Cronaca » Politica

Venerdì 12 Gennaio 2018 - ore 23:56

Regolamento di Polizia Urbana, anche per droni ed overboard: il dibattito in Consiglio Comunale

Il Consiglio approva il nuovo testo aggiornato e rivisto sulla base dei cambiamenti normativi e sociali. Sì anche a un ordine del giorno presentato dal M5s. Gli interventi dei consiglieri focalizzati sui fuochi d’artificio, sull’aumento dei controlli e sui nuovi obblighi per i proprietari di immobili dismessi.

Nuove norme sull’utilizzo di fuochi d’artificio e contenitori in vetro, sui disturbi provocati dai clienti degli esercizi commerciali, sulle luminarie, sulla pratica della pesca dilettantistica nei laghetti dei parchi e sugli obblighi per i proprietari di immobili dismessi al fine di impedire fenomeni di occupazione abusiva. Ma tra le novità introdotte c’è anche un apposito articolo dedicato a droni e aeromodelli e un riferimento all’uso dell’overboard nei parchi: segno dei tempi che cambiano.

Nella seduta di giovedì 11 gennaio il Consiglio comunale di Modena ha approvato il nuovo Regolamento di Polizia urbana, Rpu, soggetto ad una revisione complessiva per rendere il testo, che negli anni ha già subito modifiche e integrazioni, più rispondente a novità legislative e al mutato contesto sociale, culturale e normativo. La proposta di revisione è stata illustrata dall’assessore alla Promozione della cultura della legalità Andrea Bosi. Hanno votato a favore Pd, Art.Uno-Mdp-Per me Modena, M5s e CambiaModena. Astenuti Fi, Idea-PeL ed Energie per l’Italia. Nella stessa seduta, l’Assemblea ha approvato anche un ordine del giorno, presentato da Elisabetta Scardozzi per il M5s, che invita l’Amministrazione a valutare la fattibilità di estendere il divieto di far esplodere petardi e articoli pirotecnici, previsto dall’articolo 10 del Regolamento, a tutto il centro abitato della città; di potenziare i controlli; di sensibilizzare i cittadini sulle conseguenze negative dell’esplosione di botti e fuochi d’artificio su persone e animali e di effettuare a questo scopo una campagna informativa nelle scuole (voto a favore di M5s, Pd, Art.Uno-Mdp-Per me Modena, contrari Fi e Idea-PeL, astenuti Energie per l’Italia e Carmelo De Lillo del Pd).

In particolare, le modifiche al Titolo 2 del Rpu dedicato a Spazi e aree pubbliche, riguardano l’apposizione di luminarie laddove viene inserito l’obbligo di comunicare al settore competente anche il termine dell’installazione e di rimuovere gli impianti, e le modalità di utilizzo di articoli pirotecnici che vengono precisate in un articolo appositamente introdotto mutuando il contenuto da quanto previsto nell’ordinanza contingibile e urgente adottata in occasione dei festeggiamenti di fine anno. L’articolo 10 stabilisce pertanto il divieto di fare esplodere petardi e articoli pirotecnici, ad esclusione di quelli ad esclusivo effetto luminoso, in tutto centro storico, prevedendo per i trasgressori sanzioni da 50 a 300 euro.

Considerata la sempre maggiore diffusione di droni e altri aeromodelli, viene introdotto un nuovo articolo che richiama le norme inserite nel Regolamento Enac, ribadendone le limitazioni. L’utilizzo di tali dispositivi a pilotaggio remoto, impiegati per scopi ricreativi e sportivi, deve avvenire in modo da non arrecare rischi a persone o beni a terra ed è sempre vietato nei parchi pubblici.

Nel nuovo Regolamento anche un lieve ampliamento delle zone interessate all’applicazione dell’ordine di allontanamento per 48 ore per motivi di sicurezza, adottato nel Regolamento a luglio in applicazione alle norme della legge 48 del 2017 sulla tutela della sicurezza urbana. Nelle aree già indicate all’art. 6 sono inserite anche il completamento di viale Gramsci aggiungendo la zona nei pressi delle tangenziali e piazzale San Giacomo in centro storico.

Dal titolo dedicato a Nettezza e decoro di spazi e aree pubbliche vengono eliminati i riferimenti al Regolamento comunale dei servizi di smaltimento dei rifiuti, superato dal Regolamento Atersir e dalla normativa nazionale.

