Cronaca » Dalla città

Martedì 26 Marzo 2013 - ore 16:56

Dal Consiglio Comunale / Unanime appello per il contrasto alle infiltrazione mafiose

Il dibattito in Aula durante la seduta tematica sulla criminalità organizzata. Nella seduta di ieri 25 marzo approvati dal Consiglio altri quattro ordini del giorno

Unanime l’appello del Consiglio comunale per il contrasto alle infiltrazioni mafiose sul territorio espresso in Aula durante la seduta tematica sulla mafia di lunedì 25 marzo. Così come unanime è stato il voto all’ordine del giorno bipartisan sulla costituzione di parte civile del Comune di Modena nei processi penali per reati commessi nel territorio comunale da associazioni di stampo mafioso.

IL DIBATTITO IN AULA

Ad aprire il dibattito è stato il capogruppo di Sel Federico Ricci, che ha evidenziato la necessità di “mantenere alta nel tempo l’attenzione sul contrasto alle mafie. E’ necessario fare un salto di qualità e rendere permanenti le iniziative di contrasto politico, giudiziario culturale – ha aggiunto – con il coinvolgimento di tutta la cittadinanza nel presidio civile e democratico del territorio”.

Per il Pd, il capogruppo Paolo Trande del Pd ha sottolineato “il grande problema di legalità del Paese, che si traduce in un deficit di libertà, uguaglianza e di opportunità, cioè deficit di democrazia. Dobbiamo combattere le mafie attraverso lo strumento più efficace, che è la nostra Costituzione fondata sul concetto inseparabile di legalità e democrazia”. Luigi Alberto Pini ha precisato che “la mafia è un sistema di controllo del territorio basata su regole non scritte e non condivise, e se non c’è legalità non ci può essere una vittoria anche solo parziale contro di essa. Il Comune di Modena, costituendosi parte civile, può fare applicare la legge indipendentemente dalla paura personale e attraverso la tracciabilità dei soldi si può contrastare il fenomeno”. Elisa Sala ha lanciato un appello: “Ci svegliamo? Sono 25 anni che c’è la mafia anche sul nostro territorio e noi ce ne stiamo accorgendo solo ora. Credo che debbano essere dati ai cittadini gli strumenti più semplici per capire dove c’è la legalità e dove non c’è – ha detto ancora – bisogna essere consapevoli. La rete delle associazioni aiuta ad aumentare la consapevolezza del rischio ed è da qui che parte la prevenzione”.

Il capogruppo del Pdl Adolfo Morandi ha evidenziato come l’Amministrazione possa e debba tenere alta la guardia: “Il primo fenomeno è tenere sotto controllo gli appalti, che non vanno assegnati al massimo ribasso” ha detto. “La Polizia municipale tenga controllati i cantieri. Il contrasto alle mafie avviene inoltre anche a scuola attraverso la formazione alla legalità”.

Michele Barcaiuolo di Fratelli d’Italia ha aggiunto che oltre a evitare il massimo ribasso “è altrettanto importante che i parametri dei punteggi di valutazione delle varie offerte vengano definiti nella massima trasparenza e che le commissioni siano di altissimo profilo e non espressione della politica. Bisogna inoltre andare verso l’incandidabilità di condannati anche di primo grado”.

Sergio Celloni ha parlato di “mappatura della moneta, cioè tracciabilità di tutto il denaro”. Il consigliere di Mpa ha espresso la necessità di strumenti reali: “Le teste, le capacità e le soluzioni ci sono – ha affermato – bisogna capire se c’è la volontà intrinseca da parte delle istituzioni, della politica e del sistema economico e sociale di individuare gli strumenti e arrivare a un cambiamento”.

Sandra Poppi di Modena5stelle-beppegrillo.it ha evidenziato tre aspetti pericolosi: l’affidamento degli appalti con metodo al massimo ribasso, “a cui preferire l’offerta economicamente più vantaggiosa”, l’abusivismo edilizio e la problematica dei rifiuti, “per la quale bisogna puntare su politiche virtuose che incentivino la minor produzione, la raccolta differenziata, il domiciliare e il riciclo”.

