Cronaca » Politica

Venerdì 28 Luglio 2017 - ore 18:54

Dal Consiglio Comunale / Scuola di Polizia, ridotto il canone del 50 per cento

assessore al Bilancio Ludovica Carla Ferrari

Il Consiglio ha approvato la delibera relativa al diritto di superficie dell'immobile di via Busani 14

Il Consiglio comunale di Modena ha deliberato la riduzione del 50 per cento del canone del diritto di superficie per l'immobile in via Busani 14 in cui ha sede la Scuola di Polizia locale.

Nella seduta di giovedì 20 luglio ha infatti approvato la relativa delibera con il voto a favore di Pd, Art.1 – Mdp e Per me Modena, e l'astensione di M5s, FI e Idea Popolo e libertà.

La Fondazione scuola interregionale di Polizia locale – ha spiegato l'assessore al Patrimonio Gabriele Giacobazzi – nata come scuola della Regione Emilia Romagna, cui hanno poi aderito anche Toscana e Liguria, è una scuola importante che non solo fornisce servizi di formazione alle Polizie locali dei territori delle tre Regioni ma lavora anche con altre regioni. L'Amministrazione gli ha concesso il diritto di superficie per una durata di 40 anni nel dicembre 2008: da allora a oggi – ha aggiunto – ha erogato 52 mila ore di formazione coinvolgendo 43 mila operatori delle Polizie locali. Oltre al prestigio della scuola che ha sede in città, quindi, va considerata anche la significativa presenza costante di operatori di Polizia locale che soggiornano a Modena per frequentare la scuola”. L'assessore ha precisato che la direzione della scuola ha espresso la difficoltà a sostenere il canone del diritto di superficie, in particolare a causa del calo dei contributi da parte delle Regioni socie, e ha chiesto venga applicato l'articolo del nuovo Regolamento sui diritti di superficie che prevede la riduzione del canone del 50 per cento nel caso in cui il superficiario svolga una attività di particolare interesse pubblico. “Con tale riduzione il canone per l'immobile di via Busani, su cui l'Amministrazione non ha altri programmi di utilizzo – ha precisato Giacobazzi – passa da 14.495 a 7.247 euro l'anno”.

Sul tema è intervenuto Marco Bortolotti del M5s che ha chiesto “perché le Regioni non riescono a fornire un finanziamento più alto a una scuola di ottimo livello come questa; il costo del canone del diritto di superficie è quasi irrisorio. Non è possibile che passi il concetto che i Comuni debbano sopperire a questioni di livelli diversi. Abbiamo altre realtà di importanza regionale, ad esempio Memo, e le dobbiamo sempre sostenere noi. È giusto? L'Amministrazione è sempre impegnata a sopperire ai buchi; ci asterremo perché riteniamo che le cose debbano essere gestite in modo corretto”.

Francesco Rocco per Art.1 – Mdp ha definito “pertinente” l'osservazione del M5s. “Non c’è bisogno di astenersi – ha proseguito – perché applichiamo il Regolamento e pensiamo di fare una cosa fatta bene, al massimo si possono fare queste osservazioni nel dibattito affinché arrivino alla Regione. Chiediamo agli amministratori comunali che sollecitino chi di competenza, ad altri livelli, a fare la propria parte. L'obiettivo della scuola – ha aggiunto – è alto quindi se possiamo fare lo sforzo facciamolo. Siamo orgogliosi di avere in città la scuola di Polizia e di dimostrare che quando ha bisogno gli diamo una mano”.

Marco Forghieri del Pd ha evidenziato che “tutti siamo consapevoli dell’opera benemerita che la scuola di Polizia svolge e ci troviamo in un momento particolare in cui ha anche maggior valore: avremmo bisogno di avere un numero maggiore di poliziotti, almeno riusciamo a mantenere standard qualitativi alti”. Anche il consigliere ha concordato con la considerazione del M5s: “Certamente – ha detto – non può essere un problema di liquidità della Regione che ha infinite risorse più dei Comuni. Credo che questo possa piuttosto coincidere con le diverse modalità di programmazione e approvazione dei bilanci: probabilmente ci sono sfasature temporali che portano a operare così”.


