Cronaca » Attualità

Martedì 06 Dicembre 2011 - ore 21:29

CONSIGLIO COMUNALE: SI’ ALLE MODIFICHE SULL’ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

e' una piccola rivoluzione per un regolamento ormai superato

[caption id="attachment_1873" align="alignleft" width="300" caption="polizia municipale controlli (foto repertorio da modenatoday)"][/caption]  Nella sede della Polizia municipale potranno essere installati armadi con cassette blindate di sicurezza per il deposito dell'arma a fine turno da parte degli assegnatari, gli agenti potranno scegliere in quale sezione del Tiro a segno nazionale effettuare l'addestramento e, per le armi, potranno essere adottati calibri diversi da quelli precedenti, ritenuti ormai obsoleti.  Sono alcune delle modifiche al Regolamento comunale in materia di armamento della Polizia municipale approvate  lunedì,  all'unanimità dal Consiglio comunale. Con la delibera, presentata in Aula dall'assessore alla Qualità e sicurezza della città del Comune di Modena Antonino Marino, vengono inoltre inseriti tra i servizi svolti in via continuativa con armi quelli diurni di pronto intervento e di polizia stradale, i servizi di vigilanza della sede e dei presidi della Polizia municipale e quelli di presidio del territorio. Il comandante di Polizia municipale, inoltre, in caso di necessità, potrà sospendere l'assegnazione dell'arma e disporne anche verbalmente la consegna, rilasciando all'agente interessato una ricevuta scritta con le motivazioni della disposizione. Infine, viene prevista l'istituzione di un'armeria, ma come facoltativa. GLI INTERVENTI DEI CONSIGLIERI. Il sì unanime del Consiglio comunale di Modena alle modifiche del Regolamento in materia di armamento della Polizia municipale nella seduta di ieri è stato accompagnato da un dibattito di oltre due ore. Per il Pd, Stefano Goldoni si è complimentato all'assessore alla Qualità e sicurezza della città, Antonino Marino, per il provvedimento e ha sottolineato l'importanza dell'utilizzo di un unico modello di arma con lo stesso calibro per tutti gli appartenenti al corpo. Stefano Prampolini ha parlato di "piccola rivoluzione" rispetto a un regolamento ormai superato. "La dotazione di armi - ha aggiunto - implica un'adeguata consapevolezza degli operatori, che sono sottoposti a un apposito corso". Pieno consenso al nuovo Regolamento è arrivato anche da William Garagnani, che ha sottolineato, ad esempio, i benefici del passaggio a un modello di pistola più moderno per la sicurezza dell'agente. Per il consigliere è inoltre fondamentale l'installazione di cassette per il deposito delle armi, "ma non deve richiedere la presenza di personale". Maurizio Dori, rispondendo a quanto detto da Vittorio Ballestrazzi (Modenacinquestelle.it), ha evidenziato che "la Polizia municipale non è uguale a tutti gli altri corpi per l'uso delle armi. Fino a quando non li istruiamo sulle tecniche operative di contrasto alla criminalità - ha sottolineato - non possiamo paragonarli alle altre forze di Polizia e non devono essere coinvolti in certe operazioni". Un plauso alla delibera è arrivato anche da Fabio Rossi: "? vero che si tratta di un adeguamento ordinario che si intreccia a disposizioni di legge per cui era diventata una necessità intervenire, ma in tema di sicurezza sul lavoro è un provvedimento importante. Va nella direzione di consentire agli agenti di lavorare in maniera più sicura anche usando l'arma da fuoco". Luigi Alberto Pini ha evidenziato che "l'arma da fuoco non per forza è simbolo di autorità, quest'ultima deve essere pensata anche con altri strumenti. E non c'è un rapporto diretto nemmeno tra arma da fuoco e sicurezza, ad esempio gli Stati Uniti, che delle armi hanno fatto un simbolo, sono il Paese con il maggior numero di omicidi". Il capogruppo Paolo Trande ha sottolineato l'evoluzione del ruolo degli agenti di Polizia municipale "determinata dalla trasformazione dei bisogni dei cittadini, anche in seguito a una forte pressione culturale e politica sul tema della sicurezza e dal progressivo calo delle risorse centrali destinate alle forze dell'ordine". Per il Pdl, Michele Barcaiuolo ha parlato di operazione "che rientra più nella routine dell'aggiornamento che non nella sfera di scelte politiche fondamentali", si è detto d'accordo sulla dotazione di armadietti per il deposito delle armi, ma ha denunciato una "progressiva diminuzione di frequentazione degli agenti al poligono". Per il capogruppo Adolfo Morandi si deve andare nella direzione di far partecipare al Tavolo della sicurezza anche le forze politiche presenti in Consiglio comunale tramite il capogruppo. "Non è sufficiente quello che è stato fatto - ha detto in dichiarazione di voto - la gestione della Polizia municipale deve essere migliorata ed è necessario un maggior controllo del territorio". Per Sergio Celloni, Mpa, la modifica al Regolamento è un provvedimento che "già da anni si doveva prendere per aggiornare delle dotazioni". Il consigliere ha chiesto se esiste una Commissione che stabilisca chi può entrare in possesso dell'arma, perché "c'è chi potrebbe non essere adatto". Vittorio Ballestrazzi, Modenacinquestelle.it, ha affermato che "nel Patto per Modena sicura la Polizia municipale è parificata alle altre forze dell'ordine. Ormai le differenze ci sono solo per grandi operazioni che prevedono l'intervento del corpo centrale dello Stato. In dichiarazione di voto, il consigliere ha parlato di "livello massimo di formazione professionale per la Municipale". Nicola Rossi, Lega moderna, ha evidenziato che"è cambiata la società, c'è un'esigenza di sicurezza, reale o percepita, che al momento non ha trovato risposte concrete. L'augurio è che, mancando le risorse a livello nazionale, ci sia una maggiore riorganizzazione della Polizia municipale che consenta ai cittadini di vivere sempre più serenamente". In dichiarazione di voto, Eugenia Rossi, Idv, si è detta d'accordo con la modifica dell'armamento, ritenuto obsoleto, e con l'installazione di armadietti di deposito delle armi. "La forza di una città - ha detto - è non disperdere un patrimonio come quello della Polizia municipale e il vero armamento è mettere in rete e in comunicazione i vari corpi delle forze dell'ordine". L'INTERVENTO DI MARINO   "Tutti gli operatori di Polizia municipale di Modena hanno in dotazione un'arma secondo quanto stabilito dal decreto ministeriale del 1987. Il vigente Regolamento fu adottato nel 1988 e mostra oggi la propria inadeguatezza rispetto all'evoluzione delle attività della Polizia municipale in seguito al cambiamento delle esigenze di controllo del territorio e delle nuove prassi operative", ha spiegato l'assessore. "Ciò risulta evidente dall'art. 3 che stabilisce l'adozione dei calibri 7,65 e 6,35 ormai obsoleti, tanto che anche le case produttrici ne stanno limitando la produzione. Il Regolamento sancisce inoltre l'obbligo di istituzione di un'armeria - ha proseguito Marino - quando l'assegnazione in via continuativa ad ogni operatore riduce considerevolmente il numero delle armi giacenti, per le quali è sufficiente l'osservanza dei normali obblighi di deposito e di custodia". L'assessore ha è espresso l'esigenza del Comando di poter usufruire di cassette blindate di sicurezza per il deposito delle armi, "per prevenire ogni eventuale rischio potenzialmente derivante dalla custodia o dalla movimentazione dell'arma fuori dagli orari di servizio da parte degli assegnatari". Gli agenti seguono un percorso di formazione pratica rispetto all'uso della forza e ai suoi limiti in relazione ai principi riconosciuti sui diritti umani, "pertanto sono consapevoli che è consentito solo se strettamente necessario e solo nella misura necessaria al raggiungimento di un obiettivo legittimo", ha precisato Marino. L'assessore ha infine sottolineato come, pur non trattandosi di materia di trattativa sindacale, siano stati contattati in maniera informale i sindacati di Polizia municipale, "che hanno espresso il proprio consenso alla modifica del Regolamento".
lascia il tuo commento ...
Guarda ModenaNOI TV con i Player esterni per smartphone e tablet
*****************************************************
State ascoltando:

