Cronaca » Politica

Mercoledì 19 Dicembre 2018 - ore 08:52

Dal Consiglio Comunale / Approvato il piano di riqualificazione area ex Amcm

Gli interventi dei gruppi consiliari prima dell’approvazione del Programma di riqualificazione urbana dell’area affidata ai privati

Il programma di riqualificazione urbana dell’area affidata ai privati nel progetto di rigenerazione del comparto ex Amcm, illustrato in aula dall’assessora all’Urbanistica Anna Maria Vandelli, è stato approvato dal Consiglio comunale di Modena, nella seduta di lunedì 17 dicembre, con il voto della maggioranza (Pd e Art.1 – Mpd – Per me Modena), l’astensione di CambiaModena e il voto contrario di Movimento 5 Stelle, Forza Italia, Energie per l’Italia, Lega Nord e Modena bene comune.

Aprendo il dibattito che ha preceduto l’approvazione Marco Chincarini, Modena bene comune, ha affermato che il progetto, con la presenza del supermercato, “sacrifica un’area che poteva avere una vocazione culturale molto più forte e dove l’interesse pubblico si concretizza in un parcheggio e nella palestra, che finanziamo per la quasi totalità del costo. Forse – ha proseguito – avremmo potuto darci più tempo. Anche perché nessuno mi ha fornito i conti precisi riguardo al progetto: ci è stato detto che le cifre presentate da chi realizza l’area sono congrue, ma non sappiamo quali sono i valori di riferimento che confermano la congruità”. Per il consigliere si sta quindi “dando via un bene di tutti senza avere dei dati che confermano che l’operazione è sostenibile e quali saranno i conti reali. Congruo per me non è sufficiente”.

Per il Pd, Diego Lenzini ha ricordato che la riqualificazione del comparto ex Amcm era attesa da anni: “Finalmente siamo riusciti a farla partire ricorrendo a uno spacchettamento che ha migliorato il progetto iniziale. Una parte storica significativa, gli edifici ex Aem ed ex Enel, è stata mantenuta a esclusivo uso pubblico e riqualificata con soli fondi pubblici. Una seconda parte sarà realizzata con la collaborazione dei privati. Abbiamo preso una decisione politica – ha sottolineato – gestendo in proprio quello che potevamo realizzare e mettendo a bando il resto con una procedura innovativa che ci permetterà di riqualificare l’area e restituirla alla città nel più breve tempo possibile”. Per Simona Arletti di tratta di un “progetto chiave, che ha avuto tempi di sedimentazione fin troppo lunghi, non insufficienti, e che restituirà bellezza a un luogo vicinissimo al centro con un progetto preciso e sostenibile economicamente”. Secondo la consigliera la qualità del progetto è confermata anche dall’aver ottenuto i fondi strutturali europei per realizzarlo. Arletti ha inoltre sottolineato che oltre a mantenere funzioni pubbliche culturali, il progetto disegna una piazza senza auto “come luogo da vivere, utilizzabile da pedoni e ciclisti, con un percorso verde e con un market di quartiere che permetterà ai residenti di fare spesa vicino a casa”. Marco Forghieri ha osservato che “certe occasioni sono irripetibili: se avessimo atteso ancora per avere un progetto qualitativamente migliore non l’avremmo sicuramente realizzato in questa consigliatura e forse non l’avremmo realizzato mai. Ma uno dei compiti dell’Amministrazione è provare a terminare entro il mandato le opere che aveva previsto, e questa era una”. “Dovremmo festeggiare la conclusione di questo progetto”, ha affermato il capogruppo Fabio Poggi sottolineando che “negli ultimi due anni di dibattito sul progetto non è stata presentata nessuna proposta alternativa, anche perché con un po’ di buon senso è evidente che alternative non ce ne sono. È importante ricordare – ha proseguito – che è sbagliato rigenerare un comparto come quello a solo con il pubblico, la rigenerazione deve essere realizzata con il giusto mix tra funzioni pubbliche diversificate e funzioni private diversificate. Quello che abbiamo raggiunto non è un compromesso al ribasso ma un risultato importante ottenuto con una lunga negoziazione che ha ripensato il progetto originale”.

