Cronaca » Politica

Domenica 28 Gennaio 2018 - ore 11:28

dal Consiglio Comunale / Piano aria regionale, ''Modena rispetterà gli obiettivi''

Assessore all'ambiente Giulio Guerzoni in Consiglio

L’assessore Giacobazzi ha risposto in Consiglio a un’interrogazione del consigliere Rabboni (M5s) sulla riduzione del traffico privato per migliorare la qualità dell’aria.

"Il Pair 2020, il Piano aria integrato, è una legge della Regione che pone obiettivi ambiziosi che il Comune di Modena rispetterà. La direzione di marcia che abbiamo intrapreso per la riduzione del traffico veicolare è netta e verrà delineata ancora meglio attraverso il Piano urbano della mobilità sostenibile (Pums) che è in fase di redazione e che, appunto, avrà come cornice di riferimento gli obiettivi del Pair".

Lo ha detto l’assessore alla Mobilità Gabriele Giacobazzi rispondendo in Consiglio comunale, giovedì 25 gennaio, all’interrogazione del M5s, presentata da Marco Rabboni, sul raggiungimento degli obiettivi del Pair. Nell’interrogazione il consigliere ha chiesto se l’Amministrazione intende rispettare gli obiettivi dell’estensione delle aree pedonali fino a una superficie pari al 20 per cento dell’area del centro storico, e della Ztl a tutto il centro storico. Ha chiesto inoltre quanti controlli siano stati effettuati per verificare il rispetto della manovra antismog e “come pensa l’Amministrazione di raggiungere l’obiettivo della riduzione del traffico veicolare privato nel centro abitato”.

Aprendo la sua risposta l’assessore Giacobazzi ha precisato che la legge regionale specifica che le aree pedonali dovranno coprire una superficie pari al 20 per cento dell’area del centro storico ma che potranno essere conteggiate anche quelle al di fuori dal centro storico. Un criterio analogo vale anche per gli obiettivi di estensione della Ztl che dovrà coprire un’area grande quanto il 100 per cento del centro storico “ma non necessariamente tutta in centro storico”.

Tutti gli obiettivi, ha spiegato l’assessore, “entreranno nel Pums che è in corso di redazione e sul quale, a breve, proporremo un questionario ai cittadini”. Per raggiungere l’obiettivo della chiusura al traffico veicolare di un’area pari al 20 per cento del centro storico si stanno applicando misure “che non sono di pura pedonalizzazione, come la chiusura del tratto centrale di via Emilia, ma che riducono in modo significativo il traffico privato”. L’Amministrazione, ha confermato Giacobazzi, intende mantenere l’obiettivo dell’ampliamento della Ztl, “che è però una misura che impatta su abitudini e interessi di cittadini, commercianti, attività di impresa e professionisti per la quale servirà quindi una consultazione piuttosto estesa”. La riduzione del traffico privato, ha poi aggiunto, sta già avvenendo anche con la disincentivazione del traffico “parassita” di attraversamento del centro abitato che viene indirizzato all’esterno, verso le tangenziali, da operazioni puntuali. Tra gli strumenti previsti per raggiungere l’obiettivo ci sono inoltre l’incentivazione del trasporto pubblico, “compatibilmente con le risorse”, allungando le tratte per raccogliere più utenti; la creazione di parcheggi di interscambio; azioni “variamente disincentivanti l’uso dell’auto e misure per alleggerire il numero di veicoli autorizzati ad accedere al centro storico. Ma sono azioni che non è sempre facile far condividere alla città”.

L’assessore Giacobazzi ha quindi fornito i dati dei controlli effettuati in relazione alla manovra antismog: nel corso dei primi tre mesi della manovra 2017-2018, dall’1 ottobre 2017 al 31 dicembre 2017, sono stati effettuati 256 servizi di controllo; sono stati 994 i veicoli controllati e sono state contestate 42 violazioni dell’ordinanza (contro le 17 dell’intera manovra 2016-2017) e 216 violazioni diverse.