SCUOLA, CON IL PIANO PER L'INTEGRAZIONE SEGUITI 749 ALUNNI DISABILI

Dalla scuola d'infanzia alle superiori, con un investimento annuale di oltre 5 milioni di euro. Sì unanime del Consiglio alla proroga fino al 2019, in attesa dei regolamenti nazionali

Far sì che la scuola sia accessibile e inclusiva anche per i ragazzi che hanno maggiori difficoltà, unendo e coordinando il lavoro di Comune, enti locali, istituti scolastici, Ausl e famiglie. È l'obiettivo dell'Accordo territoriale per l'integrazione degli alunni disabili nelle scuole di ogni ordine e grado operativo dal 2011 e in scadenza a fine 2017 che, con il voto unanime del Consiglio comunale (nella seduta di giovedì 20 luglio), è stato prorogato fino al 2019, in attesa della pubblicazione dei nuovi regolamenti previsti dalla legge 107 sulla “Buona scuola”. Approvazione unanime anche per l'ordine del giorno, presentato da Grazia Baracchi per il Pd, che invita a lavorare affinché nella revisione degli accordi possano confluire le esperienze e i progetti sperimentati in questi anni in un'ottica di scuola che risponde a tutte le difficoltà e prova a prevenirle.

L'Accordo, come ha spiegato l'assessore alla Scuola Gianpietro Cavazza nel presentare la delibera, “si fonda sul principio della collaborazione fortissima tra tutti coloro che intervengono nei processi di inclusione scolastica degli alunni con disabilità. Il Piano per l'integrazione ha dimostrato la sua validità, per questo deve rimanere un punto di riferimento fondamentale anche per il futuro. Ma in questa materia – ha proseguito – siamo animati da un principio di non appagamento: facciamo molte cose, coerenti con la normativa e appropriate ai problemi ma dobbiamo essere animati dalla necessità di fare sempre di più e meglio”.

Gli alunni con disabilità che hanno usufruito delle misure previste dal Piano per l'integrazione, che prevede un investimento di circa 5 milioni di euro all'anno, sono progressivamente aumentati nel corso degli anni per ogni livello scolastico: nella scuola dell'infanzia erano 47 nel 2011/2012 e 95 nell'anno scolastico appena concluso. Nella primaria si è passati da 138 a 254 e nella scuola media da 102 a 150; nella scuola superiore infine si è passati da 128 a 255 alunni seguiti. In totale nell'anno scolastico 2016/2017, nelle scuole di ogni ordine e grado, gli allievi coinvolti sono stati 749.

L'Accordo territoriale è sottoscritto da Provincia di Modena, Azienda Usl, sindaci e presidenti delle Unioni dei Comuni modenesi, Ufficio scolastico provinciale, dirigenti scolastici referenti di ambito territoriale, definisce modalità, strumenti, risorse e strategie locali per l'integrazione degli alunni con disabilità e fornisce le indicazioni, tra le altre, per il piano educativo individualizzato, coinvolgendo le scuole, le famiglie, i Comuni e l'Ausl con compiti diversi ma integrati tra loro; per i docenti coinvolti nell'integrazione, il personale di sostegno e quello educativo, i collaboratori scolastici per l'assistenza di base e i tutor (nelle scuole superiori).

Con l'emanazione, in applicazione della legge sulla Buona scuola, del decreto legislativo 66/2017, che contiene le norme per la promozione dell'inclusione scolastica degli studenti con disabilità, viene definito un nuovo assetto dell'inclusione scolastica in questo ambito. In particolare gli accordi, oggi provinciali, diventeranno regionali, verranno modificati i gruppi di lavoro per l'inclusione scolastica e cambieranno anche le procedure per la certificazione e la documentazione, quelle relative alla redazione del progetto individuale e del piano educativo individualizzato, oltre alle modalità per la richiesta e assegnazione delle risorse per il sostegno e il personale educativo assistenziale.