Per quanto riguarda Sicurezza e manutenzione degli edifici e delle aree (art.13), si fissano invece nuovi adempimenti per i proprietari, i locatari e concessionari di immobili e di aree urbane edificabili, quando non oggetto di accantieramenti, per prevenire fenomeni di degrado urbano e vengono previsti interventi per evitare ristagni e assicurare condizioni di pulizia, disinfestazione e sfalcio. Introdotti attraverso l’art. 14 (Aree ed immobili dismessi e oggetto di occupazioni abusive) anche interventi che proprietari, locatari e aventi titolo sono chiamati a fare per prevenire fenomeni di occupazione abusiva e bivacco, nonché situazioni di pericolo per l’ordine pubblico in aree dismesse. Al posto dell’immediata constatazione della violazione amministrativa, è previsto uno specifico atto di diffida che impone di sanare l’irregolarità e di uniformarsi alle prescrizioni entro 30 giorni dalla notifica, con applicazione, in caso contrario, di una sanzione amministrativa di 500 euro, fermo restando l’obbligo di porre rimedio al fatto contestato.

Per quanto riguarda le Norme di tutela ambientale, vengono limitate alcune attività rumorose introducendo il divieto di smaltire vetro e lattine in orario notturno, mentre un nuovo articolo (art. 29 Attività svolte dai gestori di pubblici esercizi per la tutela della quiete e del decoro urbano) impone l’adozione di misure per contenere fenomeni di degrado e disturbo provocati dai clienti coinvolgendo gli esercenti nella prevenzione. Anche in questo caso, per i trasgressori è previsto un atto di diffida che impone di mettersi in regola entro 48 ore.

Altri aggiornamenti del Regolamento hanno riguardato la soppressione di violazioni già contemplate nel Regolamento Benessere Animali e la salvaguardia di parchi e giardini introducendo le norme di pesca dilettantistica nei laghetti dei parchi e una specifica regolamentazione per l’uso di acceleratori di velocità e personal transporter (segway e overboard) il cui utilizzo è consentito solo sui vialetti di attraversamento a velocità inferiore ai 6 chilometri orari, come per velocipedi e pattini a rotelle.

il dibattito

Il Consiglio comunale di Modena ha approvato il nuovo Regolamento di Polizia urbana, Rpu, che è stato modificato e integrato per rispondere alle novità legislative e ai cambiamenti del contesto sociale e culturale. Nel testo, nuove norme sull’utilizzo di fuochi d’artificio e contenitori in vetro, sui disturbi provocati dai clienti degli esercizi commerciali, sulle luminarie, sulla pratica della pesca dilettantistica nei laghetti dei parchi e sugli obblighi per i proprietari di immobili dismessi per impedire fenomeni di occupazione abusiva. Ma tra le novità introdotte c’è anche un articolo dedicato a droni e aeromodelli e un riferimento all’uso dell’overboard nei parchi.

La proposta di revisione è stata illustrata dall’assessore alla Promozione della cultura della legalità Andrea Bosi. Hanno votato a favore Pd, Art.Uno-Mdp-Per me Modena, M5s e CambiaModena. Astenuti Fi, Idea-PeL ed Energie per l’Italia.

Nella stessa seduta, l’Assemblea ha approvato anche un ordine del giorno, presentato da Elisabetta Scardozzi per il M5s, che invita l’Amministrazione a valutare la fattibilità di estendere il divieto di far esplodere petardi e articoli pirotecnici, previsto dall’articolo 10 del Regolamento, a tutto il centro abitato della città; di potenziare i controlli; di sensibilizzare i cittadini sulle conseguenze negative dell’esplosione di botti e fuochi d’artificio su persone e animali e di effettuare a questo scopo una campagna informativa nelle scuole (voto a favore di M5s, Pd, Art.Uno-Mdp-Per me Modena, contrari Fi e Idea-PeL, astenuti Energie per l’Italia e Carmelo De Lillo del Pd).

Nel presentare l’ordine del giorno, la consigliera Scardozzi ha sottolineato che l’obiettivo è “tutelare il benessere di persone e animali. Per questo – ha spiegato – ribadiamo la richiesta, già espressa in altre occasioni, di verificare la possibilità di estendere a tutto il centro abitato il divieto di utilizzare fuochi e articoli pirotecnici”.  

Intervenendo nel dibattito, il sindaco Gian Carlo Muzzarelli ha ricordato che il tema non è di esclusiva competenza del Comune: anche l’estensione del divieto, di cui valuteremo la possibilità, deve stare nella cornice delle leggi nazionali e verificato con la Prefettura, come è stato fatto anche per l’intero regolamento”. D’accordo “con i contenuti e la forma dell’ordine del giorno”, Antonio Carpentieri (Pd) ha però affermato la necessità di valutare “se l’estensione è possibile da un punto di vista giuridico perché è complicato vietare sempre e dappertutto un comportamento legale e ammesso”. Commentando il Regolamento nel suo complesso, Grazia Baracchi ha messo in evidenza che le modifiche “sono state frutto di un percorso condiviso con tutto il Consiglio in tempi che ci hanno permesso di fare i giusti approfondimenti tanto che le nostre indicazioni sono state pienamente recepite”. La consigliera ha poi sottolineato che “per raggiungere gli obiettivi di tutela della qualità della vita e dell’ambiente bisogna lavorare non solo sui divieti ma sulla prevenzione e quindi sull’educazione al senso civico”.