Marco Cugusi ha affermato che “nell’area dell’ex Amcm il mio sogno sarebbe stato costruire una multisala per il cinema d’essai invece di un market e delle palazzine. Ma con quali soldi l’avremmo costruita? Il Comune non ha risorse e quindi abbiamo dovuto trovare una soluzione alternativa. È un compromesso, ma l’abbandono di quell’area era un pugno nell’occhio della città, mentre oggi arriviamo a una conclusione, quindi è un compromesso che mi soddisfa”. Per Paolo Trande “è il momento di riportare alla piena disponibilità della comunità modenese un’area che le è stata sottratta per quasi trent’anni e con un progetto che segna un passo avanti anche per l’offerta culturale. La soluzione individuata – ha continuato – è probabilmente l’unica possibile ed è sbagliato limitarsi a confrontare quanti soldi ci mette il pubblico e quanto il privato: quello che conta è il valore, in termini di benefici, che restituiamo alla città nel momento in cui rendiamo l’area di nuovo pienamente fruibile”. Per Vincenzo Walter Stella il progetto approvato “è il risultato di una mediazione che ha tenuto conto della necessità di riqualificare i servizi con quella di trovare le risorse per farlo. Se avessimo avuto risorse illimitate è fuor di dubbio che avremmo proposto e preteso che tutte le funzioni di quel comparto fossero pubbliche, ma non le abbiamo”.

Secondo Adolfo Morandi, FI, “la città attende questo progetto da troppo tempo. L’iter è stato lungo e alcuni aspetti positivi ci sono, ma la conclusione non ci soddisfa”. Il punto, per il consigliere, è che nell’area avrebbero dovuto trovare posto prevalentemente funzioni pubbliche, “invece c’è stato uno scambio con i privati in un’operazione che lascia intravedere una sopravvalutazione delle opere pubbliche e una sottovalutazione di quelle private. Inoltre, la costruzione del supermercato potrà dare problemi agli altri esercizi già presenti in zona e al Mercato Albinelli, spostando clienti dal centro storico a una zona più facilmente raggiungibile”.

Per il M5s sono diversi i punti critici del progetto, elencati da Mario Bussetti: “La procedura – ha detto – era pensata per raccogliere più proposte, quando si è presentato un solo soggetto e con progetti non pienamente coerenti con le richieste, il bando avrebbe dovuto essere riaperto. Inoltre, il fatto che non ci siano elementi di appoggio alla stima economica impedisce a noi consiglieri di svolgere la funzione di controllo che ci è propria”. Ancora, per il consigliere, l’intervento dei privati “mina la dichiarata vocazione pubblica del progetto: il polo culturale poteva essere completato ed era possibile delineare un percorso graduale di interventi successivi con le sole forze pubbliche. Il comparto poteva non essere bello ma sarebbe stato fruibile. Questa – ha concluso – è un’occasione persa per dimostrare che si possono realizzare interventi al di fuori del solito schema pane e mattone”.

LA RIGENERAZIONE IN AMCM PARTE DA PIAZZE E PALESTRA

Ok del Consiglio comunale all’adozione del Programma di riqualificazione urbana dell’area affidata ai privati. Investimento da 35 milioni di euro

Saranno gli interventi di interesse pubblico, dalla palestra del liceo Sigonio alle piazze pedonali di fronte al Nuovo teatro delle Passioni e al Laboratorio aperto, i primi che verranno realizzati nel Parco della creatività del comparto ex Amcm a Modena. È uno degli elementi del Programma di riqualificazione urbana (Pru) in variante al Piano operativo comunale (Poc) e al Regolamento urbanistico edilizio (Rue) che ha ottenuto il via libera del Consiglio comunale nella seduta di oggi, lunedì 17, dicembre con il voto della maggioranza (Pd e Art.1 – Mpd – Per me Modena), l’astensione di CambiaModena e il voto contrario di Movimento 5 Stelle, Forza Italia, Energie per l’Italia, Lega Nord e Modena bene comune.

