Cronaca » Politica

Sabato 07 Luglio 2018 - ore 21:42

Il Consiglio chiede più tutele per i lavoratori del digitale

Approvati due ordini del giorno che sollecitano azioni e l’avvio di un confronto.

Il Consiglio comunale chiede una serie di azioni a tutela dei lavoratori del digitale. E lo fa attraverso l’approvazione all’unanimità di due ordini del giorno, uno presentato da Art.1 – Mdp – Per me Modena e illustrato da Marco Malferrari, l’altro presentato dal Pd e illustrato da Federica Venturelli.

Entrambe le mozioni chiedono all’Amministrazione di avviare un confronto all’interno del Tavolo comunale per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, sulle nuove forme di lavoro, coinvolgendo le parti sociali interessate (i sindacati, le piattaforme del food delivery operanti nella nostra città e i lavoratori) e di sottoscrivere la “Carta dei diritti fondamentali del lavoro digitale nel contesto urbano”. Invitano inoltre a sollecitare il nuovo Parlamento ad approvare provvedimenti che riducano la precarietà del lavoro, integrando e adeguando l’attuale legislazione per coloro che lavorano nel variegato mondo dei servizi a richiesta (on demand economy), riconoscendo a questi lavoratori nuovi diritti e maggiori tutele.

La mozione di Art.1 – Mdp – Per me Modena chiede inoltre di “promuovere e tutelare l’uso di strumenti di lavoro (applicazioni, algoritmi, o altri) che i lavoratori del settore dovessero essere in grado e decidere di produrre da loro o di cui gli stessi volessero dotarsi al fine di acquisire l’autonomia necessaria dalle aziende o piattaforme”; di domandare ai membri italiani del Parlamento europeo di “promuovere ogni iniziativa utile finalizzata alla comune adozione, negli stati membri della Comunità europea, della legislazione che assicuri le migliori condizioni ai lavoratori, tra quelle esistenti nei singoli paesi aderenti o nelle realtà locali” e di sollecitare una discussione locale e nazionale tra le diverse Istituzioni, le associazioni di categoria, i sindacati e le Università, “dove si affronti il tema di come rendere quanto prima possibile sostenibili i modelli organizzativi, dettati dall’innovazione tecnologica, per tutti i soggetti coinvolti, dai cittadini e i  lavoratori alle imprese, nella consapevolezza della necessità che a tutti i cittadini siano riconosciuti il diritto ad un lavoro dignitoso e le condizioni che rendano effettivo questo diritto”.

La mozione del Pd domanda invece, ancora, “che il Comune di Modena e la Regione Emilia-Romagna possano collaborare con l’obiettivo di ottenere migliori condizioni di lavoro per i riders e, in generale, per tutti i lavoratori impiegati nei settori di forte innovazione” ed esprime l’adesione all’invito del Comune di Milano di creare un tavolo nazionale, presso l'Anci, che affronti e governi il fenomeno delle consegne a domicilio.

AULA CONCORDE SULLA NECESSITÀ DI AZIONI

Diversi gli interventi in Consiglio prima dell’approvazione di due ordini del giorno. Muzzarelli: “Creiamo qualche modello locale per dare dignità e tutele a queste persone”

“Dobbiamo provare a individuare le condizioni per dare dignità alle persone che lavorano nel digitale, creando qualche modello locale che gli offra un po’ di tutele. Non possiamo fermare la tecnologia, ma bisogna capire cosa facciamo nel 2000 per far sì che la tecnologia, il diritto e l’umanità trovino una sintesi”.

A dirlo, intervenendo nel dibattito sui lavoratori del digitale che ha preceduto l’approvazione di due ordini del giorno, nella seduta del Consiglio comunale di giovedì 5 luglio, è stato il sindaco Gian Carlo Muzzarelli, che ha poi proseguito: “Dobbiamo fare un salto in avanti aprendo da oggi riflessione più profonda su dove stiamo andando. Proveremo a studiare qualche soluzione verificando cosa stanno facendo in merito le regioni, il Comune di Bologna e altri. La situazione di questo nuovo settore ci preoccupa – ha aggiunto – perché è un sistema perverso: da un lato la condizione dei giovani e meno giovani, visto che vi lavorano anche persone di 40-50 anni, e dall'altro il tema della fiscalità delle imprese fuori dal territorio nazionale, che si arricchiscono senza versare contributi né pagare tasse”.

