Cronaca » Attualità

Lunedì 24 Febbraio 2020 - ore 19:50

Allarme coronavirus / Settima vittima in Italia, è un 62enne di Castiglione d'Adda. Le misure precauzionali del Comune

Oms: 'Molto preoccupati per i casi in Italia'. Il bilancio delle vittime e dei contagi da coronavirus in Italia continua a salire e l'Organizzazione mondiale della sanità avverte: "Dobbiamo concentrarci sul contenimento e prepararci a una potenziale pandemia" mentre auspica "misure cautelative, ma non di paura". I casi confermati nel nostro Paese sono 229, comprese le 6 vittime e il paziente guarito. In Lombardia il maggior numero di contagi. Il capo della Protezione civile: "Non ci sono altri focolai". 229 contagiati in Italia. Il Coronavirus ferma anche la Chiesa. Seta in azione per la disinfezione di tutti imezzi. Disagi per chi viaggia in treno. Martedi previsti ritardi per la linea che porta a Milano. A seguito dell’ordinanza emessa ieri dalla Regione Emilia-Romagna per contenere la diffusione del Coronavirus, SETA si è attivata immediatamente per dare attuazione ad un piano straordinario di sanificazione e disinfezione dei mezzi impiegati nei servizi urbani ed extraurbani nei bacini provinciali di Modena, Reggio Emilia e Piacenza.


Misure precauzionali anche da parte del Comune di Modena, che ha disposto la dotazione di guanti monouso e in certi casi di mascherine facciali filtranti mono-uso per alcuni settori (Polizia locale, Servizi sociali, Servizi demografici) da utilizzare secondo le procedure decise dal dirigente in base alle disposizioni del Ministero dell’Interno. Inoltre, ai servizi demografici di via Santi, dove il personale addetto agli sportelli sarà fornito di guanti monouso, l’accesso del pubblico è scaglionato e regolato in modo da evitare assembramenti di persone nella sala d’attesa dove, in considerazione dell’ampiezza, potranno sostare fino a una ventina di persone. Stessa misura è stata adottata anche all’Ufficio casa, che si trova nello stesso stabile, dove l’afflusso è particolarmente significativo vista l’avvicinarsi della scadenza per la presentazione della domanda al contributo per l’affitto regionale.

-----

Sono sette le vittime in Italia per il coronavirus, sei in Lombardia e una in Veneto. E' morto nel pomeriggio all'ospedale Sant'Anna di Como il paziente trasferito dal Lodigiano nel fine settimana e risultato positivo al tampone al coronavirus. L'uomo, 62 anni, residente a Castiglione d'Adda, già dializzato, presentava una serie di importanti patologie croniche pregresse. Aveva contratto il Covid-19 ed era stato trasferito a Como nella notte tra venerdì e sabato. Lo si apprende da fonti ospedaliere confermate dalla Regione. Questa mattina era deceduto un ottantenne di Castiglione d'Adda risultato positivo al Coronavirus, morto all'ospedale Sacco di Milano. Giovedì scorso era stato portato dal 118 all'ospedale di Lodi per un infarto, stesso giorno in cui era arrivato il 38enne che è stato il primo paziente risultato positivo al virus. L'ottantenne è stato ricoverato in rianimazione e poi, risultato positivo al virus, trasferito al Sacco di Milano dove è deceduto. Un'altra vittima di oggi era residente a Caselle Landi, un centro di circa 1.500 abitanti della provincia di Lodi. L'uomo aveva 88 anni. Sempre oggi è morta una terza persona. Si tratta di un uomo di 84 anni che era ricoverato al Giovanni XXIII di Bergamo.

Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha reso noto che gli analisti delle malattie infettive dell'Ospedale Santorso di Vicenza "confermano che il paziente di Albettone, che secondo quanto dichiarato da lui stesso sarebbe stato a Codogno, è risultato negativo al test del coronavirus". 

La Regione Lombardia ha smentito la morte della donna di Crema, data stamani per deceduta da fonti ospedaliere degli Spedali civili di Brescia: "In merito alla notizia diffusa dagli organi di stampa in relazione ad una morte agli Spedali Civili di Brescia - spiega una nota della Regione stessa -, sentita la Direzione Sanitaria dell'Azienda Socio Sanitaria Territoriale, Regione Lombardia smentisce tale informazione, precisando che in tale struttura non si è verificato alcun decesso".