La delibera di adozione del Pru è stata illustrata dall'assessore all'urbanistica Anna Maria Vandelli sottolineando come il provvedimento sia conseguente alla procedura competitiva con negoziazione che ha assegnato al raggruppamento di imprese guidato dalla Cmb la progettazione e l'esecuzione dell'intervento di riqualificazione, recupero e rigenerazione urbana del comparto compreso tra le vie Buon Pastore, Sigonio e Peretti dove il Comune ha già realizzato autonomamente, grazie anche alle risorse europee, il recupero e la riqualificazione dell'esilio ex Aem, oggi Laborario aperto, e ha avviato il cantiere per il restauro e la riqualificazione dell'ex Enel destinato a ospitare il Nuovo teatro delle Passioni e la sede di Ert.

Proprio la centralità degli aspetti culturali è stata evidenziata dall'assessore Vandelli ricordando anche l'impegno per la valorizzazione del cinema estivo, che rimane nell'attuale collocazione ma con l'ingresso spostato a sud, da una delle piazze pedonali del comparto che rappresentano uno degli elementi centrali del progetto: “Dove oggi c'è una distesa di lamiere sull'asfalto dei parcheggi - ha spiegato Vandelli - avremo aree pedonali aperte alle frequentazione delle persone, senza più barriere o recinzioni, spazi verdi, una migliore qualità del suolo e più sicurezza grazie anche a una nuova illuminazione e alla videosorveglianza”.

Se i primi cantieri in programma sono quelli delle piazze e della palestra del liceo (realizzata con la vegetazione sulle pareti esterne e aperta al pubblico negli orari non scolastici), nel comparto è prevista anche la realizzazione di alcuni spazi commerciali tra le quali una medio-piccola struttura di vendita alimentare nell'edificio ex Filovia con 900 metri quadri di superficie di vendita, e in seguito di palazzine residenziali: al massimo 18 alloggi su via Buon Pastore e 42 su via Peretti. L'investimento del soggetto attuatore è valutato in 35 milioni di euro ai quali si aggiungono opere pubbliche per oltre nove milioni.

Oltre ai parcheggi pertinenziali delle residenze (128) è prevista la realizzazione di 358 posti auto di utilizzo pubblico: 234 parcheggi pubblici, anche seminterrati, ai quali si aggiungono 76 posti auto del supermercato e 48 delle altre attività commerciali. Il progetto prevede anche la riqualificazione di via Peretti, con riorganizzazione della sosta, mentre l'organizzazione delle attività di carico e scarico e scarico delle merci sarà su via Sigonio.

Con l'adozione del Pru si apre il periodo delle osservazioni (60 giorni) al termine del quale il Consiglio comunale sarà chiamato all'approvazione definitiva affinché poi si possa procedere con il contratto, la conclusione della progettazione e l'avvio del cantiere.

URBANISTICA, ORA TAVOLO TRA COMUNI SU RIGENERAZIONE

Approvato un ordine del giorno proposto dal Pd per “uniformare e integrare le politiche urbanistiche”. Ok anche a emendamento di Art.1 – Mpd – Per me Modena

Un tavolo di confronto con tutti i Comuni della provincia, in particolare i più vicini al capoluogo, per “uniformare e integrare le politiche urbanistiche” volte alla rigenerazione, limitando quanto più possibile l’espansione. Anche allo scopo di ridurre i problemi sulla mobilità. E’ una delle richieste contenute nell’ordine del giorno proposto dal Pd a sostegno della delibera di indirizzo sull’urbanistica votata dal Consiglio comunale lunedì 17 dicembre che è stato approvato con il voto anche di Art.1 – Mpd – Per me Modena e CambiaModena (contrari M5s e Modena bene comune).

Gli altri impegni del documento sono relativi al nuovo Piano urbanistico generale (in gennaio l’avvio in commissione del lavoro sul documento di indirizzi) che dovrà prestare attenzione anche al territorio agricolo, alla forestazione delle aree urbane non più edificabili, a definire politiche per favorire la rigenerazione superando la “atomizzazione della proprietà mobiliare residenziale”. A Regione e Governo, inoltre, si chiedono linee di finanziamento per sostenere la rigenerazione.

Approvato anche l’emendamento presentato da Art.1 – Mpd – Per me Modena (a favore anche Pd, CambiaModena, Modena bene comune; astenuti M5s) che propone di considerare i progetti che hanno ottenuto il via libera nella fase transitoria in espansione già come parte (pari allo 0,1 per cento) del 3 per cento massimo dell'espansione potenziale sino al 2050 prevista dalla nuova legge regionale.