Adolfo Morandi (FI), dopo aver dichiarato di condividere “molta parte del Regolamento”, si è detto invece contrario all’ordine del giorno: “Se è comprensibile vietare i giochi pirotecnici in centro storico – ha detto – non capisco perché nel resto della città non possiamo lasciare la possibilità di festeggiare con i botti a chi ha voglia di farlo”.

Per Luca Fantoni (M5s)il Regolamento “è un passo in avanti ma è comunque solo un inizio, i contenuti infatti dovranno essere in continua evoluzione e modificabili sulla base di quanto accadrà in futuro”. Apprezzando i nuovi adempimenti a carico di proprietari, locatari e concessionari di immobili e aree urbane edificabili per prevenire fenomeni di degrado urbano e occupazione abusiva, il consigliere ha affermato che “queste norme sono utili se applicate nei confronti di tutti, anche di altri enti pubblici proprietari di edifici, e verificheremo che i controlli siano fatti”, osservando infine che sulla vendita degli alcolici “avremmo voluto norme più rigide”.

Anche per Giuseppe Pellacani (Energie per l’Italia) il Regolamento avrebbe “potuto essere migliorato sul tema del divieto notturno di vendita degli alcolici: poiché non è chiaramente possibile controllare tutto il territorio a tutte le ore, si sarebbe potuta adottare la misura preventiva di non consentire la conservazione al fresco degli alcolici a chi non ha la licenza di somministrazione. Questo di per sé potrebbe disincentivare l’acquisto e controllare se un esercente ha il frigo anche senza permesso è più semplice che coglierlo sul fatto mentre vende una bottiglia quando non può”.

Per Art.Uno-Mdp-Per me Modena, Marco Malferrari si è soffermato in particolare sull’aspetto della sicurezza urbana mettendo in evidenza che le nuove norme “puntano a responsabilizzare i proprietari. In una società – ha aggiunto – in cui abbiamo scelto di andare verso una privatizzazione sempre maggiore dobbiamo cercare di fare in modo che gli interessi privati si contemperino tra loro e che ci sia una responsabilità maggiore dei privati per garantire la coesione sociale”.

lascia il tuo commento ...
Guarda ModenaNOI TV con i Player esterni per smartphone e tablet
*****************************************************
State ascoltando:

Loading ...

total quality srl - organizzazione direzionale e sistemi integrati qualità/ambiente/sicurezza
rassegna stampa
ritrovaci su facebook

Informativa sulla privacy - modenanoi.it

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito www.modenanoi.it in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un'informativa che è resa anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi del sito web www.modenanoi.it per la protezione dei dati personali, accessibili per via telematica a partire dall'indirizzo: www.modenanoi.it.
L'informativa è resa solo per il sito web www.modenanoi.it e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall'utente tramite link.
L'informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall'art. 29 della direttiva n. 95/46/CE , hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento.
L'accesso al sito www.modenanoi.it presuppone il consenso alla raccolta e al trattamento dei dati personali, secondo le modalità descritte nella presente informativa sulla privacy.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Il "titolare" del loro trattamento è il legale rappresentante responsabile per la protezione dei dati personali: Rughetti Andrea - Castelfranco Emilia (MO) - Italia.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede e sono curati solo da personale tecnico oppure da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso. I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo (bollettini, cd-rom, newsletter, relazioni annuali, risposte a quesiti, atti e provvedimenti, ecc.) sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e sono comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia a tal fine necessario.

TIPI DI DATI TRATTATI

Dati di navigazione. I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l'elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni.

Informativa sui cookie (Cookie Policy)

Al fine di rendere più comoda possibile la Sua visita al nostro sito web, per la presentazione del nostro assortimento di prodotti utilizziamo dei cookies. Si tratta di piccoli aggregati di testo registrati localmente nella memoria temporanea del Suo browser, e quindi nel Suo computer, per periodi di tempo variabili in funzione dell'esigenza e generalmente compresi tra poche ore e alcuni anni, con l'eccezione dei cookie di profilazione la cui durata massima è di 365 giorni solari.
Mediante i cookie è possibile registrare in modo semi-permanente informazioni relative alle Sue preferenze e altri dati tecnici che permettono una navigazione più agevole e una maggiore facilità d'uso e efficacia del sito stesso. Ad esempio, i cookies possono essere usati per determinare se è già stata effettuata una connessione fra il Suo computer e i nostri siti per evidenziare le novità o mantenere le informazioni di "login". A Sua garanzia, viene identificato solo il cookie memorizzato sul suo computer.