----------

Borrelli: "Tra i 229 casi 172 in Lombardia e 33 in Veneto"

Tra i 229 contagiati in Italia, ci sono 172 casi in Lombardia (dove si contano cinque morti), 33 in Veneto (con una vittima), 18 in Emilia Romagna, tre nel Lazio (la coppia di cinesi e il ricercatore già dimesso) e tre in Piemonte. Le persone positive al virus sono 222 e tra di loro 101 sono ricoverate con sintomi, 27 si trovano in terapia intensiva e 94 in isolamento domiciliare. Questi i dati aggiornati sulla diffusione del coronavirus in Italia, comunicati dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli.

---------
Un milione di mascherine chirurgiche per rifornire ospedali e ambulatori medici alle prese con l’emergenza coronavirus, più – dal prossimo lunedì – 500 mila a settimana per gli operatori delle strutture sanitarie dell’Emilia Romagna. Ma la Regione chiede uno sforzo maggiore alla Protezione civile. In questa regione non c’è nessun allarme, precisa ancora Venturi, che attacca le fake news che stanno circolando in queste ore. “La pazienza è finita” è il monito.
-----
Gravi disagi nel traffico ferroviario, tra Lombardia e Emilia. La circolazione dei treni sulla linea Lodi-Piacenza è bloccata dalle 13.30 per controlli sanitari e "attività precauzionali" alla stazione di Casalpusterlengo, nella zona rossa del Coronavirus. "In via precauzionale - spiega Rfi in una nota - l'offerta dei servizi di trasporto da domani, martedì 25 febbraio, sarà ridotta, anche in funzione della domanda di trasporto prevista dalle imprese ferroviarie".     Ritardi da 100 a 287 minuti si sono registrati per i treni che da Milano Centrale sono diretti a Torino Porta Nuova, Salerno e Roma. Riguardano i convogli Alta Velocità: sia le Frecce di Trenitalia che i treni di Italo. Per tutti è cambiato il percorso, deviato per consentire di sanificare la stazione di Casalpusterlengo.

-------

Gli studenti universitari lucani che decidessero di tornare in Basilicata dopo la sospensione delle attività nelle università di Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Liguria e Friuli-Venezia Giulia "o che vi abbiano soggiornato negli ultimi 14 giorni", dovranno sottoporsi a "misure di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva". Lo prevede un'ordinanza del presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, che ha definito la misura "una prima forma di prevenzione", con carattere "non coercitivo ma fiduciario". Gli studenti che tornano in Basilicata "dovranno comunicare la loro presenza ai competenti servizi di sanità pubblica, attraverso i numeri telefonici disponibili sul sito delle Aziende sanitarie di Potenza e Matera".

-------
La Regione Emilia Romagna ha attivato un numero Verde dedicato all’emergenza coronavirus. Il numero – lo vedete in sovrimpressione – è 800-033-033. Come suggerito dall’assessore Venturi, possono chiamare cittadini che hanno dubbi rispetto all’essere entrati in contatto con persone contagiate o all’aver frequentato le zone rosse, come il Lodigiano. L’appello è a non recarsi nei pronto soccorso della nostra regione in presenza di sintomi, ma di chiamare il numero verde o, nei casi gravi, il 118.
----

SCUOLE CHIUSE
89 istituzioni scolastiche statali a cui sono da aggiungere i servizi educativi per la prima infanzia, i nidi e le scuole dell’infanzia della gestione paritaria. A casa da questa mattina ci sono, considerando le scuole statali di Modena e provincia, quasi 100mila studenti e ovviamente tutti gli studenti emiliano romagnoli. “Ci teniamo costantemente in contatto con la Regione – ha spiegato Silvia Menabue – Si tratta della prima volta che viene effettuato un provvedimento di questa portata”

-------
seta
E’ cominciata da oggi la disinfezione periodica di tutti i mezzi di trasporto pubblico locale, come prescritto dall’ordinanza regionale per la lotta al coronavirus. Intanto, a seguito della chiusura delle scuole, l’Agenzia per la mobilità ha adottato l’orario ridotto di vacanza scolastica. Per evitare che un viaggio su mezzi pubblici possa diventare occasione di contagio, la regione Emilia Romagna ha introdotto l’obbligo per le aziende di trasporto di disinfettare tutti i veicoli. Seta ha avviato queste operazioni con l’utilizzo di prodotti adeguati. “Abbiamo iniziato la sanificazione degli autobus con prodotti a base di cloro o alcol. Sarà fatto quotidianamente fino al termine dell’emergenza”, spiega Simone Aristarchi di Seta.