Dopo aver chiesto la trasformazione in interpellanza, Simona Arletti, Pd, ha affermato che nonostante i numerosi sforamenti di Pm10 avvenuti nel 2017, “il dato di concentrazione media annua delle polveri sottili è rimasto al di sotto del limite di 40 microgrammi per metro cubo, limite che non viene superato dal 2012. Non significa che le cose vadano bene – ha aggiunto la consigliera – ma, anche se dobbiamo impegnarci maggiormente, stiamo andando nella direzione giusta”.  

Nella replica, il consigliere Rabboni ha sostenuto che “i problemi legati allo smog sono sotto gli occhi di tutti: siamo in una situazione di piena emergenza e secondo noi il problema non è stato affrontato in modo adeguato. Speriamo nel Pums – ha concluso – anche se un po’ di sfiducia sul livello di consapevolezza dell’Amministrazione nell’affrontare questo problema l’abbiamo”.

DESPAR IN VIA NONANTOLANA, IL DIBATTITO IN CONSIGLIO

Prima dell’approvazione della delibera sono intervenuti diversi consiglieri

L’approvazione in Consiglio comunale della delibera sul permesso di costruire convenzionato in deroga agli strumenti urbanistici comunali per la realizzazione di un Despar in via Nonantolana (a favore Pd e Art.1 – Mdp – Per me Modena, contrario M5s e astensione di FI e Idea Popolo e libertà), è stata preceduta da un ampio dibattito nella seduta di giovedì 25 gennaio.

Per il M5s, Marco Bortolotti ha espresso perplessità rispetto alla metodica della rigenerazione urbana attraverso lo Sblocca Modena: “A nostro avviso manca un quadro generale – ha detto – e si tratta di un piano che sta cominciando a far vedere i propri limiti. Oggi si lavora sempre appoggiandosi sulle iniziative dei privati, ma non si possono sfruttare solo le loro potenzialità: bisogna avere un disegno chiaro della direzione in cui va la città e il concetto di riqualificazione deve essere pilotato dall’Amministrazione. Ora è evidentemente che non è così”. Mario Bussetti ha invitato a “cercare di valutare al massimo l'interesse pubblico. Il recupero di un’area dismessa è positivo - ha proseguito - ma bisogna guardare anche tutto quello che c'è intorno. Una struttura può essere bellissima ma se scombina tutto quello che c'è intorno non rappresenta rigenerazione ma semplice recupero edilizio. Siamo preoccupati per la sorte del piccolo commercio”. Riferendosi all’ordine del giorno del Pd, il consigliere ha  inoltre commentato: “L'intervento a posteriori (‘se si riscontrerà un problema lo si risolverà’) non è buona progettazione, perché poi le cose non si possono fermare e sistemare”.

Per Art.1 -Mdp – Per me Modena, Vincenzo Walter Stella ha sottolineato che “lo Sblocca Modena si è rilevato uno strumento efficace e chi conosce bene la zona non può negare che c'è una inequivocabile riqualificazione di quell’area che, abbandonata a se stessa, dà problemi anche in termini di degrado e sicurezza”. Il consigliere ha inoltre aggiunto che “le tre Commissioni fatte sul tema hanno sollevato una questione più generale: abbiamo presentato una mozione che propone all'Amministrazione la realizzazione di un piano del commercio strutturato che tenga conto dello sviluppo futuro della rete commerciale”. Marco Chincarini ha parlato di “progetto ben fatto”, con una struttura “all’80 per cento di risparmio energetico. E sul traffico è stata fatta una valutazione che dimostra che non si creano più problemi di quelli che ci sono ora. Mi chiedo però - ha proseguito il consigliere - qual è veramente la visione della città. In quell'area ci sono o sono previsti diversi supermercati. Cosa stiamo creando in quell'asse? Vorrei iniziare a fare una pianificazione, un piano del commercio, della rete distributiva. E quando arriva una struttura vanno valutati i diversi livelli di complessità, non ci si deve concentrare soltanto sulla viabilità. Non sono contro la Despar - ha concluso - ma non parteciperò al voto”.