Non sono stati approvati, invece, i due emendamenti proposti insieme da Movimento 5 Stelle e Modena bene comune.

In uno si proponeva di stralciare dalle schede con le quali non si ammettono le operazioni su via Fratelli Rosselli e su via Aristotele i riferimenti alla possibilità, prevista dalle norme, di approfondire e valutare la questione in sede di nuovo strumento di pianificazione (Aristotele) o di lasciare la possibilità di ripresentare le istanze qualora ci sia la necessità di incrementi di Edilizia residenziale sociale e nuove aree possono concorrere, unitamente alle rigenerazioni, a questo obiettivo (Rosselli). Oltre ai proponenti hanno votato a favore anche i consiglieri di Art.1 – Mpd – Per me Modena; contro Pd e astenuto CambiaModena.

L’altro emendamento proponeva di stralciare dalla delibera, per affrontarli in una fase successiva nell’ambito del Piano urbanistico generale, i riferimenti agli interventi di interesse pubblico (dalla variante dell’ex Mercato Bestiame a Porta Modena nord, fino al Pip di via Santa Caterina) e alla variante urbanistica per la riorganizzazione dei servizi nella frazione di Villanova, con polo scolastico e campi dal calcio. A favore solo Movimento 5 Stelle e Modena bene comune; contro Pd, Art.1 – Mpd – Per me Modena e astenuto CambiaModena.

lascia il tuo commento ...
Guarda ModenaNOI TV con i Player esterni per smartphone e tablet
*****************************************************
State ascoltando:

Loading ...

total quality srl - organizzazione direzionale e sistemi integrati qualità/ambiente/sicurezza
rassegna stampa
ritrovaci su facebook

Informativa sulla privacy - modenanoi.it

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito www.modenanoi.it in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un'informativa che è resa anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi del sito web www.modenanoi.it per la protezione dei dati personali, accessibili per via telematica a partire dall'indirizzo: www.modenanoi.it.
L'informativa è resa solo per il sito web www.modenanoi.it e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall'utente tramite link.
L'informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall'art. 29 della direttiva n. 95/46/CE , hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento.
L'accesso al sito www.modenanoi.it presuppone il consenso alla raccolta e al trattamento dei dati personali, secondo le modalità descritte nella presente informativa sulla privacy.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Il "titolare" del loro trattamento è il legale rappresentante responsabile per la protezione dei dati personali: Rughetti Andrea - Castelfranco Emilia (MO) - Italia.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede e sono curati solo da personale tecnico oppure da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso. I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo (bollettini, cd-rom, newsletter, relazioni annuali, risposte a quesiti, atti e provvedimenti, ecc.) sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e sono comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia a tal fine necessario.

TIPI DI DATI TRATTATI

Dati di navigazione. I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l'elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni.

Informativa sui cookie (Cookie Policy)

Al fine di rendere più comoda possibile la Sua visita al nostro sito web, per la presentazione del nostro assortimento di prodotti utilizziamo dei cookies. Si tratta di piccoli aggregati di testo registrati localmente nella memoria temporanea del Suo browser, e quindi nel Suo computer, per periodi di tempo variabili in funzione dell'esigenza e generalmente compresi tra poche ore e alcuni anni, con l'eccezione dei cookie di profilazione la cui durata massima è di 365 giorni solari.
Mediante i cookie è possibile registrare in modo semi-permanente informazioni relative alle Sue preferenze e altri dati tecnici che permettono una navigazione più agevole e una maggiore facilità d'uso e efficacia del sito stesso. Ad esempio, i cookies possono essere usati per determinare se è già stata effettuata una connessione fra il Suo computer e i nostri siti per evidenziare le novità o mantenere le informazioni di "login". A Sua garanzia, viene identificato solo il cookie memorizzato sul suo computer.

TIPOLOGIE DI COOKIE

Questo sito fa uso di tre diverse tipologie di cookie:

1. Cookie tecnici essenziali
Questi cookie sono necessari al corretto funzionamento del sito. Consentono la navigazione delle pagine, la condivisione dei nostri contenuti, la memorizzazione delle Sue credenziali di accesso per rendere più rapido l'ingresso nel sito e per mantenere attive le Sue preferenze e credenziali durante la navigazione. Senza questi cookie non potremmo fornire i servizi per i quali gli utenti accedono al sito.