TIPOLOGIE DI COOKIE

Questo sito fa uso di tre diverse tipologie di cookie:

1. Cookie tecnici essenziali
Questi cookie sono necessari al corretto funzionamento del sito. Consentono la navigazione delle pagine, la condivisione dei nostri contenuti, la memorizzazione delle Sue credenziali di accesso per rendere più rapido l'ingresso nel sito e per mantenere attive le Sue preferenze e credenziali durante la navigazione. Senza questi cookie non potremmo fornire i servizi per i quali gli utenti accedono al sito.

2. Cookie statistici e prestazionali
Questi cookie ci permettono di sapere in che modo i visitatori utilizzano il sito, per poterne così valutare e migliorare il funzionamento e privilegiare la produzione di contenuti che meglio incontrano i bisogni informativi dei nostri utenti. Ad esempio, consentono di sapere quali sono le pagine più e meno frequentate. Tengono conto, tra le altre cose, del numero di visitatori, del tempo trascorso sul sito dalla media degli utenti e delle modalità di arrivo di questi. In questo modo, possiamo sapere che cosa funziona bene e che cosa migliorare, oltre ad assicurarci che le pagine si carichino velocemente e siano visualizzate correttamente. Tutte le informazioni raccolte da questi cookie sono anonime e non collegate ai dati personali dell'utente. Per eseguire queste funzioni nei nostri siti utilizziamo i servizi di terze parti che anonimizzano i dati rendendoli non riconducibili a singoli individui (cosiddetto "single-in"). Laddove siano presenti servizi non completamente anonimizzati, Lei li troverà elencati tra i cookie di terze parti per i quali è possibile negare il consenso, a garanzia della Sua privacy.

3. Cookie funzionali e di profilazione di terze parti
In questa categoria ricadono sia cookie erogati da soggetti partner di Modenannoi.it e ad essa noti, sia cookie erogati da soggetti terzi non direttamente controllati o controllabili da Modenanoi.it.
I cookie provenienti dai nostri partner consentono di offrire funzionalità avanzate, nonchè maggiori informazioni e funzioni personali. Ciò include la possibilità di condividere contenuti attraverso i social network e di accedere ai servizi di videostreaming. Tali servizi sono principalmente forniti da operatori esterni ingaggiati o consapevolmente integrati da Modenanoi.it. Se si dispone di un account o se si utilizzano i servizi di tali soggetti su altri siti Web, questi potrebbero essere in grado di sapere che l'utente ha visitato i nostri siti. L'utilizzo dei dati raccolti da questi operatori esterni tramite cookie è sottoposto alle rispettive politiche sulla privacy e pertanto si identificano tali cookie con i nomi dei rispettivi soggetti. Tra questi si annoverano i cookie registrati dai principali social network che Le consentono di condividere gli articoli dei nostri siti e di manifestare pubblicamente il gradimento per il nostro lavoro.
I cookie non provenienti da partner di Modenanoi.it, sono cookie veicolati senza il controllo di Modenanoi.it, da soggetti terzi che hanno modo di intercettare l'utente durante la sua navigazione anche al di fuori del sito Modenanoi.it. Questi cookie, tipicamente di profilazione, non sono direttamente controllabili da Modenanoi.it che non può quindi garantire in merito all'uso che i terzi titolari fanno delle informazioni raccolte.

GESTIONE DEI COOKIE

Nel caso in cui Lei abbia dubbi o preoccupazioni in merito all'utilizzo dei cookie Le è sempre possibile intervenire per impedirne l'impostazione e la lettura, ad esempio modificando le impostazioni sulla privacy all'interno del Suo browser al fine di bloccarne determinati tipi.

Poichè ciascun browser - e spesso diverse versioni dello stesso browser - differiscono anche sensibilmente le une dalle altre se preferisce agire autonomamente mediante le preferenze del Suo browser può trovare informazioni dettagliate sulla procedura necessaria nella guida del Suo browser. Per una panoramica delle modalità di azione per i browser più comuni, può visitare l'indirizzo www.cookiepedia.co.uk

Le società pubblicitarie consentono inoltre di rinunciare alla ricezione di annunci mirati, se lo si desidera. Ciò non impedisce l'impostazione dei cookie, ma interrompe l'utilizzo e la raccolta di alcuni dati da parte di tali società.

Per maggiori informazioni e possibilità di rinuncia, visitare l'indirizzo www.youronlinechoices.eu

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy di Modenanoi.it e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti nè utilizzati da Modenanoi.it fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità di cui ai siti citati nel paragrafo "Gestione dei cookie".