Simona Arletti del Pd si è detta in disaccordo con il consigliere Bortolotti: “Si chiede che d’ora in poi si faccia solo rigenerazione – ha affermato – però quando ci si riesce, nel pubblico e nel privato, si sollevano una serie di perplessità che faccio fatica a comprendere. Credo che il Comune possa essere pilota in aree come, ad esempio, quella del Progetto periferie, ma debba avere anche il ruolo di facilitatore delle imprese private che si pongono l'obiettivo della rigenerazione. Stare fermi in un mondo che si muove significa rimanere indietro e con questo intervento si creano migliori condizioni di fruibilità, una migliore ciclabilità e accessibilità, si creano posti di lavoro e si realizza un edificio di grande qualità edilizia”. Per Marco Forghieri “attraverso il diverso iter in Commissione è stato possibile integrare con un ordine del giorno gli aspetti emersi e, in particolare, migliorare la viabilità. Oggi stiamo approvando uno dei migliori interventi dal punto di vista commerciale – ha proseguito – con un recupero di permeabilità, un bilancio energetico positivo e un recupero di superficie. Rispetto alla concorrenza con altri esercizi siamo pienamente nell'ambito delle esigenze emerse con il quadro conoscitivo sulle attività commerciali e le offerte presenti credo si integreranno con quella struttura, non si andranno a escludere”. Diego Lenzini ha precisato: “La mia visione di città ha un tipo di quartiere dove è presente una struttura alimentare con intorno piccoli negozi, con servizi diversi e di qualità. Quella che viene aperta in questa zona è una struttura commerciale che non rappresenterà un centro attrattivo tale da spingere persone residenti altrove ad andare a fare la spesa lì, ma fornirà un servizio a chi vive nella zona, che andrà a fare la spesa a piedi. Per questo chiediamo di potenziare la possibilità di muoversi nell'area e di aumentare l’accessibilità alla struttura. Oggi - ha aggiunto il consigliere - lo Sblocca Modena fa partire tutto ciò che è dentro la visione del futuro Pug”. Il capogruppo Fabio Poggi ha ricordato che “è inimmaginabile fare rigenerazione senza pensare di dover affrontare problemi di mobilità e prendere a scusa la questione mobilità è una contraddizione in termini. Con questo tipo di attività  - ha proseguito - l’incremento del traffico è di una certa dimensione in determinati momenti, ma nella stessa area si poteva fare un intervento di tipo direzionale, che avrebbe portato un impatto sulla mobilità anche molto più alto nell'ora di punta, convogliando lì un centinaio di persone a lavorare. Il nostro dovere è essere in grado di individuare problemi di mobilità, ponderarli e governarli. E li monitoreremo per vedere se ci sono ulteriori cose da modificare”.

Andrea Galli, capogruppo di FI, ha annunciato l’astensione evidenziando che “non si può essere contrari alla rigenerazione urbana: oggi quello è un edificio che non attira più e rigenerarlo con una buona qualità ambientale non può non vederci d’accordo. Inoltre è importante diversificare la rete commerciale. Gli aspetti negativi però sono profondi – ha proseguito – quel punto è uno dei peggiori per una urbanizzazione di questo genere: in quel punto già oggi la congestione del traffico in alcuni orari è evidente”. Il consigliere ha infine sottolineato che “per 10 posti di lavoro che verranno creati ne perderemo altri perché qualcuno rischia di non avere la capacità di tenere in piedi l’attività”.