Nel dibattito sono intervenuti anche l’assessore all’Ambiente e Affari generali Simona Arletti e il neoassessore allo Sviluppo economico, lavoro e centro storico Stefano Prampolini. Arletti ha posto l’attenzione sulla crescita dei reati ambientali e sul fenomeno delle ecomafie precisando l’impegno come Amministrazione: “Il Comune può rafforzare i controlli ambientali per perseguire illeciti amministrativi e penali, promuovere la cultura del rispetto dell’ambiente e della legalità, porre questi temi all’attenzione dei tavoli istituzionali e pianificare e regolamentare le attività”. Prampolini ha evidenziato anche l’aumento “allarmante del fenomeno della ludopatia: a Modena si stimano dai 2000 ai 3000 i giocatori d’azzardo compulsivi su 70 mila persone che potenzialmente utilizzano slot machine, mentre quelli seguiti dal Sert in città nel 2012 sono stati 22. Dobbiamo impegnarci sempre più per contrastare un fenomeno che non può non attrarre la criminalità organizzata”.

GLI ORDINI DEL GIORNO APPROVATI

PREVENZIONE DEL CRIMINE E TRASPARENZA NEGLI APPALTI

Dal monitoraggio del crimine alle iniziative per rafforzare la trasparenza delle procedure di appalto, dal sostegno alla legge regionale contro le infiltrazioni mafiose alle iniziative sulla legalità. Oltre a quello unanime sulla possibilità che il Comune si costituisca parte civile nei processi di mafia, il Consiglio comunale di Modena nella seduta di lunedì 25 marzo, dedicata al ruolo dell’ente locale nelle politiche di prevenzione e contrasto alle mafie, ha approvato altri quattro ordini del giorno.

È passata all’unanimità la mozione illustrata in corso di seduta da Enrico Artioli del Pd; firmatari anche il capogruppo Paolo Trande, Eugenia Rossi di Etica e Legalità, Federico Ricci di Sel, Sergio Celloni di Mpa, Davide Torrini di Udc, Adolfo Morandi di Pdl e Michele Barcaiuolo di Fratelli d’Italia. L’ordine del giorno impegna la Giunta ad adottare un sistema informativo di analisi sistemica dei dati per il monitoraggio e la prevenzione del crimine; a ricercare la collaborazione delle istituzioni competenti per condividere i dati; a definire procedure chiare e precise, a predisporre infrastrutture hardware e software per supportare l’attività e a formare il personale. Si prevede inoltre di formare un Gruppo di lavoro trasversale ai settori dell’Amministrazione, di collaborare con l’Osservatorio provinciale degli Appalti per individuare situazioni di rischio e di informare periodicamente il Consiglio in materia.

Approvato, inoltre, l’ordine del giorno presentato in corso di seduta da Fabio Rossi del Pd e firmato anche dai capigruppo di Pd, Sel, Modena5stelle-beppegrillo.it, Modena Futura, Mpa e Fratelli d’Italia (voto contrario del Pdl), con cui il Consiglio chiede di mettere in campo ulteriori strumenti amministrativi per rafforzare la trasparenza delle procedure di appalto attraverso la verifica accurata dei collegamenti diretti e indiretti tra aziende partecipanti alle gare e controlli sulle subappaltatrici. La mozione impegna anche a “utilizzare le prerogative assegnate a sindaci e Comuni per iniziative di contrasto a ogni forma di abusivismo (commerciale, edilizio), spaccio di droga, sfruttamento della prostituzione, gioco d’azzardo e altre attività criminali utili a rimpinguare le casse della malavita; ad attivare percorsi di sensibilizzazione nelle scuole e una campagna d’informazione contro il racket e l’usura e gli strumenti legislativi per chi denuncia estorsori e usurai. Viene anche richiesta la costituzione di un Centro di documentazione sulla legalità che unisca istituzioni, forze economiche e sindacali, ordini e collegi professionali, volontariato e istituzioni culturali e che l’Amministrazione si adoperi per inserire nell'Osservatorio degli appalti pubblici la totalità degli enti totalmente o parzialmente pubblici. Il documento invita, infine, i partiti politici ad adeguarsi al Codice etico licenziato dalla Commissione antimafia, non candidando persone condannate per reati gravi, le organizzazioni economiche a mutuare la decisione di Confindustria nazionale che prevede l’espulsione per chi acconsente a richieste estorsive della mafia; tutti gli ordini professionali ad adoperarsi perché le organizzazioni federali nazionali adottino il Codice etico del Comitato unitario professioni (Cup) di Modena.

Approvando l’odg presentato da Sandra Poppi di Modena5stelle-beppegrillo.it, con i voti favorevoli anche di Pd, Sel, Modena Futura, Mpa e Fratelli d’Italia (Pdl astenuto), il Consiglio impegna sindaco e Giunta in “Iniziative per contrastare l'inserimento della criminalità organizzata nel tessuto produttivo locale e inserire il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa come criterio prevalente”. Tra le azioni indicate nel dispositivo, “sostenere l'attività dell'Osservatorio provinciale degli Appalti pubblici e della Camera di Commercio di Modena nell’attuazione del protocollo contro la criminalità; predisporre attività di conoscenza dell'utilità della comunicazione al sistema telematico regionale di tutti gli appalti superiori a 10mila euro; collaborare con gli Ordini professionali; aumentare la professionalità con corsi della Polizia municipale; verificare i passaggi di proprietà di attività commerciali; dotare la Municipale di mezzi e personale per incrementare i controlli su cantieri e attività commerciali”.

