Cronaca » Dalla città

Lunedì 12 Marzo 2018 - ore 21:17

Museo del Duomo, nuovi spazi e nuove tecnologie

L'ingresso dei Musei del Duomo
Da sinistra, l'architetto Elena Silvestri, la direttrice dei Musei del Duomo Giovanna Caselgrandi, il rappresentante della Basilica Metropolitana monsignor Luigi Biagini, il sindaco Gian Carlo Muzzarelli, il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena Paolo Cavicchioli, il presidente di UniCredit Giuseppe Vita e il direttore Generale UniCredit Gianni Franco Papa
musei del duomo metopa dellittio
musei del duomo la Relatio
cortile-progetto studio silvestri -render lomarco

Piano di riqualificazione finanziato da UniCredit, Fondazione e Unesco per 800 mila euro. Sulla sede convenzione tra Comune e Ministero di Grazia e Giustizia.

Installazioni multimediali e interattive, laboratori didattici per bambini, sale per mostre temporanee, sale tematiche dedicate alla storia del Duomo di Modena e dei suoi tesori. E’ quanto prevede il piano di riqualificazione e ampliamento della sede espositiva dei Musei del Duomo che, per un valore di oltre 800 mila euro, verrà avviato nei prossimi mesi nella sede accanto alla Ghirlandina, il cui accesso è stato ridisegnato lo scorso anno per offrire un servizio più efficace a visitatori e turisti nell’ambito della promozione e della valorizzazione del sito Unesco.

Ciò è reso possibile dal protocollo d’intesa sottoscritto nel giugno del 2017 tra Comune di Modena e Ministero di Grazia e Giustizia, proprietario dell’edificio, che consentirà di trasferire in comodato la gestione della sede museale (quella attuale e i nuovi spazi di ampliamento) dall’Amministrazione degli Archivi Notarili al Comune in accordo con la Basilica Metropolitana, superando la precedente locazione. La convenzione che ufficializzerà il passaggio è in corso di definizione e prevede sia l’impegno all’ampliamento degli spazi museali sia la concessione in uso agli Archivi Notarili di un deposito di circa 600 metri quadri per la documentazione, già individuato nell’area della stazione ferroviaria di piazza Manzoni.

Con la convenzione, quindi, si procederà all’allargamento degli spazi museali al piano soprastante il Museo del Tesoro, da anni inutilizzati, in un’area di 443 metri quadri. Il costo dell’intervento di ristrutturazione dei nuovi locali, insieme ad alcuni lavori di riqualificazione, è di 700 mila euro, finanziati da UniCredit per 500 mila euro e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena per 200 mila euro.

Il piano prevede anche la riqualificazione del cortile, finanziato con risorse della legge 77 del 2006 sui siti Unesco e gestite dal Coordinamento Unesco dei Musei Civici (100 mila euro): rinnovo della pavimentazione; nuove sedute in pietra, nuova illuminazione, restauro dell’inferriata e risistemazione del verde. L’obiettivo è creare un luogo di accoglienza delle comitive turistiche e delle scolaresche ma anche uno spazio aperto alla città, sede di attività ed eventi culturali. A questi finanziamenti si aggiungono altri 40 mila euro, concessi nei giorni sulla stessa legge, che verranno destinati agli apparati multimediali dei Musei del Duomo.

Il progetto complessivo è stato illustrato in una conferenza stampa alla quale hanno partecipato il sindaco Gian Carlo Muzzarelli; il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena Paolo Cavicchioli; il presidente di UniCredit Giuseppe Vita e il direttore Generale UniCredit Gianni Franco Papa (insieme al vice presidente vicario Vincenzo Calandra Bonaura e al consigliere di amministrazione Cesare Bisoni); il rappresentante della Basilica Metropolitana monsignor Luigi Biagini, la direttrice dei Musei del Duomo Giovanna Caselgrandi e l’architetto Elena Silvestri che ha curato il progetto di riqualificazione.

Come per i Musei delle grandi cattedrali italiane – Firenze, Milano, Pisa, Lucca – anche per i Musei del Duomo di Modena l’ampliamento degli spazi espositivi renderà possibile la realizzazione, in una seconda fase, di nuovi allestimenti secondo le moderne tecniche di comunicazione. Un percorso multimediale potrà raccontare la storia artistica e architettonica del Duomo e la sua interazione con la storia cittadina.

Un’altra sala tematica potrà mostrare la collezione di 20 arazzi della Basilica, capolavori fiamminghi della metà del Cinquecento. Sempre con tecniche multimediali che utilizzano la realtà aumentata e l’interattività multisensoriale sarà possibile illustrare il contenuto delle immagini, le tecniche di realizzazione e restauro, il quadro di riferimento storico e geografico.

