Cronaca » Dalla città

Venerdì 26 Luglio 2019 - ore 20:31

emergenza climatica / Il Consiglio comunale approva Odg: ''Ridurre le emissioni''

''Dichiarare l'emergenza e ridurre le emissioni''. Lo chiede al Comune il Consiglio con un odg della maggioranza. Ok anche alla mozione che chiede al Governo finanziamenti per l’emergenza inquinamento in Pianura Padana

"riconoscendo le responsabilità storiche e antropiche del cambiamento climatico, e attuare ogni azione possibile per contenere l’aumento delle temperature e ridurre le emissioni di gas climalteranti". Ok anche alla mozione che chiede al Governo finanziamenti per l’emergenza inquinamento in Pianura Padana. Ok del Consiglio comunale all’ordine del giorno che chiede anche al governo di “sostenere economicamente gli enti locali nelle spese che dovranno affrontare”

Dichiarare lo stato di emergenza climatica e ambientale, riconoscendo le responsabilità storiche e antropiche del cambiamento climatico, e attuare ogni azione possibile per contenere l’aumento delle temperature e ridurre le emissioni di gas climalteranti. È quanto chiede al Comune di Modena l’ordine del giorno presentato dai gruppi di maggioranza (Verdi, Pd, Sinistra per Modena e Modena solidale) e approvato dal Consiglio comunale, nella seduta di giovedì 25 luglio, con il voto a favore della maggioranza e del Movimento 5 stelle (contrari Lega e Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia).

Insieme all’ordine del giorno sull’emergenza climatica, l’assemblea consiliare ha approvato anche una seconda mozione, proposta anche in questo caso dai gruppi di maggioranza, che chiede al governo di decretare lo stato di emergenza sanitaria per la Pianura padana, a causa dell’elevato inquinamento dell’aria, e di conseguenza di finanziare incentivi e progetti, come sostituzione dei veicoli inquinanti ed efficientamento energetico, per diminuire le immissioni di gas inquinanti in atmosfera. Su proposta del M5s, l’ordine del giorno invita anche l’Amministrazione comunale ad anticipare sul territorio comunale il divieto di utilizzare la plastica monouso, applicandolo entro la fine di gennaio 2020 invece che entro il 2021, data prevista dall’Unione europea. L’ordine del giorno è stato approvato con il voto a favore della maggioranza (Verdi, Pd, Sinistra per Modena e Modena solidale) e del Movimento 5 stelle (contrari Lega e Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia).

IL DIBATTITO IN CONSIGLIO

Gli interventi dei consiglieri prima dell’approvazione dei due ordini del giorno

Il Consiglio comunale di Modena ha approvato, nella seduta di giovedì 25 luglio, due ordini del giorno che chiedono all’Amministrazione di dichiarare lo stato di emergenza climatica e ambientale e attuare ogni azione possibile per contenere l’aumento delle temperature e ridurre le emissioni di gas climalteranti, e al governo di decretare lo stato di emergenza sanitaria per la Pianura padana, a causa dell’elevato inquinamento dell’aria, e definire finanziamenti per diminuire le immissioni di gas inquinanti in atmosfera.

Aprendo gli interventi, Paola Aime, Verdi, prima firmataria dell’ordine del giorno sul clima, che ha illustrato, ha ricordato che il Senato non ha dichiarato l’emergenza climatica, approvando “solo un documento annacquato. Ed è un problema – ha detto – che a livello nazionale non sia recepito un tema così importante”. Con l’ordine del giorno, ha proseguito la consigliera, “vogliamo impegnare la giunta a mettere in campo una progettualità sostenuta da intenzioni serie e strumenti adeguati perché le nostre non siano parole al vento. Siamo chiamati a compiere uno sforzo straordinario: quello di cambiare la nostra mentalità e le nostre priorità sull’uso dell’auto, il trasporto pubblico, il consumo del suolo”.

Presentando l’ordine del giorno che chiede al governo di dichiarare lo stato di emergenza per la Pianura padana a causa dell’inquinamento dell’aria, Diego Lenzini, Pd, ha affermato che “oltre a un’emergenza globale per il clima, in Emilia Romagna viviamo anche un’emergenza locale dovuta alla pessima qualità dell’aria: il governo deve stanziare fondi strutturali, che permettano interventi specifici per il territorio con l’obiettivo di abbassare l’inquinamento”.