È passato con i voti favorevoli di Pdl, Fratelli d’Italia e Modena Futura (contrari Sel e presidente Liotti; astenuti Modena5stelle-beppegrillo.it, Campioli, Cotrino, Goldoni e Maienza del Pd; non voto degli altri consiglieri Pd) l’ordine del giorno presentato da Pdl, Udc, Mpa (inizialmente anche da Pd e Sel che hanno poi ritirato le firme presentando due nuovi odg) e illustrato da Adolfo Morandi del Pdl, che recepisce le previsioni contenute nella legge regionale 13 del 2011 contro le infiltrazioni mafiose e impegna la Giunta comunale a fare proprie le indicazioni e le opportunità introdotte.

È invece stato respinto l’odg presentato dal capogruppo di Sel Federico Ricci per “Togliere risorse alle mafie, depenalizzare l’uso e il possesso dei derivati della cannabis” (favorevoli pure Modena Futura, Modena5stelle-beppegrillo.it, Codeluppi, Cornia, Pini e Rocco del Pd; contrari Pdl, Fratelli d’Italia, sindaco Pighi, Artioli, Campioli, Cotrino, Garagnani, Glorioso del Pd; astenuti presidente Liotti e Goldoni, Guerzoni, Maienza, Sala, Urbelli del Pd; non voto di Rossi del Pd).

Respinto, infine (contrari Pd, Sel, Modena5stelle-beppegrillo.it, Modena Futura; Pdl astenuto; non voto di Artioli del Pd) l’odg presentato durante la seduta da Sergio Celloni di Mpa per “Intraprendere un percorso tra Comune e associazioni di categoria al fine di debellare estorsione, usura, corruzione negli appalti, speculazioni illegali dei prodotti di beni di consumo, affari e traffici illeciti, truffe finanziarie nei confronti delle imprese”.

lascia il tuo commento ...
Guarda ModenaNOI TV con i Player esterni per smartphone e tablet
*****************************************************
State ascoltando:

Loading ...

total quality srl - organizzazione direzionale e sistemi integrati qualità/ambiente/sicurezza
rassegna stampa
ritrovaci su facebook

Informativa sulla privacy - modenanoi.it

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito www.modenanoi.it in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un'informativa che è resa anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi del sito web www.modenanoi.it per la protezione dei dati personali, accessibili per via telematica a partire dall'indirizzo: www.modenanoi.it.
L'informativa è resa solo per il sito web www.modenanoi.it e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall'utente tramite link.
L'informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall'art. 29 della direttiva n. 95/46/CE , hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento.
L'accesso al sito www.modenanoi.it presuppone il consenso alla raccolta e al trattamento dei dati personali, secondo le modalità descritte nella presente informativa sulla privacy.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Il "titolare" del loro trattamento è il legale rappresentante responsabile per la protezione dei dati personali: Rughetti Andrea - Castelfranco Emilia (MO) - Italia.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede e sono curati solo da personale tecnico oppure da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso. I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo (bollettini, cd-rom, newsletter, relazioni annuali, risposte a quesiti, atti e provvedimenti, ecc.) sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e sono comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia a tal fine necessario.

TIPI DI DATI TRATTATI

Dati di navigazione. I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l'elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni.

Informativa sui cookie (Cookie Policy)

Al fine di rendere più comoda possibile la Sua visita al nostro sito web, per la presentazione del nostro assortimento di prodotti utilizziamo dei cookies. Si tratta di piccoli aggregati di testo registrati localmente nella memoria temporanea del Suo browser, e quindi nel Suo computer, per periodi di tempo variabili in funzione dell'esigenza e generalmente compresi tra poche ore e alcuni anni, con l'eccezione dei cookie di profilazione la cui durata massima è di 365 giorni solari.
Mediante i cookie è possibile registrare in modo semi-permanente informazioni relative alle Sue preferenze e altri dati tecnici che permettono una navigazione più agevole e una maggiore facilità d'uso e efficacia del sito stesso. Ad esempio, i cookies possono essere usati per determinare se è già stata effettuata una connessione fra il Suo computer e i nostri siti per evidenziare le novità o mantenere le informazioni di "login". A Sua garanzia, viene identificato solo il cookie memorizzato sul suo computer.