I Musei del Duomo fanno parte dal 2015 del sistema del Biglietto unico del sito Unesco, insieme alla Ghirlandina, alle Sale storiche del Palazzo municipale e all’Acetaia comunale. In tre anni i visitatori sono passati da 8500 a oltre 14 mila a fine 2017, considerando anche i laboratori didattici del progetto “A scuola con l’Unesco” promosso e coordinato dai Musei Civici, mentre sono state attivate anche collaborazioni con enti locali e università, creati laboratori didattici per scuole e famiglie, promosso un centinaio di eventi “miranti alla valorizzazione del patrimonio museale e di quello della Cattedrale di cui costituiscono un indispensabile complemento” spiega la direttrice Caselgrandi sottolineando come il finanziamento del progetto di ampliamento “non faccia che confermare che ci si è mossi nella giusta direzione, aprendo i Musei alla città per rendere quanto più conoscibili e apprezzabili le opere d’arte in essi custodite. Ci si augura che questo rinnovamento possa rispondere alle esigenze di un pubblico sempre più vasto”.

DAL XIII SECOLO AL GIUBILEO DEL 2000

La sede è in un edificio dove si trovavano le Canoniche, il Lapidario è nato a fine Ottocento e all’inizio del Novecento risalgono le demolizioni

E’ alla fine dell’Ottocento che, accanto al Duomo di Modena, viene fondato il Lapidario per la conservazione delle “memorie” della Cattedrale, ma è con il Giubileo del 2000 che viene realizzato il Museo del Tesoro e aprono i Musei del Duomo nell’edificio di via Lanfranco la cui storia parte dal XIII secolo. Già allora, infatti, in adiacenza al fianco settentrionale del Duomo, c’era un chiostro attorno a cui si articolavano le Canoniche, le Sagrestie e alcune botteghe.

Negli anni 1474-77 gli ambienti delle Canoniche vennero totalmente rinnovati e fu aggiunto un portico superiore, in parziale addossamento al prospetto settentrionale del Duomo. Il terremoto del 1501 causò danni, oltre che al Duomo, anche a questi edifici, per cui seguirono interventi di riparazione.

Dopo il Concilio di Trento l’edificio delle Canoniche, che interessava tutto l’isolato dal Duomo fino a Via Emilia, venne parzialmente adattato a sede del Seminario.

Nei secoli successivi il chiostro venne utilizzato anche come luogo di sepoltura.

Verso la fine del 1700, nell’ambito del piano generale di rinnovamento urbanistico della città voluto da Francesco III d’Este, sia la parte adibita a Seminario che la parte in uso al Capitolo e ai Canonici vennero totalmente ricostruite e l’edificio assunse le forme attuali. A seguito delle disposizioni napoleoniche del 1798 i locali furono forzatamente alienati e riconsegnati al clero solo nel 1803.

Nel 1826 la sede del Seminario fu spostata nell’ex convento francescano di Corso Canalchiaro, dove si trova tuttora.

A fine ‘800 presso il portico a nord del cortile venne fondato il Lapidario, luogo deputato alla conservazione delle ‘memorie’ della Cattedrale e del ricovero delle sue sculture.

In occasione degli interventi dei primi anni del 1900, volti ad isolare il Duomo dagli addossamenti esterni in nome del rispristino dell’assetto romanico originario, vennero demoliti il portico e il loggiato che occupavano l’attuale Via Lanfranco, nonostante il parere discorde della Giunta Superiore delle Belle Arti. Una porzione del loggiato fu ricomposta a ridosso della parete est del cortile, a memoria di ciò che c’era un tempo. In occasione di tali interventi il cortile venne sistemato a ghiaia e al centro venne creata un’aiuola di verde in cui furono piantumate essenze arboree.

Nel corso del XX secolo l’edificio è stato frazionato e venduto a diverse proprietà. Il Ministero di Grazia e Giustizia ha acquisito gran parte dei locali e li ha adibiti a sede dell’Archivio Notarile.

Durante la seconda guerra mondiale gli edifici attorno al cortile hanno subito ingenti bombardamenti, a cui sono seguiti interventi di ricostruzione.

In occasione del Giubileo dell’anno 2000 nei locali siti al primo piano a nord del cortile è stato realizzato il Museo del Tesoro. Questi locali e quelli corrispondenti al piano superiore attualmente sono di proprietà in parte del Capitolo Metropolitano, in parte del Ministero di Grazia e di Giustizia.