Per il Movimento 5 stelle, Enrica Manenti, che ha illustrato gli emendamenti proposti dal suo gruppo, ha condiviso la richiesta di finanziamento al governo offrendo la “disponibilità a lavorare concretamente insieme per ottenere le risorse”. Ha, quindi, aggiunto una “richiesta di impegno all’Amministrazione comunale perché faccia qualcosa di significativo e subito per combattere l’emergenza ambientale e dell’inquinamento”. Giovanni Silingardi ha ribadito che “l’emergenza c’è ed è oggettiva: non possiamo limitarci a fare dichiarazioni di principio senza prendere decisioni gravi e anche costose per ottenere dei cambiamenti anche qui da noi”. Il consigliere ha quindi ricordato il contenuto degli emendamenti presentati – vietare entro la fine di gennaio 2020 l’utilizzo di oggetti di plastica monouso (approvato); sostituire tutti i mezzi dell’amministrazione entro il 2020, invitare Seta a sostituire tutti gli autobus con mezzi elettrici entro il 2022 e attuare il progressivo spegnimento dell’inceneritore entro il 2024 (respinti) – per affermare che “vanno nella direzione di dare ai nostri figli un futuro in cui respirare aria migliore”.

Per la Lega, Barbara Moretti ha detto che “pur condividendo i buoni propositi degli ordini del giorno, crediamo che la nostra attività progettuale debba essere più aderente alla realtà locale. Dobbiamo pensare a come far diminuire l’inquinamento nel nostro comune, dove ha assunto livelli più che preoccupanti, con un aumento delle patologie collegate”. Per la consigliera serve “un progetto ambientale organico per affrontare i problemi di inquinamento del nostro territorio: le emissioni dell’inceneritore, i rifiuti, l’uso della plastica, il traffico, le attività industriali, l’impatto ambientale del riscaldamento, l’amianto. Gli ordini del giorno sono utili solo a mascherare l’assenza di una vera politica ambientale da parte della giunta”.

Elisa Rossini, Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia, dopo aver contestato la scelta di discutere insieme i due ordini del giorno, li ha definiti entrambi “di una genericità sorprendente”. Ha quindi ricordato che in un documento firmato da scienziati autorevoli, dopo le proteste innescate dai Friday for future, si afferma che l’origine antropica del riscaldamento globale non è dimostrata, che l’emergenza derivi da modelli matematici ed è ingiustificatamente esagerata e che le previsioni catastrofiche non sono realistiche. “O entriamo nello specifico di realtà sulle quali possiamo incidere, come l’inceneritore – ha concluso – o, se stiamo sulle generali, questa non è la sede opportuna”.

Piergiulio Giacobazzi, FI, ha definito gli ordini del giorno “demagogia e propaganda antiscientifica: sul piano scientifico, non sappiamo quali siano i parametri per determinare l’emergenza climatica. Sul piano politico, ci troviamo davanti a un concentrato di pseudoambientalismo che, tra l’altro, sconfessa quanto fatto fin qui dall’Amministrazione comunale che negli ultimi vent’anni è comunque stata un disastro nel ridurre gli inquinanti. Prima di fare ambientalismo da libro cuore, dovrebbe fare autocritica e farci capire qual è la competenza del Consiglio nell’ambito di emergenza globale. Il clima cambia ed è sempre cambiato a prescindere dall’uomo”.  