In chiusura di dibattito, il sindaco Gian Carlo Muzzarelli ha affermato: “C'è una parte che vuole cambiare tutto per non fare nulla, perché non va mai bene niente. Va preso atto che in quella zona c’è un piano di riorganizzazione più generale e la riqualificazione si fa con un interesse pubblico e un ruolo del privato perché si tratta di proprietà private”. Il sindaco ha poi precisato che “è proprio perché siamo dentro a una visione che stiamo facendo queste cose: è stato fatto uno studio che ci ha detto che i centri di vicinato devono essere più vicini per un aumento dell'età della popolazione. Inoltre, è stato fatto un bando sul commercio per raccogliere le manifestazioni di interesse, ma una fetta di queste non ha ottenuto il parere perché in contraddizione con il disegno che c’è”. Muzzarelli ha infine precisato che “lo Sblocca Modena è semplificazione delle procedure, non scorciatoia. Il vecchio impianto del Piano regolatore ha procedure così lunghe e complesse che per sbloccare qualcosa servono 2 anni e oggi – ha concluso – bisogna muoversi con risposte più tempestive per le esigenze delle imprese”.

lascia il tuo commento ...
Guarda ModenaNOI TV con i Player esterni per smartphone e tablet
*****************************************************
State ascoltando:

Loading ...

total quality srl - organizzazione direzionale e sistemi integrati qualità/ambiente/sicurezza
rassegna stampa
ritrovaci su facebook

Informativa sulla privacy - modenanoi.it

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito www.modenanoi.it in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un'informativa che è resa anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi del sito web www.modenanoi.it per la protezione dei dati personali, accessibili per via telematica a partire dall'indirizzo: www.modenanoi.it.
L'informativa è resa solo per il sito web www.modenanoi.it e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall'utente tramite link.
L'informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall'art. 29 della direttiva n. 95/46/CE , hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento.
L'accesso al sito www.modenanoi.it presuppone il consenso alla raccolta e al trattamento dei dati personali, secondo le modalità descritte nella presente informativa sulla privacy.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Il "titolare" del loro trattamento è il legale rappresentante responsabile per la protezione dei dati personali: Rughetti Andrea - Castelfranco Emilia (MO) - Italia.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede e sono curati solo da personale tecnico oppure da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso. I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo (bollettini, cd-rom, newsletter, relazioni annuali, risposte a quesiti, atti e provvedimenti, ecc.) sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e sono comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia a tal fine necessario.

TIPI DI DATI TRATTATI

Dati di navigazione. I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l'elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni.

Informativa sui cookie (Cookie Policy)

Al fine di rendere più comoda possibile la Sua visita al nostro sito web, per la presentazione del nostro assortimento di prodotti utilizziamo dei cookies. Si tratta di piccoli aggregati di testo registrati localmente nella memoria temporanea del Suo browser, e quindi nel Suo computer, per periodi di tempo variabili in funzione dell'esigenza e generalmente compresi tra poche ore e alcuni anni, con l'eccezione dei cookie di profilazione la cui durata massima è di 365 giorni solari.
Mediante i cookie è possibile registrare in modo semi-permanente informazioni relative alle Sue preferenze e altri dati tecnici che permettono una navigazione più agevole e una maggiore facilità d'uso e efficacia del sito stesso. Ad esempio, i cookies possono essere usati per determinare se è già stata effettuata una connessione fra il Suo computer e i nostri siti per evidenziare le novità o mantenere le informazioni di "login". A Sua garanzia, viene identificato solo il cookie memorizzato sul suo computer.

TIPOLOGIE DI COOKIE

Questo sito fa uso di tre diverse tipologie di cookie:

1. Cookie tecnici essenziali
Questi cookie sono necessari al corretto funzionamento del sito. Consentono la navigazione delle pagine, la condivisione dei nostri contenuti, la memorizzazione delle Sue credenziali di accesso per rendere più rapido l'ingresso nel sito e per mantenere attive le Sue preferenze e credenziali durante la navigazione. Senza questi cookie non potremmo fornire i servizi per i quali gli utenti accedono al sito.