TIPOLOGIE DI COOKIE

Questo sito fa uso di tre diverse tipologie di cookie:

1. Cookie tecnici essenziali
Questi cookie sono necessari al corretto funzionamento del sito. Consentono la navigazione delle pagine, la condivisione dei nostri contenuti, la memorizzazione delle Sue credenziali di accesso per rendere più rapido l'ingresso nel sito e per mantenere attive le Sue preferenze e credenziali durante la navigazione. Senza questi cookie non potremmo fornire i servizi per i quali gli utenti accedono al sito.

2. Cookie statistici e prestazionali
Questi cookie ci permettono di sapere in che modo i visitatori utilizzano il sito, per poterne così valutare e migliorare il funzionamento e privilegiare la produzione di contenuti che meglio incontrano i bisogni informativi dei nostri utenti. Ad esempio, consentono di sapere quali sono le pagine più e meno frequentate. Tengono conto, tra le altre cose, del numero di visitatori, del tempo trascorso sul sito dalla media degli utenti e delle modalità di arrivo di questi. In questo modo, possiamo sapere che cosa funziona bene e che cosa migliorare, oltre ad assicurarci che le pagine si carichino velocemente e siano visualizzate correttamente. Tutte le informazioni raccolte da questi cookie sono anonime e non collegate ai dati personali dell'utente. Per eseguire queste funzioni nei nostri siti utilizziamo i servizi di terze parti che anonimizzano i dati rendendoli non riconducibili a singoli individui (cosiddetto "single-in"). Laddove siano presenti servizi non completamente anonimizzati, Lei li troverà elencati tra i cookie di terze parti per i quali è possibile negare il consenso, a garanzia della Sua privacy.

3. Cookie funzionali e di profilazione di terze parti
In questa categoria ricadono sia cookie erogati da soggetti partner di Modenannoi.it e ad essa noti, sia cookie erogati da soggetti terzi non direttamente controllati o controllabili da Modenanoi.it.
I cookie provenienti dai nostri partner consentono di offrire funzionalità avanzate, nonchè maggiori informazioni e funzioni personali. Ciò include la possibilità di condividere contenuti attraverso i social network e di accedere ai servizi di videostreaming. Tali servizi sono principalmente forniti da operatori esterni ingaggiati o consapevolmente integrati da Modenanoi.it. Se si dispone di un account o se si utilizzano i servizi di tali soggetti su altri siti Web, questi potrebbero essere in grado di sapere che l'utente ha visitato i nostri siti. L'utilizzo dei dati raccolti da questi operatori esterni tramite cookie è sottoposto alle rispettive politiche sulla privacy e pertanto si identificano tali cookie con i nomi dei rispettivi soggetti. Tra questi si annoverano i cookie registrati dai principali social network che Le consentono di condividere gli articoli dei nostri siti e di manifestare pubblicamente il gradimento per il nostro lavoro.
I cookie non provenienti da partner di Modenanoi.it, sono cookie veicolati senza il controllo di Modenanoi.it, da soggetti terzi che hanno modo di intercettare l'utente durante la sua navigazione anche al di fuori del sito Modenanoi.it. Questi cookie, tipicamente di profilazione, non sono direttamente controllabili da Modenanoi.it che non può quindi garantire in merito all'uso che i terzi titolari fanno delle informazioni raccolte.

GESTIONE DEI COOKIE

Nel caso in cui Lei abbia dubbi o preoccupazioni in merito all'utilizzo dei cookie Le è sempre possibile intervenire per impedirne l'impostazione e la lettura, ad esempio modificando le impostazioni sulla privacy all'interno del Suo browser al fine di bloccarne determinati tipi.

Poichè ciascun browser - e spesso diverse versioni dello stesso browser - differiscono anche sensibilmente le une dalle altre se preferisce agire autonomamente mediante le preferenze del Suo browser può trovare informazioni dettagliate sulla procedura necessaria nella guida del Suo browser. Per una panoramica delle modalità di azione per i browser più comuni, può visitare l'indirizzo www.cookiepedia.co.uk

Le società pubblicitarie consentono inoltre di rinunciare alla ricezione di annunci mirati, se lo si desidera. Ciò non impedisce l'impostazione dei cookie, ma interrompe l'utilizzo e la raccolta di alcuni dati da parte di tali società.

Per maggiori informazioni e possibilità di rinuncia, visitare l'indirizzo www.youronlinechoices.eu

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy di Modenanoi.it e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti nè utilizzati da Modenanoi.it fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità di cui ai siti citati nel paragrafo "Gestione dei cookie".