Per il Pd, Federica Venturelli ha richiamato la mobilitazione dei giovani con Greta Thunberg, “un messaggio potente che scuote le coscienze, ci ricorda che non c’è più tempo e ci chiede di agire”. Dopo aver ricordato che sul tema dell’ambiente l’attuale esecutivo “non ha certo brillato”, ha affermato che Modena non parte dall’anno zero ma ha un sistema in grado di affrontare le sfide. “Dobbiamo però riorganizzarci e far divenire l’ambiente il focus di un nuovo paradigma di sviluppo: per questo abbiamo ribadito l’adesione al Paesc impegnandoci a ridurre le emissioni, progettato un Pums che privilegia la mobilità dolce e sostenibile, e stiamo lavorando a un Pug che ha come obiettivo la riduzione del consumo di suolo”. Per Stefano Manicardi, gli eventi climatici a cui assistiamo sono “la prova di quanto ci attende se non saremo in grado, come modenesi, di cambiare i nostri stili di vita, la nostra cultura e la nostra concezione della città”. Il cambiamento però deve avvenire con una sinergia tra tutela delle esigenze ambientali e di quelle economiche, sociali e di progresso. “Regione e Comune hanno già avviato un efficace lavoro in questo senso per dare risposta e ciò che è e a ciò che dovrà essere”. Antonio Carpentieri ha sostenuto che entrambi gli ordini del giorno non sono tecnici, ma “estremamente politici e simbolici”. E sono entrambi importanti “perché ci chiedono di prenderci un impegno a nome della comunità che rappresentiamo. Il problema del clima esiste e, anche se sappiamo che risolverlo è complicatissimo, non possiamo far finta di niente e anche le amministrazioni locali devono contribuire”. Per il consigliere il punto non è quanto è demagogico l’ordine del giorno ma “se accettiamo che l’emergenza climatica esiste, che tutti, con il nostro stile di vita, abbiamo contribuito a crearla e, di conseguenza, se ci prendiamo la responsabilità di fare quanto possiamo per cambiare le cose”. Intervenendo nel merito degli emendamenti, Marco Forghieri ha ricordato che il ruolo del Consiglio è dare alla Giunta degli indirizzi che non siano troppo precettivi, ma nemmeno troppo generici o irrealizzabili e le proposte per cambiare completamente il parco veicoli del Comune e di Seta sono troppo vincolanti per stare in un ordine del giorno, mentre per quanto riguarda l’inceneritore, “anticipare il termine del 2034, collegato il tema più ampio dello smaltimento dei rifiuti, richiederebbe alla giunta un impegno non realizzabile”.

Camilla Scarpa, per Sinistra per Modena, ha ribadito che l’ordine del giorno sul clima è frutto del lavoro di mobilitazione dei ragazzi del Friday for future Modena: “Come amministrazione, dobbiamo ascoltare le istanze del movimento e mettere in campo azioni concrete per fare della lotta ai cambiamenti climatici una priorità dell’agenda amministrativa”. Dopo aver ricordato gli impegni chiesti con gli ordini del giorno, la consigliera ha affermato che per realizzarli occorre “mettere in pratica un’idea di città sostenibile vivibile e rispettosa dell’ambiente. C’è molto da fare e serve un’azione politica di pensiero lungo per politiche ambiziose ed efficaci ma realizzabili”.

Chiudendo il dibattito, l’assessora all’Ambiente e mobilità sostenibile Alessandra Filippi ha sottolineato che l’ordine del giorno sull’emergenza climatica chiede in realtà cose molto concrete: “Ci chiede di prendere in mano il Patto dei sindaci per l’energia sostenibile e il clima, che abbiamo sottoscritto, e attuare una serie di azioni per ridurre le emissioni inquinanti prima di quanto previsto. È un compito complesso che ci deve coinvolgere tutti”.

MICROMOBILITÀ ELETTRICA, “AVVIARE LA SPERIMENTAZIONE”

Ok del Consiglio comunale all’ordine del giorno che chiede anche al governo di “sostenere economicamente gli enti locali nelle spese che dovranno affrontare”

Avviare il prima possibile, anche a Modena, la sperimentazione della circolazione su strada dei veicoli per la micromobilità elettrica, come monopattini, segway e hoverboard. Lo chiede l’ordine del giorno presentato dal Movimento 5 stelle e approvato dal Consiglio comunale, nella seduta di giovedì 25 luglio, con il voto a favore di M5s, Pd, Sinistra per Modena, Verdi, Modena solidale e Lega (astensione per Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia). Il documento è stato approvato dopo essere stato emendato, su proposta dei gruppi di maggioranza, aggiungendo la richiesta al governo, e in particolare al ministero dei Trasporti, di sostenere economicamente i Comuni che aderiscono alla sperimentazione, tenuto conto delle spese che gli enti locali dovranno affrontare.

Presentato in assemblea da Andrea Giordani, M5s, che ha sottolineato come la sperimentazione “darebbe alla città un segnale di cambiamento effettivo per migliorare lo stile di vita di tutti”, l’ordine del giorno fa riferimento al decreto del ministero dei Trasporti emanato lo scorso 4 giugno che introduce la possibilità di sperimentare la circolazione su strada dei veicoli per la micromobilità elettrica e prevede che la sperimentazione debba essere autorizzata dai Comuni con un’ordinanza entro un anno dall’entrata in vigore del decreto stesso. Il documento chiede, quindi, che la Giunta adotti la delibera che autorizza la sperimentazione, regolamentando la sosta e informi in modo adeguato la popolazione, con specifica attenzione alla presenza di un servizio di noleggio, nel caso venga attivato. Chiede, infine, di fornire al governo i dati sui risultati della sperimentazione.