Loading ...

total quality srl - organizzazione direzionale e sistemi integrati qualità/ambiente/sicurezza
rassegna stampa
ritrovaci su facebook

Informativa sulla privacy - modenanoi.it

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito www.modenanoi.it in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un'informativa che è resa anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi del sito web www.modenanoi.it per la protezione dei dati personali, accessibili per via telematica a partire dall'indirizzo: www.modenanoi.it.
L'informativa è resa solo per il sito web www.modenanoi.it e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall'utente tramite link.
L'informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall'art. 29 della direttiva n. 95/46/CE , hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento.
L'accesso al sito www.modenanoi.it presuppone il consenso alla raccolta e al trattamento dei dati personali, secondo le modalità descritte nella presente informativa sulla privacy.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Il "titolare" del loro trattamento è il legale rappresentante responsabile per la protezione dei dati personali: Rughetti Andrea - Castelfranco Emilia (MO) - Italia.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede e sono curati solo da personale tecnico oppure da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso. I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo (bollettini, cd-rom, newsletter, relazioni annuali, risposte a quesiti, atti e provvedimenti, ecc.) sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e sono comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia a tal fine necessario.

TIPI DI DATI TRATTATI

Dati di navigazione. I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l'elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni.

Informativa sui cookie (Cookie Policy)

Al fine di rendere più comoda possibile la Sua visita al nostro sito web, per la presentazione del nostro assortimento di prodotti utilizziamo dei cookies. Si tratta di piccoli aggregati di testo registrati localmente nella memoria temporanea del Suo browser, e quindi nel Suo computer, per periodi di tempo variabili in funzione dell'esigenza e generalmente compresi tra poche ore e alcuni anni, con l'eccezione dei cookie di profilazione la cui durata massima è di 365 giorni solari.
Mediante i cookie è possibile registrare in modo semi-permanente informazioni relative alle Sue preferenze e altri dati tecnici che permettono una navigazione più agevole e una maggiore facilità d'uso e efficacia del sito stesso. Ad esempio, i cookies possono essere usati per determinare se è già stata effettuata una connessione fra il Suo computer e i nostri siti per evidenziare le novità o mantenere le informazioni di "login". A Sua garanzia, viene identificato solo il cookie memorizzato sul suo computer.