Particolare attenzione è dedicata al posto di guida del conducente e alle parti di maggior contatto per i passeggeri, come i mancorrenti, gli appoggi e i sedili. “Le pulizie già di norma venivano fatte giornalmente. Ogni giorno da questo deposito escono cento autobus. I turni di pulizia vengono svolti la mattina presto, al pomeriggio e alla sera”.

Una prevedibile misura adottata dall’Agenzia della Mobilità è la riduzione delle corse. La sospensione delle lezioni in tutte le scuole ha ovviamente tolto buona parte di utenza, per cui sono stati ripristinati gli orari ridotti di vacanza scolastica sia nei servizi urbani che in quelli suburbani. Gian Piero Del Monte.

----
Il Coronavirus ferma anche la Chiesa. Dopo le limitazioni e le sospensioni delle celebrazioni in altre realtà (in regione ieri a Piacenza, ad esempio), anche le diocesi di Modena e di Carpi si adeguano all’ordinanza del presidente della regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini.

Ecco la comunicazione arrivata ieri in tarda serata da parte dell’arcivescovo di Modena e amministratore apostolico di Carpi, don Erio Castellucci: “In considerazione di tale ordinanza, sentito anche il Prefetto di Modena, nei territori dell’arcidiocesi di Modena-Nonantola e nella diocesi di Carpi le parrocchie e gli enti ecclesiali sospenderanno le attività che rientrano nell’elenco indicato dalla Regione - scrive il vescovo in un comunicato che è stato inviato a tutte le parrocchie e che i parroci hanno diffuso immediatamente soprattutto attraverso i vari gruppi di Whatsapp, messaggio che è rapidamente rimbalzato di gruppo in gruppo raggiungendo moltissime persone - Sono inoltre sospese le celebrazioni liturgiche feriali per l’intera settimana da lunedì 24 febbraio a sabato 29 febbraio compreso. Per quanto riguarda le messe prefestive di sabato 29 e le messe festive di domenica 1 marzo, verrà diffuso un aggiornamento entro giovedì sera”. Ma qui c’è la parte più importante e significativa, dato che mercoledì inizia la quaresima il periodo che prepara alla Pasqua e che inizia appunto con la celebrazione del mercoledì delle ceneri che verrà dunque annullata in tutte le parrocchie delle due diocesi: “In sostituzione della celebrazione del Mercoledì delle Ceneri, il 26 febbraio - scrive don Erio -, i fedeli sono invitati ad un momento di preghiera e meditazione personale e in famiglia, anche con l’ausilio delle celebrazioni trasmesse alla radio e alla televisione”. Dunque non sono semplicemente sospese le attività dei vari gruppi, associazioni e movimenti (ieri in serata messaggi di questo genere sono arrivati sulle chat di un po’ tutte le realtà aggregative ecclesiali, dagli scout dell’Agesci all’Azione Cattolica, passando per Csi e tantissime altre sigle della galassia cattolica) ma sono sospese anche quasi tutte le celebrazioni. Quasi tutte, perchè le messe per le esequie dei defunti, i funerali, saranno mantenuti sia pure con alcune limitazioni. Ecco, ancora, il comunicato a firma dell’arcivescovo Castellucci: “I funerali si celebrino in chiesa chiedendo la presenza di un numero ristretto di persone”.

Del resto non sarebbe possibile rinviare o sospendere in qualche modo la celebrazioni funebri. Infine don Erio dispone anche lo stop alle tradizionali benedizioni pasquali, le visite dei sacerdoti e di loro collaboratori (diaconi, religiosi e in alcune realtà anche laici) alle famiglie che molte parrocchie fanno in questo periodo: “È opportuno sospendere per l’intera settimana le benedizioni annuali alle famiglie”. Una settimana di stop anche alla vita ecclesiale, dunque, con l’invito a pregare da soli o in famiglia.
-------
RINVII

Fino al 1 marzo 2020, Fondazione Modena Arti Visive chiude gli spazi espositivi e sospende le attività didattiche nel rispetto dell'ordinanza regionalesul Coronavirus.

Fondazione Modena Arti Visive comunica che, nel rispetto dell'ordinanza della Regione Emilia-Romagna sulle norme di contenimento del Coronavirus, tutti gli spazi espositivi e la Scuola di alta formazione rimaranno chiusi fino a domenica 1 marzo 2020.