Aprendo il dibattito, Antonio Carpentieri del Pd ha evidenziato che “vengono avanti nuovi tipi di lavoro sul mercato che spesso comportano condizioni di discriminazione, differenza e diritti diversi. Nel caso specifico – ha aggiunto – ci sono situazioni nuove che sfuggono non solo a controllo, ma all’incasellamento: non c'è un contratto collettivo nazionale e spesso nemmeno quello individuale, tantomeno una legge e, dopo tanto tempo, è di fatto tornato d’attualità un tema che sembrava scomparso, cioè il cottimo”. Per Federica Venturelli “il ricorso alla piattaforma digitale fa sì che l'azienda respinga l'esistenza di un reale rapporto di lavoro cercando di abbattere costi contributivi e previdenziali. Il settore è caratterizzato dalla quasi totale assenza della rappresentanza sindacale anche perché questi lavoratori hanno paura e con questo sistema lavorativo faticano a incontrarsi, conoscersi e condividere le situazioni”. La consigliera ha ribadito che “va messa al centro la questione fondamentale della dignità del lavoro”. Anche Tommaso Fasano ha sottolineato la “situazione di dissociazione tra i lavori creati con le nuove tecnologie e la capacità delle Istituzioni di regolamentare le situazioni inedite che si presentano. Si fa fatica a inquadrare queste nuove forme di lavoro, che rappresenta uno degli snodi su cui bisogna applicarsi con maggior impegno”. Il consigliere ha poi chiesto “come mai il gruppo del M5s non si esprima sul tema nonostante che il Governo lo abbia fatto”.

Giuseppe Pellacani di Energie per l’Italia ha parlato di “nuovi fenomeni difficilmente inquadrabili nel sistema attuale. È importante quindi porsi il problema – ha proseguito - pur non essendo questo il contesto normativo: possiamo individuare quali sono i valori categoriali che possono offrire la possibilità di qualificare le nuove categorie e di individuare strumenti per tutelare queste nuove figure. Il punto di caduta deve essere un altro, quello parlamentare, ma un tavolo in cui si sottolineano le criticità può essere già un buon punto di partenza”.

Marco Malferrari di Art.1 – Mdp – Per me Modena ha evidenziato che “qui deve intervenire la politica, perché il suo ruolo di rappresentanza prevede di arrivare a definire norme per disciplinare e ordinare un settore, ponendo le condizioni per consentire a queste persone di avere un insieme di diritti e doveri quanto più possibile vicino al dettato costituzionale. Dobbiamo assumerci questo impegno; per far sì che le innovazioni tecnologiche vengano utilizzate per ridurre la fatica e migliorare le condizioni economiche e sociali di tutti i cittadini, non per minare la coesione sociale”.

Marco Rabboni del M5s, rispondendo al consigliere Fasano, ha annunciato il voto a favore del gruppo agli ordini del giorno: “Il voto a favore mi sembrava già sufficiente a far capire la nostra posizione di sostegno e il nostro pensiero politico, ben espresso dal nostro capo politico che a Roma sta provando ad affrontare il tema. Mi sembra che quanto stiamo cercando di fare al Governo sia già espressione della posizione del nostro gruppo”.

lascia il tuo commento ...
Guarda ModenaNOI TV con i Player esterni per smartphone e tablet
*****************************************************
State ascoltando:

Loading ...

total quality srl - organizzazione direzionale e sistemi integrati qualità/ambiente/sicurezza
rassegna stampa
ritrovaci su facebook

Informativa sulla privacy - modenanoi.it

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito www.modenanoi.it in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un'informativa che è resa anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi del sito web www.modenanoi.it per la protezione dei dati personali, accessibili per via telematica a partire dall'indirizzo: www.modenanoi.it.
L'informativa è resa solo per il sito web www.modenanoi.it e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall'utente tramite link.
L'informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall'art. 29 della direttiva n. 95/46/CE , hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento.
L'accesso al sito www.modenanoi.it presuppone il consenso alla raccolta e al trattamento dei dati personali, secondo le modalità descritte nella presente informativa sulla privacy.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Il "titolare" del loro trattamento è il legale rappresentante responsabile per la protezione dei dati personali: Rughetti Andrea - Castelfranco Emilia (MO) - Italia.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede e sono curati solo da personale tecnico oppure da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso. I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo (bollettini, cd-rom, newsletter, relazioni annuali, risposte a quesiti, atti e provvedimenti, ecc.) sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e sono comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia a tal fine necessario.

TIPI DI DATI TRATTATI

Dati di navigazione. I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l'elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni.

Informativa sui cookie (Cookie Policy)

Al fine di rendere più comoda possibile la Sua visita al nostro sito web, per la presentazione del nostro assortimento di prodotti utilizziamo dei cookies. Si tratta di piccoli aggregati di testo registrati localmente nella memoria temporanea del Suo browser, e quindi nel Suo computer, per periodi di tempo variabili in funzione dell'esigenza e generalmente compresi tra poche ore e alcuni anni, con l'eccezione dei cookie di profilazione la cui durata massima è di 365 giorni solari.
Mediante i cookie è possibile registrare in modo semi-permanente informazioni relative alle Sue preferenze e altri dati tecnici che permettono una navigazione più agevole e una maggiore facilità d'uso e efficacia del sito stesso. Ad esempio, i cookies possono essere usati per determinare se è già stata effettuata una connessione fra il Suo computer e i nostri siti per evidenziare le novità o mantenere le informazioni di "login". A Sua garanzia, viene identificato solo il cookie memorizzato sul suo computer.

