tipicamente di profilazione, non sono direttamente controllabili da Modenanoi.it che non può quindi garantire in merito all'uso che i terzi titolari fanno delle informazioni raccolte.

GESTIONE DEI COOKIE

Nel caso in cui Lei abbia dubbi o preoccupazioni in merito all'utilizzo dei cookie Le è sempre possibile intervenire per impedirne l'impostazione e la lettura, ad esempio modificando le impostazioni sulla privacy all'interno del Suo browser al fine di bloccarne determinati tipi.

Poichè ciascun browser - e spesso diverse versioni dello stesso browser - differiscono anche sensibilmente le une dalle altre se preferisce agire autonomamente mediante le preferenze del Suo browser può trovare informazioni dettagliate sulla procedura necessaria nella guida del Suo browser. Per una panoramica delle modalità di azione per i browser più comuni, può visitare l'indirizzo www.cookiepedia.co.uk

Le società pubblicitarie consentono inoltre di rinunciare alla ricezione di annunci mirati, se lo si desidera. Ciò non impedisce l'impostazione dei cookie, ma interrompe l'utilizzo e la raccolta di alcuni dati da parte di tali società.

Per maggiori informazioni e possibilità di rinuncia, visitare l'indirizzo www.youronlinechoices.eu

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy di Modenanoi.it e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti nè utilizzati da Modenanoi.it fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità di cui ai siti citati nel paragrafo "Gestione dei cookie".