TIPOLOGIE DI COOKIE

Questo sito fa uso di tre diverse tipologie di cookie:

1. Cookie tecnici essenziali
Questi cookie sono necessari al corretto funzionamento del sito. Consentono la navigazione delle pagine, la condivisione dei nostri contenuti, la memorizzazione delle Sue credenziali di accesso per rendere più rapido l'ingresso nel sito e per mantenere attive le Sue preferenze e credenziali durante la navigazione. Senza questi cookie non potremmo fornire i servizi per i quali gli utenti accedono al sito.

2. Cookie statistici e prestazionali
Questi cookie ci permettono di sapere in che modo i visitatori utilizzano il sito, per poterne così valutare e migliorare il funzionamento e privilegiare la produzione di contenuti che meglio incontrano i bisogni informativi dei nostri utenti. Ad esempio, consentono di sapere quali sono le pagine più e meno frequentate. Tengono conto, tra le altre cose, del numero di visitatori, del tempo trascorso sul sito dalla media degli utenti e delle modalità di arrivo di questi. In questo modo, possiamo sapere che cosa funziona bene e che cosa migliorare, oltre ad assicurarci che le pagine si carichino velocemente e siano visualizzate correttamente. Tutte le informazioni raccolte da questi cookie sono anonime e non collegate ai dati personali dell'utente. Per eseguire queste funzioni nei nostri siti utilizziamo i servizi di terze parti che anonimizzano i dati rendendoli non riconducibili a singoli individui (cosiddetto "single-in"). Laddove siano presenti servizi non completamente anonimizzati, Lei li troverà elencati tra i cookie di terze parti per i quali è possibile negare il consenso, a garanzia della Sua privacy.

3. Cookie funzionali e di profilazione di terze parti
In questa categoria ricadono sia cookie erogati da soggetti partner di Modenannoi.it e ad essa noti, sia cookie erogati da soggetti terzi non direttamente controllati o controllabili da Modenanoi.it.
I cookie provenienti dai nostri partner consentono di offrire funzionalità avanzate, nonchè maggiori informazioni e funzioni personali. Ciò include la possibilità di condividere contenuti attraverso i social network e di accedere ai servizi di videostreaming. Tali servizi sono principalmente forniti da operatori esterni ingaggiati o consapevolmente integrati da Modenanoi.it. Se si dispone di un account o se si utilizzano i servizi di tali soggetti su altri siti Web, questi potrebbero essere in grado di sapere che l'utente ha visitato i nostri siti. L'utilizzo dei dati raccolti da questi operatori esterni tramite cookie è sottoposto alle rispettive politiche sulla privacy e pertanto si identificano tali cookie con i nomi dei rispettivi soggetti. Tra questi si annoverano i cookie registrati dai principali social network che Le consentono di condividere gli articoli dei nostri siti e di manifestare pubblicamente il gradimento per il nostro lavoro.
I cookie non provenienti da partner di Modenanoi.it, sono cookie veicolati senza il controllo di Modenanoi.it, da soggetti terzi che hanno modo di intercettare l'utente durante la sua navigazione anche al di fuori del sito Modenanoi.it. Questi cookie, tipicamente di profilazione, non sono direttamente controllabili da Modenanoi.it che non può quindi garantire in merito all'uso che i terzi titolari fanno delle informazioni raccolte.

GESTIONE DEI COOKIE

Nel caso in cui Lei abbia dubbi o preoccupazioni in merito all'utilizzo dei cookie Le è sempre possibile intervenire per impedirne l'impostazione e la lettura, ad esempio modificando le impostazioni sulla privacy all'interno del Suo browser al fine di bloccarne determinati tipi.

Poichè ciascun browser - e spesso diverse versioni dello stesso browser - differiscono anche sensibilmente le une dalle altre se preferisce agire autonomamente mediante le preferenze del Suo browser può trovare informazioni dettagliate sulla procedura necessaria nella guida del Suo browser. Per una panoramica delle modalità di azione per i browser più comuni, può visitare l'indirizzo www.cookiepedia.co.uk

Le società pubblicitarie consentono inoltre di rinunciare alla ricezione di annunci mirati, se lo si desidera. Ciò non impedisce l'impostazione dei cookie, ma interrompe l'utilizzo e la raccolta di alcuni dati da parte di tali società.

Per maggiori informazioni e possibilità di rinuncia, visitare l'indirizzo www.youronlinechoices.eu

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy di Modenanoi.it e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti nè utilizzati da Modenanoi.it fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità di cui ai siti citati nel paragrafo "Gestione dei cookie".