“SALTO DI QUALITÀ PER IL SITO UNESCO”

Alla conferenza stampa, insieme al sindaco Gian Carlo Muzzarelli, anche il presidente della Fondazione Cavicchioli e i vertici di UniCredit con Vita e Papa

“Un ulteriore salto di qualità dei Musei del Duomo, di tutto il sito Unesco, del patrimonio culturale della città”. Il sindaco Gian Carlo Muzzarelli ha introdotto così la conferenza stampa di presentazione dei progetti di ampliamento dell’istituto culturale sottolineando, in particolare, come l’operazione sia stata resa possibile dalla collaborazione istituzionale (“un vero e proprio gioco di squadra”) che, oltre al Comune e alla Basilica Metropolitana, ha coinvolto il ministero di Grazia e Giustizia, la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, Unicredit e il coordinamento Unesco dei Musei civici.

Il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena Paolo Cavicchioli ha ringraziato UniCredit “per l’attenzione prestata a questo progetto in coerenza con gli interventi già finanziati per il Duomo e la Ghirlandina”. Cavicchioli ha poi ringraziato quanti – in primo luogo Comune e Curia – “si occupano quotidianamente della tutela di luoghi che sono alla base dell’identità spirituale e civica della nostra città”.

“Siamo orgogliosi – ha affermato il presidente UniCredit Giuseppe Vita - di sostenere questo progetto, volto alla valorizzazione di un bene che ha sede e cuore a Modena ma il cui valore storico e culturale è noto ben oltre i confini di questo territorio. UniCredit, Gruppo bancario paneuropeo che a Modena affonda parte delle proprie radici storiche non ha mai fatto mancare il proprio sostegno per la salvaguardia del complesso architettonico riconosciuto dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità”.

“Il nostro Gruppo – ha aggiunto il direttore generale di UniCredit Gianni Franco Papa -  ha infatti contribuito a finanziare nel tempo anche le importanti campagne di restauro che hanno consentito di riportare il Duomo e la torre Ghirlandina al loro originario splendore e di preservarne la bellezza. Proseguiamo ora questo percorso con la valorizzazione dell’inestimabile patrimonio culturale costituito dai Musei del Duomo. Ciò, ancora una volta in stretta sinergia con la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena con la quale proseguiamo un cammino di proficua collaborazione su più fronti per lo sviluppo del territorio”.

“Riconoscenza e gratitudine” sono state espresse da monsignor Luigi Biagini che ha portato il saluto dell’arcivescovo Erio Castellucci e ha sottolineato, insieme alla direttrice Giovanna Caselgrandi, l’impegno dei volontari per garantire l’apertura dell’istituto e l’importanza della collaborazione che si è sviluppata in città per lo sviluppo dei Musei del Duomo.

 

 

 

multimedia

Musei del Duomo

Musei del Duomo. Conferenza stampa

lascia il tuo commento ...
Guarda ModenaNOI TV con i Player esterni per smartphone e tablet
*****************************************************
State ascoltando:

Loading ...

total quality srl - organizzazione direzionale e sistemi integrati qualità/ambiente/sicurezza
rassegna stampa
ritrovaci su facebook

Informativa sulla privacy - modenanoi.it

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito www.modenanoi.it in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un'informativa che è resa anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi del sito web www.modenanoi.it per la protezione dei dati personali, accessibili per via telematica a partire dall'indirizzo: www.modenanoi.it.
L'informativa è resa solo per il sito web www.modenanoi.it e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall'utente tramite link.
L'informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall'art. 29 della direttiva n. 95/46/CE , hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento.
L'accesso al sito www.modenanoi.it presuppone il consenso alla raccolta e al trattamento dei dati personali, secondo le modalità descritte nella presente informativa sulla privacy.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Il "titolare" del loro trattamento è il legale rappresentante responsabile per la protezione dei dati personali: Rughetti Andrea - Castelfranco Emilia (MO) - Italia.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede e sono curati solo da personale tecnico oppure da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso. I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo (bollettini, cd-rom, newsletter, relazioni annuali, risposte a quesiti, atti e provvedimenti, ecc.) sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e sono comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia a tal fine necessario.

TIPI DI DATI TRATTATI

Dati di navigazione. I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l'elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni.

Informativa sui cookie (Cookie Policy)

Al fine di rendere più comoda possibile la Sua visita al nostro sito web, per la presentazione del nostro assortimento di prodotti utilizziamo dei cookies. Si tratta di piccoli aggregati di testo registrati localmente nella memoria temporanea del Suo browser, e quindi nel Suo computer, per periodi di tempo variabili in funzione dell'esigenza e generalmente compresi tra poche ore e alcuni anni, con l'eccezione dei cookie di profilazione la cui durata massima è di 365 giorni solari.
Mediante i cookie è possibile registrare in modo semi-permanente informazioni relative alle Sue preferenze e altri dati tecnici che permettono una navigazione più agevole e una maggiore facilità d'uso e efficacia del sito stesso. Ad esempio, i cookies possono essere usati per determinare se è già stata effettuata una connessione fra il Suo computer e i nostri siti per evidenziare le novità o mantenere le informazioni di "login". A Sua garanzia, viene identificato solo il cookie memorizzato sul suo computer.