TIPOLOGIE DI COOKIE

Questo sito fa uso di tre diverse tipologie di cookie:

1. Cookie tecnici essenziali
Questi cookie sono necessari al corretto funzionamento del sito. Consentono la navigazione delle pagine, la condivisione dei nostri contenuti, la memorizzazione delle Sue credenziali di accesso per rendere più rapido l'ingresso nel sito e per mantenere attive le Sue preferenze e credenziali durante la navigazione. Senza questi cookie non potremmo fornire i servizi per i quali gli utenti accedono al sito.

2. Cookie statistici e prestazionali
Questi cookie ci permettono di sapere in che modo i visitatori utilizzano il sito, per poterne così valutare e migliorare il funzionamento e privilegiare la produzione di contenuti che meglio incontrano i bisogni informativi dei nostri utenti. Ad esempio, consentono di sapere quali sono le pagine più e meno frequentate. Tengono conto, tra le altre cose, del numero di visitatori, del tempo trascorso sul sito dalla media degli utenti e delle modalità di arrivo di questi. In questo modo, possiamo sapere che cosa funziona bene e che cosa migliorare, oltre ad assicurarci che le pagine si carichino velocemente e siano visualizzate correttamente. Tutte le informazioni raccolte da questi cookie sono anonime e non collegate ai dati personali dell'utente. Per eseguire queste funzioni nei nostri siti utilizziamo i servizi di terze parti che anonimizzano i dati rendendoli non riconducibili a singoli individui (cosiddetto "single-in"). Laddove siano presenti servizi non completamente anonimizzati, Lei li troverà elencati tra i cookie di terze parti per i quali è possibile negare il consenso, a garanzia della Sua privacy.

3. Cookie funzionali e di profilazione di terze parti
In questa categoria ricadono sia cookie erogati da soggetti partner di Modenannoi.it e ad essa noti, sia cookie erogati da soggetti terzi non direttamente controllati o controllabili da Modenanoi.it.
I cookie provenienti dai nostri partner consentono di offrire funzionalità avanzate, nonchè maggiori informazioni e funzioni personali. Ciò include la possibilità di condividere contenuti attraverso i social network e di accedere ai servizi di videostreaming. Tali servizi sono principalmente forniti da operatori esterni ingaggiati o consapevolmente integrati da Modenanoi.it. Se si dispone di un account o se si utilizzano i servizi di tali soggetti su altri siti Web, questi potrebbero essere in grado di sapere che l'utente ha visitato i nostri siti. L'utilizzo dei dati raccolti da questi operatori esterni tramite cookie è sottoposto alle rispettive politiche sulla privacy e pertanto si identificano tali cookie con i nomi dei rispettivi soggetti. Tra questi si annoverano i cookie registrati dai principali social network che Le consentono di condividere gli articoli dei nostri siti e di manifestare pubblicamente il gradimento per il nostro lavoro.
I cookie non provenienti da partner di Modenanoi.it, sono cookie veicolati senza il controllo di Modenanoi.it, da soggetti terzi che hanno modo di intercettare l'utente durante la sua navigazione anche al di fuori del sito Modenanoi.it. Questi cookie, tipicamente di profilazione, non sono direttamente controllabili da Modenanoi.it che non può quindi garantire in merito all'uso che i terzi titolari fanno delle informazioni raccolte.

GESTIONE DEI COOKIE

Nel caso in cui Lei abbia dubbi o preoccupazioni in merito all'utilizzo dei cookie Le è sempre possibile intervenire per impedirne l'impostazione e la lettura, ad esempio modificando le impostazioni sulla privacy all'interno del Suo browser al fine di bloccarne determinati tipi.

Poichè ciascun browser - e spesso diverse versioni dello stesso browser - differiscono anche sensibilmente le une dalle altre se preferisce agire autonomamente mediante le preferenze del Suo browser può trovare informazioni dettagliate sulla procedura necessaria nella guida del Suo browser. Per una panoramica delle modalità di azione per i browser più comuni, può visitare l'indirizzo www.cookiepedia.co.uk

Le società pubblicitarie consentono inoltre di rinunciare alla ricezione di annunci mirati, se lo si desidera. Ciò non impedisce l'impostazione dei cookie, ma interrompe l'utilizzo e la raccolta di alcuni dati da parte di tali società.

Per maggiori informazioni e possibilità di rinuncia, visitare l'indirizzo www.youronlinechoices.eu

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy di Modenanoi.it e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti nè utilizzati da Modenanoi.it fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità di cui ai siti citati nel paragrafo "Gestione dei cookie".