L’ordine del giorno, richiamandosi anche ai contenuti dei Pair 2020 della Regione Emilia Romagna e agli obiettivi del Pums del Comune di Modena, sottolinea che “lo sviluppo della micromobilità è una misura utile per contrastare l’inquinamento atmosferico in virtù dei benefici derivanti dalla quota modale degli spostamenti per la mobilità personale con dispositivi a propulsione elettrica”.

Presentando l’emendamento dei gruppi di maggioranza, Antonio Carpentieri, Pd, ha sottolineato la necessità che il governo sostenga gli enti locali tenendo conto dei costi che dovranno affrontare.

Paola Aime, Verdi, pur annunciando il voto a favore, ha espresso qualche perplessità sotto il profilo della sicurezza nell’utilizzo di questi mezzi, come ha fatto anche Elisa Rossini, Fratelli d’Italia-Popolo della famiglia, che ha chiesto di aspettare “per valutare meglio l’aspetto della sicurezza”.

Giovanni Silingardi, M5s, ha replicato che la sperimentazione è prevista da un decreto ministeriale che prevede una serie di regole per la circolazione di questi mezzi, “la sicurezza dipende dal rispetto delle regole e la sperimentazione serve anche per valutare come funzionerà il sistema”.

lascia il tuo commento ...
Guarda ModenaNOI TV con i Player esterni per smartphone e tablet
*****************************************************
State ascoltando:

Loading ...

total quality srl - organizzazione direzionale e sistemi integrati qualità/ambiente/sicurezza
rassegna stampa
ritrovaci su facebook

Informativa sulla privacy - modenanoi.it

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito www.modenanoi.it in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un'informativa che è resa anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi del sito web www.modenanoi.it per la protezione dei dati personali, accessibili per via telematica a partire dall'indirizzo: www.modenanoi.it.
L'informativa è resa solo per il sito web www.modenanoi.it e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall'utente tramite link.
L'informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall'art. 29 della direttiva n. 95/46/CE , hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento.
L'accesso al sito www.modenanoi.it presuppone il consenso alla raccolta e al trattamento dei dati personali, secondo le modalità descritte nella presente informativa sulla privacy.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Il "titolare" del loro trattamento è il legale rappresentante responsabile per la protezione dei dati personali: Rughetti Andrea - Castelfranco Emilia (MO) - Italia.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede e sono curati solo da personale tecnico oppure da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso. I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo (bollettini, cd-rom, newsletter, relazioni annuali, risposte a quesiti, atti e provvedimenti, ecc.) sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e sono comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia a tal fine necessario.

TIPI DI DATI TRATTATI

Dati di navigazione. I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l'elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni.

Informativa sui cookie (Cookie Policy)

Al fine di rendere più comoda possibile la Sua visita al nostro sito web, per la presentazione del nostro assortimento di prodotti utilizziamo dei cookies. Si tratta di piccoli aggregati di testo registrati localmente nella memoria temporanea del Suo browser, e quindi nel Suo computer, per periodi di tempo variabili in funzione dell'esigenza e generalmente compresi tra poche ore e alcuni anni, con l'eccezione dei cookie di profilazione la cui durata massima è di 365 giorni solari.
Mediante i cookie è possibile registrare in modo semi-permanente informazioni relative alle Sue preferenze e altri dati tecnici che permettono una navigazione più agevole e una maggiore facilità d'uso e efficacia del sito stesso. Ad esempio, i cookies possono essere usati per determinare se è già stata effettuata una connessione fra il Suo computer e i nostri siti per evidenziare le novità o mantenere le informazioni di "login". A Sua garanzia, viene identificato solo il cookie memorizzato sul suo computer.