2. Cookie statistici e prestazionali
Questi cookie ci permettono di sapere in che modo i visitatori utilizzano il sito, per poterne così valutare e migliorare il funzionamento e privilegiare la produzione di contenuti che meglio incontrano i bisogni informativi dei nostri utenti. Ad esempio, consentono di sapere quali sono le pagine più e meno frequentate. Tengono conto, tra le altre cose, del numero di visitatori, del tempo trascorso sul sito dalla media degli utenti e delle modalità di arrivo di questi. In questo modo, possiamo sapere che cosa funziona bene e che cosa migliorare, oltre ad assicurarci che le pagine si carichino velocemente e siano visualizzate correttamente. Tutte le informazioni raccolte da questi cookie sono anonime e non collegate ai dati personali dell'utente. Per eseguire queste funzioni nei nostri siti utilizziamo i servizi di terze parti che anonimizzano i dati rendendoli non riconducibili a singoli individui (cosiddetto "single-in"). Laddove siano presenti servizi non completamente anonimizzati, Lei li troverà elencati tra i cookie di terze parti per i quali è possibile negare il consenso, a garanzia della Sua privacy.

3. Cookie funzionali e di profilazione di terze parti
In questa categoria ricadono sia cookie erogati da soggetti partner di Modenannoi.it e ad essa noti, sia cookie erogati da soggetti terzi non direttamente controllati o controllabili da Modenanoi.it.
I cookie provenienti dai nostri partner consentono di offrire funzionalità avanzate, nonchè maggiori informazioni e funzioni personali. Ciò include la possibilità di condividere contenuti attraverso i social network e di accedere ai servizi di videostreaming. Tali servizi sono principalmente forniti da operatori esterni ingaggiati o consapevolmente integrati da Modenanoi.it. Se si dispone di un account o se si utilizzano i servizi di tali soggetti su altri siti Web, questi potrebbero essere in grado di sapere che l'utente ha visitato i nostri siti. L'utilizzo dei dati raccolti da questi operatori esterni tramite cookie è sottoposto alle rispettive politiche sulla privacy e pertanto si identificano tali cookie con i nomi dei rispettivi soggetti. Tra questi si annoverano i cookie registrati dai principali social network che Le consentono di condividere gli articoli dei nostri siti e di manifestare pubblicamente il gradimento per il nostro lavoro.
I cookie non provenienti da partner di Modenanoi.it, sono cookie veicolati senza il controllo di Modenanoi.it, da soggetti terzi che hanno modo di intercettare l'utente durante la sua navigazione anche al di fuori del sito Modenanoi.it. Questi cookie, tipicamente di profilazione, non sono direttamente controllabili da Modenanoi.it che non può quindi garantire in merito all'uso che i terzi titolari fanno delle informazioni raccolte.

GESTIONE DEI COOKIE

Nel caso in cui Lei abbia dubbi o preoccupazioni in merito all'utilizzo dei cookie Le è sempre possibile intervenire per impedirne l'impostazione e la lettura, ad esempio modificando le impostazioni sulla privacy all'interno del Suo browser al fine di bloccarne determinati tipi.

Poichè ciascun browser - e spesso diverse versioni dello stesso browser - differiscono anche sensibilmente le une dalle altre se preferisce agire autonomamente mediante le preferenze del Suo browser può trovare informazioni dettagliate sulla procedura necessaria nella guida del Suo browser. Per una panoramica delle modalità di azione per i browser più comuni, può visitare l'indirizzo www.cookiepedia.co.uk

Le società pubblicitarie consentono inoltre di rinunciare alla ricezione di annunci mirati, se lo si desidera. Ciò non impedisce l'impostazione dei cookie, ma interrompe l'utilizzo e la raccolta di alcuni dati da parte di tali società.

Per maggiori informazioni e possibilità di rinuncia, visitare l'indirizzo www.youronlinechoices.eu

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy di Modenanoi.it e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti nè utilizzati da Modenanoi.it fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità di cui ai siti citati nel paragrafo "Gestione dei cookie".