2. Cookie statistici e prestazionali
Questi cookie ci permettono di sapere in che modo i visitatori utilizzano il sito, per poterne così valutare e migliorare il funzionamento e privilegiare la produzione di contenuti che meglio incontrano i bisogni informativi dei nostri utenti. Ad esempio, consentono di sapere quali sono le pagine più e meno frequentate. Tengono conto, tra le altre cose, del numero di visitatori, del tempo trascorso sul sito dalla media degli utenti e delle modalità di arrivo di questi. In questo modo, possiamo sapere che cosa funziona bene e che cosa migliorare, oltre ad assicurarci che le pagine si carichino velocemente e siano visualizzate correttamente. Tutte le informazioni raccolte da questi cookie sono anonime e non collegate ai dati personali dell'utente. Per eseguire queste funzioni nei nostri siti utilizziamo i servizi di terze parti che anonimizzano i dati rendendoli non riconducibili a singoli individui (cosiddetto "single-in"). Laddove siano presenti servizi non completamente anonimizzati, Lei li troverà elencati tra i cookie di terze parti per i quali è possibile negare il consenso, a garanzia della Sua privacy.

3. Cookie funzionali e di profilazione di terze parti
In questa categoria ricadono sia cookie erogati da soggetti partner di Modenannoi.it e ad essa noti, sia cookie erogati da soggetti terzi non direttamente controllati o controllabili da Modenanoi.it.
I cookie provenienti dai nostri partner consentono di offrire funzionalità avanzate, nonchè maggiori informazioni e funzioni personali. Ciò include la possibilità di condividere contenuti attraverso i social network e di accedere ai servizi di videostreaming. Tali servizi sono principalmente forniti da operatori esterni ingaggiati o consapevolmente integrati da Modenanoi.it. Se si dispone di un account o se si utilizzano i servizi di tali soggetti su altri siti Web, questi potrebbero essere in grado di sapere che l'utente ha visitato i nostri siti. L'utilizzo dei dati raccolti da questi operatori esterni tramite cookie è sottoposto alle rispettive politiche sulla privacy e pertanto si identificano tali cookie con i nomi dei rispettivi soggetti. Tra questi si annoverano i cookie registrati dai principali social network che Le consentono di condividere gli articoli dei nostri siti e di manifestare pubblicamente il gradimento per il nostro lavoro.
I cookie non provenienti da partner di Modenanoi.it, sono cookie veicolati senza il controllo di Modenanoi.it, da soggetti terzi che hanno modo di intercettare l'utente durante la sua navigazione anche al di fuori del sito Modenanoi.it. Questi cookie, tipicamente di profilazione, non sono direttamente controllabili da Modenanoi.it che non può quindi garantire in merito all'uso che i terzi titolari fanno delle informazioni raccolte.

GESTIONE DEI COOKIE

Nel caso in cui Lei abbia dubbi o preoccupazioni in merito all'utilizzo dei cookie Le è sempre possibile intervenire per impedirne l'impostazione e la lettura, ad esempio modificando le impostazioni sulla privacy all'interno del Suo browser al fine di bloccarne determinati tipi.

Poichè ciascun browser - e spesso diverse versioni dello stesso browser - differiscono anche sensibilmente le une dalle altre se preferisce agire autonomamente mediante le preferenze del Suo browser può trovare informazioni dettagliate sulla procedura necessaria nella guida del Suo browser. Per una panoramica delle modalità di azione per i browser più comuni, può visitare l'indirizzo www.cookiepedia.co.uk

Le società pubblicitarie consentono inoltre di rinunciare alla ricezione di annunci mirati, se lo si desidera. Ciò non impedisce l'impostazione dei cookie, ma interrompe l'utilizzo e la raccolta di alcuni dati da parte di tali società.

Per maggiori informazioni e possibilità di rinuncia, visitare l'indirizzo www.youronlinechoices.eu

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy di Modenanoi.it e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti nè utilizzati da Modenanoi.it fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità di cui ai siti citati nel paragrafo "Gestione dei cookie".