TIPOLOGIE DI COOKIE

Questo sito fa uso di tre diverse tipologie di cookie:

1. Cookie tecnici essenziali
Questi cookie sono necessari al corretto funzionamento del sito. Consentono la navigazione delle pagine, la condivisione dei nostri contenuti, la memorizzazione delle Sue credenziali di accesso per rendere più rapido l'ingresso nel sito e per mantenere attive le Sue preferenze e credenziali durante la navigazione. Senza questi cookie non potremmo fornire i servizi per i quali gli utenti accedono al sito.

2. Cookie statistici e prestazionali
Questi cookie ci permettono di sapere in che modo i visitatori utilizzano il sito, per poterne così valutare e migliorare il funzionamento e privilegiare la produzione di contenuti che meglio incontrano i bisogni informativi dei nostri utenti. Ad esempio, consentono di sapere quali sono le pagine più e meno frequentate. Tengono conto, tra le altre cose, del numero di visitatori, del tempo trascorso sul sito dalla media degli utenti e delle modalità di arrivo di questi. In questo modo, possiamo sapere che cosa funziona bene e che cosa migliorare, oltre ad assicurarci che le pagine si carichino velocemente e siano visualizzate correttamente. Tutte le informazioni raccolte da questi cookie sono anonime e non collegate ai dati personali dell'utente. Per eseguire queste funzioni nei nostri siti utilizziamo i servizi di terze parti che anonimizzano i dati rendendoli non riconducibili a singoli individui (cosiddetto "single-in"). Laddove siano presenti servizi non completamente anonimizzati, Lei li troverà elencati tra i cookie di terze parti per i quali è possibile negare il consenso, a garanzia della Sua privacy.

3. Cookie funzionali e di profilazione di terze parti
In questa categoria ricadono sia cookie erogati da soggetti partner di Modenannoi.it e ad essa noti, sia cookie erogati da soggetti terzi non direttamente controllati o controllabili da Modenanoi.it.
I cookie provenienti dai nostri partner consentono di offrire funzionalità avanzate, nonchè maggiori informazioni e funzioni personali. Ciò include la possibilità di condividere contenuti attraverso i social network e di accedere ai servizi di videostreaming. Tali servizi sono principalmente forniti da operatori esterni ingaggiati o consapevolmente integrati da Modenanoi.it. Se si dispone di un account o se si utilizzano i servizi di tali soggetti su altri siti Web, questi potrebbero essere in grado di sapere che l'utente ha visitato i nostri siti. L'utilizzo dei dati raccolti da questi operatori esterni tramite cookie è sottoposto alle rispettive politiche sulla privacy e pertanto si identificano tali cookie con i nomi dei rispettivi soggetti. Tra questi si annoverano i cookie registrati dai principali social network che Le consentono di condividere gli articoli dei nostri siti e di manifestare pubblicamente il gradimento per il nostro lavoro.
I cookie non provenienti da partner di Modenanoi.it, sono cookie veicolati senza il controllo di Modenanoi.it, da soggetti terzi che hanno modo di intercettare l'utente durante la sua navigazione anche al di fuori del sito Modenanoi.it. Questi cookie, tipicamente di profilazione, non sono direttamente controllabili da Modenanoi.it che non può quindi garantire in merito all'uso che i terzi titolari fanno delle informazioni raccolte.

GESTIONE DEI COOKIE

Nel caso in cui Lei abbia dubbi o preoccupazioni in merito all'utilizzo dei cookie Le è sempre possibile intervenire per impedirne l'impostazione e la lettura, ad esempio modificando le impostazioni sulla privacy all'interno del Suo browser al fine di bloccarne determinati tipi.

Poichè ciascun browser - e spesso diverse versioni dello stesso browser - differiscono anche sensibilmente le une dalle altre se preferisce agire autonomamente mediante le preferenze del Suo browser può trovare informazioni dettagliate sulla procedura necessaria nella guida del Suo browser. Per una panoramica delle modalità di azione per i browser più comuni, può visitare l'indirizzo www.cookiepedia.co.uk

Le società pubblicitarie consentono inoltre di rinunciare alla ricezione di annunci mirati, se lo si desidera. Ciò non impedisce l'impostazione dei cookie, ma interrompe l'utilizzo e la raccolta di alcuni dati da parte di tali società.

Per maggiori informazioni e possibilità di rinuncia, visitare l'indirizzo www.youronlinechoices.eu

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy di Modenanoi.it e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti nè utilizzati da Modenanoi.it fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità di cui ai siti citati nel paragrafo "Gestione dei cookie".