Intervenendo nel dibattito, Elisabetta Scardozzi (M5s), dopo aver sottolineato che “le scuole hanno necessità di questo accordo”, ha invitato l'Amministrazione a “verificare costantemente che le risorse siano investite nel modo più efficace e proficuo per la scuola”. Marco Cugusi, Art.1-Mdp, ha fatto notare che “purtroppo spesso quanto accade nella realtà è molto diverso dai principi di integrazione previsti dalla legge, che sono un elemento di civiltà. Nelle scuole elementari – ha detto – l'integrazione è reale ma man mano che si va verso le superiori i disabili sono sempre più spesso vissuti come un disturbo e relegati in un angolo. È una realtà di cui le amministrazioni devono tener conto”. Per Domenico Campana, Per me Modena, l'Italia “è su una strada avanzata anche rispetto all’Europa e le statistiche dicono che i ragazzi inseriti insieme ai compagni affrontano meglio le loro difficoltà rispetto a quelli che vengono seguiti in modo differenziale, con attenzione al loro handicap e non alla loro persona”. Anche Grazia Baracchi (Pd) ha messo in evidenza che “la forza dell’accordo è che parla di progetto di vita, di un cammino che va oltre la scuola. Spesso quando si parla di integrazione si pensa allo stare in aula ma l'integrazione è qualcosa di più alto: è un'interazione forte e continua con enti locali, educatori e pedagogisti per creare percorsi di inclusione partendo dai bisogni della persona e non dal loro deficit”.

lascia il tuo commento ...
Loading ...
total quality srl - organizzazione direzionale e sistemi integrati qualità/ambiente/sicurezza
rassegna stampa
ritrovaci su facebook

Informativa sulla privacy - modenanoi.it

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito www.modenanoi.it in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un'informativa che è resa anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi del sito web www.modenanoi.it per la protezione dei dati personali, accessibili per via telematica a partire dall'indirizzo: www.modenanoi.it.
L'informativa è resa solo per il sito web www.modenanoi.it e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall'utente tramite link.
L'informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall'art. 29 della direttiva n. 95/46/CE , hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento.
L'accesso al sito www.modenanoi.it presuppone il consenso alla raccolta e al trattamento dei dati personali, secondo le modalità descritte nella presente informativa sulla privacy.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Il "titolare" del loro trattamento è il legale rappresentante responsabile per la protezione dei dati personali: Rughetti Andrea - Castelfranco Emilia (MO) - Italia.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede e sono curati solo da personale tecnico oppure da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso. I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo (bollettini, cd-rom, newsletter, relazioni annuali, risposte a quesiti, atti e provvedimenti, ecc.) sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e sono comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia a tal fine necessario.

TIPI DI DATI TRATTATI

Dati di navigazione. I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l'elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni.

Informativa sui cookie (Cookie Policy)

Al fine di rendere più comoda possibile la Sua visita al nostro sito web, per la presentazione del nostro assortimento di prodotti utilizziamo dei cookies. Si tratta di piccoli aggregati di testo registrati localmente nella memoria temporanea del Suo browser, e quindi nel Suo computer, per periodi di tempo variabili in funzione dell'esigenza e generalmente compresi tra poche ore e alcuni anni, con l'eccezione dei cookie di profilazione la cui durata massima è di 365 giorni solari.
Mediante i cookie è possibile registrare in modo semi-permanente informazioni relative alle Sue preferenze e altri dati tecnici che permettono una navigazione più agevole e una maggiore facilità d'uso e efficacia del sito stesso. Ad esempio, i cookies possono essere usati per determinare se è già stata effettuata una connessione fra il Suo computer e i nostri siti per evidenziare le novità o mantenere le informazioni di "login". A Sua garanzia, viene identificato solo il cookie memorizzato sul suo computer.

TIPOLOGIE DI COOKIE

Questo sito fa uso di tre diverse tipologie di cookie:

1. Cookie tecnici essenziali
Questi cookie sono necessari al corretto funzionamento del sito. Consentono la navigazione delle pagine, la condivisione dei nostri contenuti, la memorizzazione delle Sue credenziali di accesso per rendere più rapido l'ingresso nel sito e per mantenere attive le Sue preferenze e credenziali durante la navigazione. Senza questi cookie non potremmo fornire i servizi per i quali gli utenti accedono al sito.