L’ordinanza, firmata dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e dal ministro della Salute, Roberto Speranza, con l'obiettivo di fronteggiare la diffusione del Coronavirus e offrire le migliori condizioni possibili di sicurezza e tutela ai cittadini, prevede infatti la sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di aggregazione in luogo pubblico o privato, anche di natura culturale, ludico o sportiva, svolti sia in luoghi chiusi che aperti al pubblico.

Rimandati dunque a data da destinarsi gli appuntamenti di questa settimana di Fondazione Modena Arti Visive, e in particolare l'incontro con Massimo Osanna, direttore del Parco Archeologico di Pompei, previsto al MATA per mercoledì 26 febbraio, e l'inaugurazione della mostra Upgrade in Progressdi Geumhyung Jeong, che avrebbe dovuto tenersi alla Palazzina dei Giardini venerdì 28 febbraio. Rinviato anche il live demonstration tourcondotto da Jeong, previsto per domenica 1 marzo.

Sono annullati tutti i laboratori e le visite guidate di questa settimana, e sospese tutte le attività didattiche della Scuola di alta formazione. Sono altresì sospesi per questa settimana i corsi seraliElements - Digital marketing ed Elements - Fotografia e tecniche di ripresa upgrade.



lascia il tuo commento ...
Guarda ModenaNOI TV con i Player esterni per smartphone e tablet
*****************************************************
State ascoltando:

Loading ...

total quality srl - organizzazione direzionale e sistemi integrati qualità/ambiente/sicurezza
rassegna stampa
ritrovaci su facebook

Informativa sulla privacy - modenanoi.it

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito www.modenanoi.it in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un'informativa che è resa anche ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 - Codice in materia di protezione dei dati personali a coloro che interagiscono con i servizi del sito web www.modenanoi.it per la protezione dei dati personali, accessibili per via telematica a partire dall'indirizzo: www.modenanoi.it.
L'informativa è resa solo per il sito web www.modenanoi.it e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall'utente tramite link.
L'informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall'art. 29 della direttiva n. 95/46/CE , hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento.
L'accesso al sito www.modenanoi.it presuppone il consenso alla raccolta e al trattamento dei dati personali, secondo le modalità descritte nella presente informativa sulla privacy.

IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Il "titolare" del loro trattamento è il legale rappresentante responsabile per la protezione dei dati personali: Rughetti Andrea - Castelfranco Emilia (MO) - Italia.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso la predetta sede e sono curati solo da personale tecnico oppure da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione. Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso. I dati personali forniti dagli utenti che inoltrano richieste di invio di materiale informativo (bollettini, cd-rom, newsletter, relazioni annuali, risposte a quesiti, atti e provvedimenti, ecc.) sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e sono comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia a tal fine necessario.

TIPI DI DATI TRATTATI

Dati di navigazione. I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente. Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l'elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito: salva questa eventualità, allo stato i dati sui contatti web non persistono per più di sette giorni.

Informativa sui cookie (Cookie Policy)

Al fine di rendere più comoda possibile la Sua visita al nostro sito web, per la presentazione del nostro assortimento di prodotti utilizziamo dei cookies. Si tratta di piccoli aggregati di testo registrati localmente nella memoria temporanea del Suo browser, e quindi nel Suo computer, per periodi di tempo variabili in funzione dell'esigenza e generalmente compresi tra poche ore e alcuni anni, con l'eccezione dei cookie di profilazione la cui durata massima è di 365 giorni solari.
Mediante i cookie è possibile registrare in modo semi-permanente informazioni relative alle Sue preferenze e altri dati tecnici che permettono una navigazione più agevole e una maggiore facilità d'uso e efficacia del sito stesso. Ad esempio, i cookies possono essere usati per determinare se è già stata effettuata una connessione fra il Suo computer e i nostri siti per evidenziare le novità o mantenere le informazioni di "login". A Sua garanzia, viene identificato solo il cookie memorizzato sul suo computer.

TIPOLOGIE DI COOKIE

Questo sito fa uso di tre diverse tipologie di cookie:

1. Cookie tecnici essenziali
Questi cookie sono necessari al corretto funzionamento del sito. Consentono la navigazione delle pagine, la condivisione dei nostri contenuti, la memorizzazione delle Sue credenziali di accesso per rendere più rapido l'ingresso nel sito e per mantenere attive le Sue preferenze e credenziali durante la navigazione. Senza questi cookie non potremmo fornire i servizi per i quali gli utenti accedono al sito.