TIPOLOGIE DI COOKIE

Questo sito fa uso di tre diverse tipologie di cookie:

1. Cookie tecnici essenziali
Questi cookie sono necessari al corretto funzionamento del sito. Consentono la navigazione delle pagine, la condivisione dei nostri contenuti, la memorizzazione delle Sue credenziali di accesso per rendere più rapido l'ingresso nel sito e per mantenere attive le Sue preferenze e credenziali durante la navigazione. Senza questi cookie non potremmo fornire i servizi per i quali gli utenti accedono al sito.

2. Cookie statistici e prestazionali
Questi cookie ci permettono di sapere in che modo i visitatori utilizzano il sito, per poterne così valutare e migliorare il funzionamento e privilegiare la produzione di contenuti che meglio incontrano i bisogni informativi dei nostri utenti. Ad esempio, consentono di sapere quali sono le pagine più e meno frequentate. Tengono conto, tra le altre cose, del numero di visitatori, del tempo trascorso sul sito dalla media degli utenti e delle modalità di arrivo di questi. In questo modo, possiamo sapere che cosa funziona bene e che cosa migliorare, oltre ad assicurarci che le pagine si carichino velocemente e siano visualizzate correttamente. Tutte le informazioni raccolte da questi cookie sono anonime e non collegate ai dati personali dell'utente. Per eseguire queste funzioni nei nostri siti utilizziamo i servizi di terze parti che anonimizzano i dati rendendoli non riconducibili a singoli individui (cosiddetto "single-in"). Laddove siano presenti servizi non completamente anonimizzati, Lei li troverà elencati tra i cookie di terze parti per i quali è possibile negare il consenso, a garanzia della Sua privacy.

3. Cookie funzionali e di profilazione di terze parti
In questa categoria ricadono sia cookie erogati da soggetti partner di Modenannoi.it e ad essa noti, sia cookie erogati da soggetti terzi non direttamente controllati o controllabili da Modenanoi.it.
I cookie provenienti dai nostri partner consentono di offrire funzionalità avanzate, nonchè maggiori informazioni e funzioni personali. Ciò include la possibilità di condividere contenuti attraverso i social network e di accedere ai servizi di videostreaming. Tali servizi sono principalmente forniti da operatori esterni ingaggiati o consapevolmente integrati da Modenanoi.it. Se si dispone di un account o se si utilizzano i servizi di tali soggetti su altri siti Web, questi potrebbero essere in grado di sapere che l'utente ha visitato i nostri siti. L'utilizzo dei dati raccolti da questi operatori esterni tramite cookie è sottoposto alle rispettive politiche sulla privacy e pertanto si identificano tali cookie con i nomi dei rispettivi soggetti. Tra questi si annoverano i cookie registrati dai principali social network che Le consentono di condividere gli articoli dei nostri siti e di manifestare pubblicamente il gradimento per il nostro lavoro.
I cookie non provenienti da partner di Modenanoi.it, sono cookie veicolati senza il controllo di Modenanoi.it, da soggetti terzi che hanno modo di intercettare l'utente durante la sua navigazione anche al di fuori del sito Modenanoi.it. Questi cookie, tipicamente di profilazione, non sono direttamente controllabili da Modenanoi.it che non può quindi garantire in merito all'uso che i terzi titolari fanno delle informazioni raccolte.

GESTIONE DEI COOKIE

Nel caso in cui Lei abbia dubbi o preoccupazioni in merito all'utilizzo dei cookie Le è sempre possibile intervenire per impedirne l'impostazione e la lettura, ad esempio modificando le impostazioni sulla privacy all'interno del Suo browser al fine di bloccarne determinati tipi.

Poichè ciascun browser - e spesso diverse versioni dello stesso browser - differiscono anche sensibilmente le une dalle altre se preferisce agire autonomamente mediante le preferenze del Suo browser può trovare informazioni dettagliate sulla procedura necessaria nella guida del Suo browser. Per una panoramica delle modalità di azione per i browser più comuni, può visitare l'indirizzo www.cookiepedia.co.uk

Le società pubblicitarie consentono inoltre di rinunciare alla ricezione di annunci mirati, se lo si desidera. Ciò non impedisce l'impostazione dei cookie, ma interrompe l'utilizzo e la raccolta di alcuni dati da parte di tali società.

Per maggiori informazioni e possibilità di rinuncia, visitare l'indirizzo www.youronlinechoices.eu

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy di Modenanoi.it e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti nè utilizzati da Modenanoi.it fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità di cui ai siti citati nel paragrafo "Gestione dei cookie".