2. Cookie statistici e prestazionali
Questi cookie ci permettono di sapere in che modo i visitatori utilizzano il sito, per poterne così valutare e migliorare il funzionamento e privilegiare la produzione di contenuti che meglio incontrano i bisogni informativi dei nostri utenti. Ad esempio, consentono di sapere quali sono le pagine più e meno frequentate. Tengono conto, tra le altre cose, del numero di visitatori, del tempo trascorso sul sito dalla media degli utenti e delle modalità di arrivo di questi. In questo modo, possiamo sapere che cosa funziona bene e che cosa migliorare, oltre ad assicurarci che le pagine si carichino velocemente e siano visualizzate correttamente. Tutte le informazioni raccolte da questi cookie sono anonime e non collegate ai dati personali dell'utente. Per eseguire queste funzioni nei nostri siti utilizziamo i servizi di terze parti che anonimizzano i dati rendendoli non riconducibili a singoli individui (cosiddetto "single-in"). Laddove siano presenti servizi non completamente anonimizzati, Lei li troverà elencati tra i cookie di terze parti per i quali è possibile negare il consenso, a garanzia della Sua privacy.

3. Cookie funzionali e di profilazione di terze parti
In questa categoria ricadono sia cookie erogati da soggetti partner di Modenannoi.it e ad essa noti, sia cookie erogati da soggetti terzi non direttamente controllati o controllabili da Modenanoi.it.
I cookie provenienti dai nostri partner consentono di offrire funzionalità avanzate, nonchè maggiori informazioni e funzioni personali. Ciò include la possibilità di condividere contenuti attraverso i social network e di accedere ai servizi di videostreaming. Tali servizi sono principalmente forniti da operatori esterni ingaggiati o consapevolmente integrati da Modenanoi.it. Se si dispone di un account o se si utilizzano i servizi di tali soggetti su altri siti Web, questi potrebbero essere in grado di sapere che l'utente ha visitato i nostri siti. L'utilizzo dei dati raccolti da questi operatori esterni tramite cookie è sottoposto alle rispettive politiche sulla privacy e pertanto si identificano tali cookie con i nomi dei rispettivi soggetti. Tra questi si annoverano i cookie registrati dai principali social network che Le consentono di condividere gli articoli dei nostri siti e di manifestare pubblicamente il gradimento per il nostro lavoro.
I cookie non provenienti da partner di Modenanoi.it, sono cookie veicolati senza il controllo di Modenanoi.it, da soggetti terzi che hanno modo di intercettare l'utente durante la sua navigazione anche al di fuori del sito Modenanoi.it. Questi cookie, tipicamente di profilazione, non sono direttamente controllabili da Modenanoi.it che non può quindi garantire in merito all'uso che i terzi titolari fanno delle informazioni raccolte.

GESTIONE DEI COOKIE

Nel caso in cui Lei abbia dubbi o preoccupazioni in merito all'utilizzo dei cookie Le è sempre possibile intervenire per impedirne l'impostazione e la lettura, ad esempio modificando le impostazioni sulla privacy all'interno del Suo browser al fine di bloccarne determinati tipi.

Poichè ciascun browser - e spesso diverse versioni dello stesso browser - differiscono anche sensibilmente le une dalle altre se preferisce agire autonomamente mediante le preferenze del Suo browser può trovare informazioni dettagliate sulla procedura necessaria nella guida del Suo browser. Per una panoramica delle modalità di azione per i browser più comuni, può visitare l'indirizzo www.cookiepedia.co.uk

Le società pubblicitarie consentono inoltre di rinunciare alla ricezione di annunci mirati, se lo si desidera. Ciò non impedisce l'impostazione dei cookie, ma interrompe l'utilizzo e la raccolta di alcuni dati da parte di tali società.

Per maggiori informazioni e possibilità di rinuncia, visitare l'indirizzo www.youronlinechoices.eu

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy di Modenanoi.it e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti nè utilizzati da Modenanoi.it fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità di cui ai siti citati nel paragrafo "Gestione dei cookie".