2. Cookie statistici e prestazionali
Questi cookie ci permettono di sapere in che modo i visitatori utilizzano il sito, per poterne così valutare e migliorare il funzionamento e privilegiare la produzione di contenuti che meglio incontrano i bisogni informativi dei nostri utenti. Ad esempio, consentono di sapere quali sono le pagine più e meno frequentate. Tengono conto, tra le altre cose, del numero di visitatori, del tempo trascorso sul sito dalla media degli utenti e delle modalità di arrivo di questi. In questo modo, possiamo sapere che cosa funziona bene e che cosa migliorare, oltre ad assicurarci che le pagine si carichino velocemente e siano visualizzate correttamente. Tutte le informazioni raccolte da questi cookie sono anonime e non collegate ai dati personali dell'utente. Per eseguire queste funzioni nei nostri siti utilizziamo i servizi di terze parti che anonimizzano i dati rendendoli non riconducibili a singoli individui (cosiddetto "single-in"). Laddove siano presenti servizi non completamente anonimizzati, Lei li troverà elencati tra i cookie di terze parti per i quali è possibile negare il consenso, a garanzia della Sua privacy.

3. Cookie funzionali e di profilazione di terze parti
In questa categoria ricadono sia cookie erogati da soggetti partner di Modenannoi.it e ad essa noti, sia cookie erogati da soggetti terzi non direttamente controllati o controllabili da Modenanoi.it.
I cookie provenienti dai nostri partner consentono di offrire funzionalità avanzate, nonchè maggiori informazioni e funzioni personali. Ciò include la possibilità di condividere contenuti attraverso i social network e di accedere ai servizi di videostreaming. Tali servizi sono principalmente forniti da operatori esterni ingaggiati o consapevolmente integrati da Modenanoi.it. Se si dispone di un account o se si utilizzano i servizi di tali soggetti su altri siti Web, questi potrebbero essere in grado di sapere che l'utente ha visitato i nostri siti. L'utilizzo dei dati raccolti da questi operatori esterni tramite cookie è sottoposto alle rispettive politiche sulla privacy e pertanto si identificano tali cookie con i nomi dei rispettivi soggetti. Tra questi si annoverano i cookie registrati dai principali social network che Le consentono di condividere gli articoli dei nostri siti e di manifestare pubblicamente il gradimento per il nostro lavoro.
I cookie non provenienti da partner di Modenanoi.it, sono cookie veicolati senza il controllo di Modenanoi.it, da soggetti terzi che hanno modo di intercettare l'utente durante la sua navigazione anche al di fuori del sito Modenanoi.it. Questi cookie, tipicamente di profilazione, non sono direttamente controllabili da Modenanoi.it che non può quindi garantire in merito all'uso che i terzi titolari fanno delle informazioni raccolte.

GESTIONE DEI COOKIE

Nel caso in cui Lei abbia dubbi o preoccupazioni in merito all'utilizzo dei cookie Le è sempre possibile intervenire per impedirne l'impostazione e la lettura, ad esempio modificando le impostazioni sulla privacy all'interno del Suo browser al fine di bloccarne determinati tipi.

Poichè ciascun browser - e spesso diverse versioni dello stesso browser - differiscono anche sensibilmente le une dalle altre se preferisce agire autonomamente mediante le preferenze del Suo browser può trovare informazioni dettagliate sulla procedura necessaria nella guida del Suo browser. Per una panoramica delle modalità di azione per i browser più comuni, può visitare l'indirizzo www.cookiepedia.co.uk

Le società pubblicitarie consentono inoltre di rinunciare alla ricezione di annunci mirati, se lo si desidera. Ciò non impedisce l'impostazione dei cookie, ma interrompe l'utilizzo e la raccolta di alcuni dati da parte di tali società.

Per maggiori informazioni e possibilità di rinuncia, visitare l'indirizzo www.youronlinechoices.eu

ACCETTAZIONE E RINUNCIA DEI COOKIE

Proseguendo nella navigazione su questo sito chiudendo la fascetta informativa o facendo click in una qualsiasi parte della pagina o scorrendola per evidenziare ulteriore contenuto, si accetta la Cookie Policy di Modenanoi.it e verranno impostati e raccolti i cookie. In caso di mancata accettazione dei cookie mediante abbandono della navigazione, eventuali cookie già registrati localmente nel Suo browser rimarranno ivi registrati ma non saranno più letti nè utilizzati da Modenanoi.it fino ad una successiva ed eventuale accettazione della Policy. Lei avrà sempre la possibilità di rimuovere tali cookie in qualsiasi momento attraverso le modalità di cui ai siti citati nel paragrafo "Gestione dei cookie".